Homeentertainment"Io Capitano": un'epopea africana ispirata a fatti realmente accaduti vince la Mostra...

“Io Capitano”: un’epopea africana ispirata a fatti realmente accaduti vince la Mostra del Cinema di Venezia



CNN

Ai piedi di una duna di sabbia, in un angolo inesplorato del deserto del Sahara, una donna cade a terra. Davanti a noi, una carovana di anime erranti si allontana. Lei chiede aiuto e un giovane – un ragazzo, già vecchio per quello che ha visto e fatto – accorre in suo aiuto. La solleva sopra la testa finché non vola, l’orlo del vestito svolazza come la coda di una sirena nonostante l’immobilità dell’aria. Tenendosi per mano, viaggiano insieme.

Ma questa era tutta fantasia. Non mi sono fermato. La donna probabilmente è morta dove è caduta, unendosi presto ai resti di altri migranti africani che sono scivolati sotto la sabbia, senza mai raggiungere l’Europa.

In “Io Capitano” del regista Matteo Garrone non c’è vergogna nel ritirarsi nella fantasia. Fornisce conforto quando la vita non può e ci sono troppe difficoltà da sopportare. Dramma sugli immigrati raccontato dal punto di vista di due cugini senegalesi che viaggiano attraverso l’Africa occidentale verso l’Italia, il film è un viaggio epico con tocchi dell’Odissea portati in vita nella scena della loro missione.

Quella che inizia come un’avventura per Seydou e Moussa, interpretati dagli attori esordienti Seydou Sarr e Mustafa Fall, si trasforma in ricatto, sfruttamento e morte mentre si dirigono verso nord attraverso il Niger e la Libia fino ai confini del Mediterraneo. (Il titolo si riferisce agli immigrati costretti a diventare capitani di navi che attraversavano il mare.)

“Io Capitano” è stato presentato in anteprima la settimana scorsa Alla Mostra del Cinema di Venezia, dove Garrone vinse il premio per la miglior regia e Saar quello per la miglior giovane interpretazione maschile, è uscito nelle sale italiane il 7 settembre. maturando nella politica nazionale. Tagliare attraverso Statistiche agghiaccianti – Quest’anno sono oltre 2.700 i migranti morti o dispersi nel Mediterraneo Garrone racconta una storia molto simpatica, riconducendola alla sua fonte.

“Volevo rappresentare un fenomeno che siamo tutti convinti di conoscere sotto una luce diversa, per mostrare alla gente che non si tratta solo di barche che arrivano a riva”, ha detto Garrone alla CNN in una telefonata da Venezia.

Ha aggiunto: “Il mio approccio è stato quello di provare a fare una sorta di contrattacco”. “Per spostare completamente questa prospettiva che noi (europei) siamo abituati a vedere, ho spostato la mia macchina fotografica dall’Africa all’Europa, in modo che la visione sia opposta”.

READ  Airbnb da film e programmi TV

01 Distribuzione

In questa scena di “Io Capitano”, la fantasia offre una breve tregua dalle difficoltà della realtà.

Il cinema africano non è estraneo alle storie di migrazione verso l’Europa. alcuni di loro La maggior parte dei film biografici trattano questo argomento, tra cui “The Black Girl” (1966) del regista Ousmane Sembène e “Soleil O” (1970) di Meade Hondo rispettivamente dal Senegal e dalla Mauritania. Come molti film di registi africani ed europei, esamina la nuova vita degli africani in Europa. C’erano altri modi. Atlantics (2019), film pluripremiato a Cannes del regista franco-senegalese Mati Diop, si è concentrato sugli amici e sulla famiglia che ha lasciato, creando una storia di fantasmi sulla migrazione. Ma per un regista bianco europeo come Garrone, ancorare una storia di immigrati in Africa è insolito.

Per fare questo, si è rivolto a Mamadou Kouassi, un ivoriano che aveva fatto il viaggio con suo cugino circa 15 anni fa. Kwasi ora vive a Caserta vicino a Napoli, in Italia, ed è un mediatore culturale tra le autorità e i nuovi immigrati, aiutandoli a condividere le loro storie. In qualità di consulente di sceneggiatura, Kwasi ha descritto cosa gli è successo Una serie di interviste a Jaroni e ai suoi colleghi scrittori; Gran parte di esso è finito nel film.

“La storia di Mamadou è stata per me più preziosa, perché la sua narrazione ha rivelato aspetti che mi hanno davvero sorpreso e che avevo completamente ignorato”, ha detto il regista. “Sono questi i dettagli umani e intimi che stanno alla base della scelta di lasciare il proprio Paese”.

“Questo racconta una storia che la maggior parte dei film non racconta, perché la maggior parte delle volte non iniziano dall’inizio”, ha detto Kwasi. Nel film, i ragazzi fanno visita al leader spirituale Almoravide, per prepararli psicologicamente, che chiede loro di ottenere dai loro antenati defunti il ​​permesso di partire, passo intrapreso da Kwasi. Questi riferimenti culturali acquisiscono maggiore importanza man mano che il film avanza e diventano una delle sue più grandi risorse narrative.

READ  Magico, criminale, incompreso: ricordare Buddhadeep Dasgupta

Greta De Lazares/01 Distribuzione

“Io Capitano” non si tira indietro nel mostrare i pericoli che i due protagonisti affrontano durante il loro viaggio, compresa la prigionia di Seydoux in Libia.

Seydou Sarr e Mustapha Fall sono stati selezionati tra circa 100 candidati. “Quando ci siamo incontrati, è successo qualcosa tra noi”, ricorda Saar. “Lui (Val) è diventato subito mio amico. Da lì abbiamo condiviso le stesse esperienze, condiviso la stessa sala di ripresa. Questo ha rafforzato (il nostro legame) ancora di più”.

Le riprese principali si sono svolte in Senegal, Marocco e Italia ed è stata una grande esperienza per gli attori. “Ha davvero cambiato me e il modo in cui guardo ai sacrifici e alle sofferenze dei migranti”, ha detto Val, evidenziando le scene nel deserto (girate in Marocco) come le più difficili da filmare.

Entrambi hanno detto che gli piacerebbe continuare a recitare, e Val ha aggiunto che gli piacerebbe fare anche il modello (se la sua apparizione sul tappeto rosso di Venezia è qualcosa su cui basarsi, potrebbe avere ragione).

Pascal Le Segretin/Getty Images

Mustafa Fall partecipa al tappeto rosso per “Io Capitano” alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Pieni di ambizione, condividono alcuni degli stessi tratti dei loro omonimi immaginari. Camminò Stella di Tik Tok In Senegal, la cui passione per il canto è stata incorporata nel testo; Ho lasciato la sua personalità Il Senegal spera di diventare un artista discografico in Europa.

“Io Capitano” descrive l’Europa come luogo e idea in parti uguali – un’idea mediata da ciò che i ragazzi hanno visto e sentito attraverso gli schermi degli smartphone; Abbastanza vicino da poterlo tenere nel palmo della mano ma frustrantemente inaccessibile. Vengono avvertiti: “L’Europa non è quello che immaginate che sia”, ma Seydou e Musa la vedono come l’unico posto dove realizzare i loro sogni.

“I giovani africani sono esposti alla globalizzazione quanto noi, il che significa che hanno una finestra costantemente aperta sullo stile di vita nel mondo occidentale”, ha affermato Garrone. “Condividono il desiderio molto umano di migliorare le proprie condizioni di vita e tentare la fortuna in Occidente”.

READ  Emma Korine posa senza pantaloni alla Mostra del Cinema di Venezia

“Vedono i loro coetanei, i bambini europei, venire in vacanza in Africa, in completa libertà e viaggiare in aereo senza paure”, ha continuato, aggiungendo che i giovani africani vogliono la stessa libertà di viaggiare.

Come Sidhu in “Io Capitano”, Kwasi ha detto di aver visto persone abbandonate nel deserto, separate da suo cugino e successivamente detenute in Libia – cosa che Garrone ha rappresentato con dettagli grafici e inquietanti. Parlando il giorno dopo la première, Kwasi ha detto: “Ho iniziato a piangere durante il film”. “Questo film mi fa rivivere la mia vita di 15 anni fa. È un’emozione che ho dimenticato.”

È comunque grato al regista per il suo approccio: “Matteo non ha tralasciato nulla”. Ha spiegato – rivelato – la realtà e la verità.

Tiziana Fabi/AFP tramite Getty Images

Da sinistra a destra: il consulente alla sceneggiatura Mamadou Kouassi, l’attore Seydou Sarr, il regista Matteo Garrone e l’attore Mustapha Fall, con Garrone che riceve il Leone d’Argento per la migliore regia per “Io Capitano” alla Mostra del Cinema di Venezia il 9 settembre 2023.

“Io Capitano” termina con una nota ambigua. Finisce anche dove potrebbe iniziare un altro film, anche se Garrone deve ancora impegnarsi per un seguito.

Il regista spera che il film venga proiettato nelle scuole europee e africane per ricordare i privilegi europei e una lezione sui pericoli affrontati dagli immigrati dell’Africa occidentale. Kwasi concorda sul fatto che si dovrebbe prendere in considerazione anche l’aggiunta di un pubblico più anziano.

“Ciò rivela come siamo stati isolati dai diritti umani”, ha affermato. “Penso che questo sia importante, invia un messaggio molto importante all’Europa”.

“Io Capitano” è stato presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia il 6 settembre. La data di uscita negli Stati Uniti e nel Regno Unito non è stata ancora annunciata.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News