SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Invita il governo dell’Australia occidentale a impegnarsi a fare del controllo del tabacco una priorità

Per gentile concessione del Cancer Council WA

Oggi è la Giornata mondiale senza tabacco. Usiamo oggi per invitare il governo dell’Australia occidentale a impegnarsi a rendere il controllo del tabacco una priorità, con nuovi dati che rivelano che un approccio rigoroso al tabacco ha salvato circa quattro vite a settimana dalla morte di cancro ai polmoni dal 1982.

Melissa Ledger, la nostra direttrice per la prevenzione e la ricerca sul cancro, ha affermato che una nuova ricerca dei ricercatori del Daffodil Center dell’Università di Sydney mostra che migliaia di vite nell’Australia occidentale sono già state salvate e continueranno a essere salvate attraverso un approccio rigoroso al tabacco.

“Negli ultimi quattro decenni, l’Australia ha implementato numerose iniziative di controllo del tabacco, tra cui tasse sul tabacco, divieti sulla pubblicità del tabacco, legislazione antifumo, imballaggi semplici, legislazione sui punti vendita e campagne di sensibilizzazione pubblica a livello statale e nazionale”, ha affermato la Sig. Ha detto Ledger.

“Sebbene le aziende produttrici di tabacco ei loro gruppi di facciata siano stati inesorabilmente contrari a queste iniziative, la nostra ricerca ha dimostrato che a causa di queste misure rigorose, più di 7.200 australiani occidentali sono sfuggiti alla morte per cancro ai polmoni causato dal tabacco negli ultimi 35 anni.

“Guardando al futuro, dato l’intervallo di tempo tra l’esposizione al tabacco e le morti per cancro ai polmoni, si stima che senza il controllo del tabacco, più di 76.000 australiani occidentali moriranno di cancro ai polmoni tra il 2017 e il 2050.

Tuttavia, nonostante le iniziative di controllo del tabacco di successo attualmente in atto, circa la metà dei decessi per cancro ai polmoni non sarà evitata. Ciò significa che il continuo impegno per il controllo del tabacco deve rimanere una delle principali priorità di salute pubblica per il governo dell’Australia occidentale.

READ  Un programma di educazione allo stile di vita aiuta ad aumentare l'attività fisica da moderata a intensa

“In base alle tendenze attuali, il Western Australian Cancer Council stima che entro il 2050 dovremmo essere in grado di vedere che le iniziative per il controllo del tabacco fino al 2016 hanno prevenuto circa 150.000 decessi correlati al tabacco nell’Australia occidentale dal 2017. Anche se questo è un numero sorprendente di persone reali E nella vita reale, possiamo ancora fare molto meglio: con l’11,9% della popolazione dell’Australia Occidentale di età superiore ai 14 anni continua a fumare ogni giorno, a meno che i governi non aumentino il loro impegno per il controllo del tabacco, dobbiamo ancora affrontare un numero inaccettabile di decessi correlati al tabacco . Può essere prevenuto ora e in futuro. “

La signora Ledger ha detto che un recente sondaggio del Cancer Council of Australia ha rilevato che la stragrande maggioranza degli australiani occidentali sostiene iniziative di controllo del tabacco.

“Il nostro sondaggio ha rilevato che quasi il 90% degli adulti nell’Australia occidentale, compresi fumatori e non fumatori, sostiene la creazione di più spazi liberi dal fumo”, ha detto.

Circa tre quarti degli adulti nell’Australia occidentale intervistati sostengono che luoghi come Rottnest Island, Kings Park ed Elizabeth Quay siano completamente privi di fumo, mentre il 70% dei non fumatori e il 40% dei fumatori intervistati preferiscono l’eliminazione graduale delle vendite di tabacco nell’Australia occidentale, con solo il 13 per cento di opposizione.

“I responsabili delle decisioni non possono continuare a sentirsi soddisfatti mentre il fumo di tabacco continua a essere la principale causa di morte e malattie prevenibili. Esortiamo i governi statali e federali a impegnarsi a salvare migliaia di vite rendendo il controllo del tabacco una priorità”.

READ  Due dei casi di COVID collegati all'epidemia di Melbourne sono stati riclassificati come falsi positivi

/ Rilascio generale. Questo materiale proviene dallo stabilimento originale e può essere di natura cronologica ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. Spettacolo completo Qui.