HomeentertainmentIn trincea: come acquistare un cappotto usato pronto per la sfilata |...

In trincea: come acquistare un cappotto usato pronto per la sfilata | Cappotti invernali

GI cappotti in legno vivono nella mia immaginazione più di ogni altro indumento. La maggior parte delle mie foto in passerella ritraggono lunghi cappotti di lana dalla forma perfetta, con ampi risvolti, spalle esagerate e maniche raglan. Sono sempre doppiopetto e sono realizzati da designer come The Row, Lemaire, Phoebe Philo e Jil Sander. La maggior parte delle volte non riesco a guardare i cartellini dei prezzi.

“La cosa sorprendente dei cappotti, che non è vera per nessun altro capo di abbigliamento, è la loro capacità di ridefinire completamente un aspetto e una sensazione”, afferma la stilista di Melbourne Emma Boselli. Dal momento che esaminano i tuoi vestiti e mantengono i loro, siano essi cocoon, oversize o su misura, “hanno la capacità di giocare con dimensioni e dimensioni”.

Ma un buon cappotto può rappresentare un investimento importante, soprattutto considerando l’alto costo delle fibre naturali. Ma poiché “un cappotto ben fatto dovrebbe durare una vita”, secondo il direttore creativo di Esse Studios, Charlotte Hicks, è possibile acquistare un cappotto che sembri uscito dalla passerella per una frazione del prezzo usato, se sai cosa vuoi Volere. «Lo sto cercando.»

Trova il tuo stile preferito

Se non hai l’abitudine di salvare le foto delle sfilate di moda, potresti dover fare qualche ricerca. Boseley consiglia di esaminare gli attuali stili di piattaforma. “Inizia la ricerca in base alle sagome che ti piacciono e costruisci da lì”, afferma. Riviste di moda tra cui Vogue, Elle e Harper’s Bazaar forniscono riassunti delle tendenze delle passerelle con immagini di accompagnamento.

Mentre la moda si sta evolvendo rapidamente, negli ultimi dieci anni circa è successo qualcosa di interessante nelle tendenze dei cappotti: gli stili migliori sono tutti silhouette esagerate del passato. “Quando guardi quello che stiamo vedendo ora, è davvero una replica esatta di tutti gli ultimi decenni”, dice Hicks. “Che si tratti dei maestosi risvolti larghi degli anni ’30, del rilassato doppiopetto degli anni ’80 o della vita più opprimente degli anni ’50, è tutto lì.”

READ  Cosa c'è in TV questa settimana: "Aka Mr. Chow" e alcuni film spaventosi

I cappotti sartoriali lunghi fino al pavimento che vediamo negli stili monopetto e doppiopetto e con le spalle larghe sono “un inno alla moda tosta degli anni ’80”, afferma Bosley.

La forma a clessidra, disponibile in una lunghezza più corta, con caratteristiche sartoriali e vita stretta, ricorda la fine degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’50, tornata alla fine degli anni ’70 e ’80. “Adoro quanto sia sexy questo stile di cappotto”, dice.

Le sue altre tendenze preferite includono i classici: cappotti corti e lunghi e giacche di pelle.

Cappotti di Jil Sander, Carvin e Celine. Composito: Gamma Rafo/Estrup/Getty Images

Consigli per l’acquisto di cappotti vintage online

Una volta che hai un’idea di cosa stai cercando, è il momento di cercare negozi e siti web vintage e di rivendita. “È incredibile cosa troverai quando riesci a individuare esattamente ciò che stai cercando”, afferma Boselli.

Sebbene i negozi di rivendita di lusso online offrano un’ampia scelta, può essere difficile acquistare un cappotto online. Senza provarlo, è difficile conoscere la qualità, la lunghezza e le dimensioni del tessuto.

Boseley ha avuto successo acquistando cappotti invernali da negozi dell’usato locali e internazionali tra cui Grailed e Buyee, quest’ultimo per pezzi speciali preferiti dai designer giapponesi. Altre opzioni includono Vestiaire Collective e ReSee. Per un mix di designer e marchi famosi, c’è Depop, eBay, The Turn e Facebook Marketplace.

Per confermare le dimensioni del cappotto, chiedi al venditore le sue misure quando il cappotto è disteso con i bottoni alzati. Presta attenzione alla larghezza delle spalle, alla lunghezza delle maniche, alla misurazione del torace da ascella ad ascella e alla lunghezza dalla spalla all’orlo, compreso il punto in cui si trova la vita. Se hai un cappotto che ami, misuralo e usalo come punto di riferimento.

READ  Esclusivo poster alternativo ispirato a Fellini per L'immensità con Penélope Cruz
Salta la precedente promozione della newsletter

I cappotti di questa stagione sono del marchio australiano Esse Studios

Prova prima di acquistare

Non mancano negozi vintage e di seconda mano, venditori ambulanti e negozi che ti permettono di provare i cappotti prima di acquistarli. Se stai acquistando uno strato esterno, Bosley consiglia di indossare l’abito che vuoi indossare sotto: “in questo modo, quando lo provi, puoi controllare le proporzioni con una vista dall’alto di come funziona con gli indumenti sottostanti” così come le proporzioni del tuo corpo.”

Quindi assicurati che il colletto e i risvolti siano posizionati uniformemente attorno al collo e al petto e considera quanto si adattano alla tua altezza e alla tua corporatura. Assicurati che le tasche siano nel posto giusto in modo che non disturbino la silhouette e siano abbastanza profonde e robuste da contenere il telefono (o le mani quando fa freddo).

Infine, Bosley consiglia alle donne: “Mantenete la mente aperta e guardate nella sezione uomo, dove potrete trovare ottimi cappotti o cappotti strutturati”.

Dai un aggiornamento a un cappotto vintage prima di indossarlo portandolo in tintoria o dandogli un rullo levapelucchi. “Questo rimuove qualsiasi muschio e dà loro una nuova prospettiva di vita”, afferma il designer.

Il tessuto è re

Che tu lo acquisti online o di persona, presta attenzione alla composizione del tessuto del cappotto poiché questo ti dirà molto su come indosserà. Idealmente, un cappotto invernale dovrebbe essere realizzato al 100% in lana o in un misto di lana e cashmere.

Per verificare la tenuta del tessuto, strofinalo tra le dita per assicurarti che non si formi facilmente e abbia la giusta densità: un tessuto sottile e morbido non sarà altrettanto resistente. Assicurati che sia foderato, preferibilmente in viscosa, cupro o seta. Una fodera ti aiuterà a tenerti al caldo, a mantenere pulito lo strato esterno del cappotto e a renderlo più comodo da indossare e da togliere.

Fibre sintetiche come poliestere o nylon mescolate al tessuto principale o alla fodera indicano costi inferiori e che il guscio non sarà altrettanto efficace nella termoregolazione.

Il tessuto di alta qualità si adatterà al tuo corpo e cadrà per conferire al cappotto un aspetto lucido e affilato. “È una bellissima ricetta di tessuto, vestibilità, fodere e struttura che si uniscono”, afferma Hicks.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News