SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

In discussione il primato della legge UE che blocca i fondi di riscatto per la Polonia – Gentiloni

Il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni partecipa a una conferenza stampa sulle prospettive economiche per la primavera del 2021 a Bruxelles, Belgio, 12 maggio 2021. REUTERS/Joanna Giron/Paul

BRUXELLES (Reuters) – La sfida della Polonia al primato del diritto dell’Unione europea sul diritto nazionale sta bloccando lo sblocco di 57 miliardi di euro di fondi di recupero dall’Unione europea a Varsavia. Lo ha detto mercoledì il commissario europeo per l’economia Paolo Gentiloni.

La Polonia, come tutti gli altri paesi del gruppo di 27 nazioni, otterrà grandi sovvenzioni e prestiti economici dall’Unione Europea per ricostruire la sua economia più verde e più adattabile all’era digitale dopo la profonda recessione economica causata dalla pandemia di coronavirus.

Ma ogni paese riceverà la sua parte di denaro solo una volta che la Commissione europea, braccio esecutivo dell’UE e custode delle leggi dell’UE, avrà approvato il suo piano di spesa nazionale che deve rispettare i criteri stabiliti dal diritto dell’UE.

La commissione ha già dato il via libera a 18 piani nazionali, ma ha negato l’approvazione a Polonia e Ungheria perché teme che i due paesi possano minare l’indipendenza dei tribunali e la libertà dei media.

A peggiorare le cose, il governo polacco ha recentemente chiesto alla Corte costituzionale polacca di stabilire che il diritto dell’UE non è al di sopra del diritto nazionale, un’affermazione che mina le basi del sistema giuridico dell’UE.

Intervenendo davanti alla commissione Economia e Bilancio del Parlamento europeo, Gentiloni ha affermato che l’ultima mossa del governo polacco è diventata ora un ulteriore fattore che impedisce l’approvazione da parte della Commissione dei pagamenti a Varsavia.

Se approvato, la Polonia potrebbe ottenere 23 miliardi di euro in sovvenzioni dall’UE e 34 miliardi di euro in prestiti a basso costo, mentre l’Ungheria potrebbe aspettarsi 7,2 miliardi di euro in sovvenzioni.

READ  FVI ora include un reggrass italiano annuale | Fattoria in linea

“La verità è che non ci siamo ancora arrivati ​​e la discussione è in corso”, ha detto Gentiloni.

“Sappiamo che questo riguarda i requisiti dei regolamenti e delle raccomandazioni di ciascun paese e anche la discussione, come ben sanno le autorità polacche, include anche la questione del primato del diritto dell’UE e le possibili conseguenze di questo problema sulla ripresa polacca e piano di resilienza”.

Il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, che ha anche partecipato all’audizione parlamentare, ha affermato che i fondi non saranno rilasciati fino a quando la commissione non avrà soddisfatto la conformità della Polonia e dell’Ungheria ai requisiti dell’UE.

“Stiamo cercando ulteriori chiarimenti da Polonia e Ungheria in merito alla conformità e per garantire che tutti i requisiti del regolamento siano soddisfatti. Dobbiamo ricevere queste assicurazioni prima di poter giungere a una conclusione positiva in merito”.

Dieci paesi dell’UE stanno già ricevendo fondi UE: Italia, Spagna, Francia, Grecia, Germania, Portogallo, Belgio, Lituania, Danimarca e Lussemburgo hanno ricevuto quasi 49 miliardi di euro in prefinanziamenti per progetti inclusi nei loro piani nazionali approvati da la Commissione.

Dombrovskis ha affermato che alcuni di loro, come Spagna, Francia, Grecia e Danimarca, potrebbero persino ottenere le prossime tranche di denaro nei prossimi mesi se dimostreranno alla commissione di aver raggiunto traguardi e obiettivi concordati nelle riforme e nei progetti pianificati.

Bulgaria e Paesi Bassi non hanno ancora presentato i loro piani nazionali alla commissione a causa delle elezioni e delle continue difficoltà nella formazione di un governo.

(Segnalazione di Jan Stropchevsky Montaggio di Alistair Bell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.