HomeWorldIn che modo le sanzioni hanno influenzato i vecchi elicotteri iraniani?

In che modo le sanzioni hanno influenzato i vecchi elicotteri iraniani?

Ma questa apertura si è interrotta bruscamente nel 2018, dopo che l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha abbandonato unilateralmente l’accordo sul nucleare e ha imposto centinaia di altre sanzioni paralizzanti.

La maggior parte dell’aeronautica iraniana è più vecchia della sua flotta civile, combinando aerei americani vecchi di decenni, molti acquistati negli anni ’70, aerei di fabbricazione sovietica e alcuni Mirage F1 francesi idonei al volo.

Funzionari dell’intelligence occidentale ritengono che quest’anno la Russia “si sia fatta avanti” con accordi segreti per fornire all’Iran avanzati aerei da combattimento Su-35. Ma non ci sono prove che gli accordi siano stati completati.

Secondo l’Istituto Internazionale per gli Studi Strategici, le forze convenzionali dell’Iran si trovano ad affrontare “equipaggiamenti sempre più obsoleti”, con “equipaggiamenti obsoleti… particolarmente evidenti per la sua forza aerea”.

Gli analisti affermano che questo è stato probabilmente un fattore importante nell’incidente dell’elicottero governativo in caso di maltempo, che ha ucciso il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian e altri sei passeggeri e membri dell’equipaggio.

L’elicottero, insieme al modello Bell 412 a quattro pale, è noto per essere un aereo affidabile. Sviluppato per la prima volta negli anni ’60 e utilizzato durante la guerra del Vietnam, da allora è rimasto un pilastro delle operazioni aeree globali. Oggi sono impiegati da organizzazioni diverse come l’aeronautica austriaca, la guardia costiera giapponese, le forze di polizia tailandesi e i vigili del fuoco americani.

L’elicottero Bell che trasportava il presidente e il ministro degli Esteri iraniani lascia l’Azerbaigian prima dell’incidente mortale. GT

“Gli elicotteri Bell 212 e 412 sono ampiamente utilizzati e hanno un ottimo livello di sicurezza”, afferma Carlos Cesnik, professore di ingegneria aeronautica all’Università del Michigan. “Ma in ogni incidente è necessario tenere conto delle condizioni operative, con le condizioni meteorologiche e la manutenzione in cima alla lista”.

READ  L'Estonia afferma che tre incidenti che hanno coinvolto tubi e cavi nella regione baltica sono "collegati".

Sembra che queste considerazioni siano state decisive nel recente incidente iraniano. Secondo Cirium, l’Iran ha 62 elicotteri Bell in servizio, inclusi 13 Bell 212. Analisti di intelligence open source ritengono che l’elicottero precipitato avesse il numero di registrazione 6-9207, il che indica che era stato consegnato all’aeronautica iraniana dal 1994.

I pezzi di ricambio per i sistemi tecnici a bordo dell’elicottero Bell sarebbero quasi certamente stati soggetti a controlli sulle esportazioni negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa, afferma Daniel Martin, partner delle sanzioni finanziarie e commerciali dello studio legale HFW.

Nonostante alcune eccezioni alle sanzioni statunitensi, inclusa la possibilità di richiedere licenze di esportazione per la sicurezza dell’aviazione civile, Martin afferma che non è chiaro quante aziende abbiano richiesto di esportare tali parti.

Esenzioni all’esportazione

“Gli Stati Uniti hanno preso di mira le compagnie aeree e le attrezzature”, afferma Martin. “Non penso che si possa dire che gli Stati Uniti abbiano preso di mira i voli commerciali regolari… ma c’è un impatto inevitabile sulla sicurezza.”

Bell Textron, la società americana che produce l’elicottero precipitato a Raisi, afferma: “Bell non conduce affari in Iran né supporta la sua flotta di elicotteri”.

Sebbene siano meno sicuri rispetto agli aerei (secondo il National Transportation Safety Board, il tasso di incidenti mortali negli Stati Uniti è di circa 1,3 ogni 100.000 ore rispetto a 0,98 per gli aerei), gli elicotteri rimangono la spina dorsale della logistica militare e dei viaggi VIP a corto raggio Paesi. Paesi. È anche “più sicuro che prendere un’auto”, afferma Cesnik.

Tuttavia, gli incidenti con elicotteri militari si verificano con maggiore regolarità. La Guardia Nazionale degli Stati Uniti ha temporaneamente messo a terra tutti i suoi elicotteri a febbraio dopo due incidenti nell’arco di un mese. Dieci membri dell’equipaggio sono rimasti uccisi in un incidente in elicottero della marina il mese scorso in Malesia, mentre un altro incidente ha ucciso l’ufficiale militare di più alto grado in Kenya.

READ  Il Turkmenistan è registrato come nessun caso di Covid

Anche gli elicotteri russi utilizzati dalle forze armate colombiane sono stati coinvolti in una serie di recenti incidenti, l’ultimo dei quali è stato un incidente mortale il mese scorso che ha ucciso nove soldati a bordo.

Ma l’Iran, che mantiene i suoi aerei in volo attraverso una combinazione di parti di contrabbando e reverse engineering, ha una storia particolarmente movimentata. Nel 2005, secondo i media statali, un aereo da trasporto militare si schiantò contro un condominio a Teheran, uccidendo 128 persone.

Più recentemente, l’anno scorso, un elicottero che trasportava il ministro dello Sport iraniano Hamid Sajadi si è schiantato mentre cercava di atterrare su un campo di calcio. Il ministro è sopravvissuto, ma il suo assistente è morto e altri 12 sono rimasti feriti. Cinque mesi dopo, un aereo da addestramento si schiantò nell’Iran occidentale, uccidendo due persone.

L’ex ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha accusato le sanzioni statunitensi dell’ultimo incidente e della morte di Raisi. Ha aggiunto: “Questi crimini saranno inclusi nella lista dei crimini americani contro il popolo iraniano”.

Financial Times

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News