In che modo l’arte araba è diventata globale?

IOAl Jazz Café di Londra, il suono della canzone della leggenda egiziana Umm Kulthum Alf Leila Wleila Risuona con un’aria di anticipazione. Schegge di luce si riflettono sulla palla da discoteca rotante presso la sede di Camden, illuminando i volti della folla raccolta in attesa, con un drink in mano, per l’inizio del primo concerto dal vivo dell’etichetta discografica Habibi Funk di Berlino.

È fine agosto e questo gruppo eterogeneo di appassionati di musica non sembra del tutto sicuro di ciò che vuole. Ma quando il musicista libanese Sherif Megarban e la sua band sono saliti sul palco, l’umore del pubblico si è calmato. Alto e con i capelli flosci, Megaban delizia il pubblico con canzoni multistrumentali dal suo nuovo album MarzapaneChe è stato pubblicato da Habibi Funk a luglio. “Spero che apprezzerete tutto e vi ringrazio ancora per essere venuti”, dice Megaban tra gli applausi, mentre scalda il pubblico.

Negli ultimi anni, l’interesse globale per la musica araba è aumentato. TikTok e Instagram hanno aiutato una nuova ondata di talenti arabi come Saint Levant, Issam El Naggar e Wegz a raggiungere decine di milioni Delle persone. Dal pubblico. Concerti come Beirut Groove Collective, Lillet e Middle of Noir di DJ Nouria spesso fanno il tutto esaurito a Londra, New York e in altre città occidentali. Tutto ciò ha spinto la Federazione Internazionale dell’Industria Fonografica, l’ente globale per la musica registrata, a lanciare a novembre la prima classifica musicale regionale per il Medio Oriente e il Nord Africa.

Habibi Funk, lanciata ufficialmente dal produttore tedesco Janis Storz nel 2015, fa parte di un piccolo gruppo di etichette occidentali che giocano un ruolo nella crescente popolarità globale della musica araba. Stürtz ha anche costruito una prolifica presenza di DJ, ospitando concerti tutto esaurito e esibendosi in festival sotto il nome di Habibi Funk, aiutando improbabili giovani ascoltatori a impegnarsi con la musica araba, in alcuni casi per la prima volta.

Ho trovato Habibi Funk su Spotify quest’anno. “C’è una canzone di cui sono ossessionata in questo momento, si chiama Badala Zamana”, dice Elaine Gilsenan McMahon, una partecipante inglese di 29 anni che è venuta da sola per vedere l’esibizione dei Megarebene, tra una canzone e l’altra. Il suo punto di ingresso nel marchio è stato attraverso la musica turca che è stata eseguita al Festival Mondiale tenutosi nel sud-est della Francia quest’estate, che l’ha spinta a raggiungere la musica araba in un modo più ampio. Qualsiasi supposizione che Habibi Funk servisse solo le comunità arabe della diaspora è stata rapidamente sfatato da Gilsenan McMahon, e guardò tutti gli altri nella stanza.

READ  Il padre di Britney Spears afferma di avere la demenza, secondo il nuovo documentario

“Questa è la cosa bella degli Habibi Funk, hanno un pubblico diversificato”, ha detto Megaban alla rivista TIME la mattina dopo il suo debutto al Jazz Café. “Sono rimasto scioccato dal fatto che non fossero solo arabi.”


Megaban ha incontrato Stortz per la prima volta Qualche anno fa, quando il produttore venne nella sua nuova casa a Lisbona, in Portogallo, per presentare un documentario. Diede a Stürtz una copia in vinile della sua musica e alla fine i due decisero di lavorare insieme Marzapane, la prima uscita contemporanea integrale di Habibi Funk. Dice di essere stato attratto dal portafoglio dell’azienda. Ho iniziato a nominare Concentrandosi sulla ristampa di registrazioni arabe rare – e talvolta dimenticate – dagli anni ’60 agli anni ’80. Quello include Musica da film originale Del noto compositore cinematografico algerino Ahmed Malek, e Re del jazz sudanese di Sharhabeel Ahmed, oltre a numerose compilation.

“Anche parte della musica libanese che pubblicavano non era conosciuta da alcune persone perché non era ben distribuita”, dice Megarban. “Hai questo marchio tedesco che ti introduce ai fiori nel tuo giardino.”

Stortz afferma che il suo incontro con la musica araba è stato una pura coincidenza. Stava lavorando come tour manager per la Jakarta Records, l’etichetta ombrello con sede a Berlino che ora include Habibi Funk, quando accompagnò uno dei suoi musicisti a un festival musicale a Rabat, in Marocco, nel 2012. “Ho trovato questo piccolo negozio,” Stortz dice: “Aveva dei componenti elettronici rotti”, ha detto, aggiungendo che l’officina una volta era un famoso negozio di dischi che ha cessato l’attività ma ha conservato la sua collezione di musica. Qui gli è stato regalato un disco dall’artista funk Faddoul, che ha accreditato James Brown sul retro del disco.

“Sono tornato a casa ed ero così felice quando ho sentito la canzone. “È fondamentalmente un ragazzo marocchino che è stato fortemente influenzato dalla musica rock e funk americana, e ha creato il suo stile personale”, dice Sturtz. Questa esperienza ha spinto Sturtz a cercare più artisti arabi.Da questo viaggio è nata Habibi Funk come la conosciamo, un’etichetta che ha pubblicato finora 26 uscite.

READ  Robert Irwin offre ai fan un tour della sua "casa" infestata dai ragni, completa di servizi igienici all'aperto e vasca da bagno

Ma Stortz è attento a sottolineare che è consapevole delle sue responsabilità come outsider, in un momento di crescente preoccupazione per l’appropriazione culturale. “Come etichetta europea, che si occupa di musica al di fuori della mia cultura, ed è ospite di quella cultura, che è uno scambio che storicamente è stato dominato dallo sfruttamento… ci stiamo assicurando che il modo in cui interagiamo con gli artisti e i contratti non cade a terra. In questa trappola.”

Per Stortz questo significa mettere i soldi dove dice lui. Ogni nuova uscita degli Habibi Funk divide i suoi profitti 50-50 tra l’etichetta e l’artista (o i loro parenti viventi che hanno approvato l’uscita). Le etichette più importanti spesso prendono fino all’80% delle entrate da un contratto discografico, mentre il resto viene diviso tra l’artista e altri collaboratori. Stortz sottolinea inoltre che molte etichette in Medio Oriente possiedono enormi quantità di diritti di licenza, quindi sarebbe facile creare ristampe di registrazioni senza il consenso dell’artista. Ma dice che Habibi Funk non ha interesse a lavorare in questo modo. “È davvero facile criticare qualcosa di piccolo e concentrarsi su di esso, ma finché è fatto in modo etico… è uno scambio”, dice Megarbein.

Inoltre, Sturtz imparò anche come superare il confine tra alleanza e salvataggio. Descrive le politiche europee sui confini come un “pasticcio fascista” e critica il trattamento riservato da Israele ai palestinesi. Ha anche utilizzato questo titolo per raccogliere fondi per enti di beneficenza che forniscono aiuti umanitari nella regione. Il marchio ha raccolto quasi 20.000 dollari di vendite in 48 ore per aiutare le vittime dell’esplosione del porto di Beirut del 2020 che ha ucciso 218 persone. Tutto il ricavato verrà dal venire Uscita il 6 ottobre Si dirigerà verso le inondazioni in Libia che hanno causato almeno migliaia di vittime.


Ma cosa rende unico Habibi Funk? è che presenta artisti arabi che mostrano con orgoglio che la musica è sempre stata uno scambio culturale bidirezionale. Saif Abu Bakr è un altro artista che ha collaborato con Habibi Funk alla riedizione dell’album Jazz, jazz, jazzChe fu registrato nel 1980 con la band rock and roll sudanese The Scorpions, che una volta lo suonò insieme alla leggenda del soul americano James Brown durante il suo concerto del 1978 in Kuwait. “James Brown ha detto: ‘Wow, non posso crederci, la gente in questa parte del mondo conosce le mie canzoni'”, ricorda Abu Bakr. Abubakar, che era un fan degli Scorpions prima di suonare con la band per la prima volta all’età di 18 anni, dice di essere stato influenzato in egual misura dalla musica orientale e occidentale, e che la musica etiope, somala ed eritrea lo ha ispirato in egual misura. Come ascoltare Aretha Franklin, Otis Redding e Wilson Pickett.

READ  Star Trek: Alla ricerca di Spock, Forrest Gump e The Italian Job usciranno di nuovo nei cinema britannici quest'estate

Stürtz ha comunicato con Abu Bakr, 35 anni Dopo Jazz, jazz, jazz uscì. “Siamo rimasti sorpresi”, dice Abu Bakr. “Alcuni dei suoi commenti dicevano che questa musica è arrivata davvero prima del suo tempo. Ha detto che se fosse stata fatta adesso, sarebbe stata molto più conosciuta.

Lo stesso vale per il musicista libanese Roger Fakhr, cantante e cantautore apparso nella raccolta di Habibi Funk per raccogliere fondi per l’esplosione del porto di Beirut, così come per il suo album. va bene comunque, Rara ristampa inglese. “Avevamo questo mix di culture nelle nostre teste quando eravamo adolescenti e all’inizio dei vent’anni, e il Libano stesso era un mix di babilonese occidentale e arabo. Stavi camminando per strada”, dice, riferendosi alla fine degli anni ’60 e all’inizio Anni 70. “Gli odori di carne alla griglia e di falafel si diffondevano, e la musica araba risuonava dalle radio.” Ma, aggiunge Fakher, i giovani della cosmopolita Beirut erano anche più concentrati su artisti del calibro di Bob Dylan, Led Zeppelin e Jimi Hendrix. .

Che si tratti dell’innegabile influenza dei cantautori americani sulla vita di Pride, delle colonne sonore dei film italiani che hanno ispirato Megaurban, o della metafora hindi nel ritornello della canzone. Badala al tempo, del musicista algerino Zahra, queste canzoni non possono essere completamente arabe isolatamente. “Ci interessano i musicisti che hanno preso qualcosa dall’estero e hanno cercato di tradurlo nel loro contesto locale”, dice Stortz. Più di ogni altra cosa, Habibi Funk è una capsula del tempo che riunisce il meglio che la musica abbia mai avuto da offrire e lo rilascia nel mondo di oggi.

Più tempo da leggere


Scrivere a Armani Syed a [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto