SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il virus Anthony Fauci ha cominciato a essere “poco convinto” naturalmente

L’idea che la pandemia di coronavirus abbia avuto origine in un laboratorio cinese è stata a lungo un foraggio per i teorici della cospirazione sui social media.

Ma le discussioni sulla teoria non sono più limitate ai gruppi marginali e ai forum online: l’idea viene ora discussa all’interno dei vertici della comunità dell’intelligence e alle conferenze dei media governative in tutto il mondo.

Il consulente senior del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulla pandemia COVID-19 ha aggiunto la sua voce alla questione, sostenendo che ci sono ulteriori misure che devono essere prese per dimostrare che il virus non è iniziato nell’Istituto cinese di virologia di Wuhan, dove si trovava la ricerca sul virus Corona. condotto sui pipistrelli.

Parlando alla FFA all’inizio di questo mese, il dottor Anthony Fauci ha detto di “non essere convinto” che il virus si sia evoluto naturalmente.

“Davvero no”, ha detto il direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, “non sono convinto”.

“Penso che dovremmo continuare a indagare su ciò che è accaduto in Cina in modo da poter continuare a scoprire cosa è successo al meglio delle nostre capacità”.

Ha aggiunto: “Certo, le persone che hanno indagato dicono che era possibile che un’emergenza da un acquario di animali avrebbe infettato gli individui in seguito, ma potrebbe essere stato qualcos’altro, e dobbiamo scoprirlo”.

“Quindi, sai, questo è il motivo per cui ho detto che appoggio totalmente qualsiasi indagine sull’origine del virus.”

Come ho detto precedentemente New York PostFauci ha detto in un’audizione al Senato l’11 maggio che A. È necessaria una “indagine completa”.

READ  Punteggi, punteggi, taglio, classifica, Championship Play, scenari, Steve Curry, Los Angeles Lakers vs New Orleans Pelicans, Denver Nuggets vs Portland Trail Blazers

In risposta a una domanda del senatore repubblicano Roger Marshall durante lo scambio se credeva che “è possibile che COVID-19 possa aver avuto origine da un incidente di laboratorio … a Wuhan”, il dottor Fauci ha risposto: “Questa possibilità esiste sicuramente, e appoggio pienamente un’indagine. Piena di sapere se ciò potrebbe accadere “.

Un nuovo rapporto del Republican House Intelligence Committee, pubblicato giovedì scorso, afferma che ci sono “prove circostanziali significative” che il COVID-19 abbia avuto origine da una fuga di notizie in un laboratorio cinese.

“Gli sforzi internazionali per scoprire la vera fonte del virus … sono stati ostacolati dalla mancanza di cooperazione da parte della Repubblica popolare cinese”, hanno scritto i repubblicani nel rapporto.

Lo rivela un nuovo rapporto della CNN I ricercatori dell’Istituto di virologia di Wuhan si sono ammalati nel novembre 2019, un mese prima che il primo caso segnalato di COVID-19 apparisse in qualsiasi parte del mondo dalla stessa città.

Citando una scheda informativa del Dipartimento di Stato, il rapporto rileva che i lavoratori sono stati ricoverati in ospedale, ma non menziona i sintomi che hanno sviluppato o se i loro sintomi erano correlati a malattie note.

In un’audizione sulle minacce globali ad aprile, il direttore dell’intelligence nazionale degli Stati Uniti, Avril Haynes, ha affermato che non c’era una risposta definitiva su dove e come sia iniziato esattamente il Coronavirus.

“La comunità dell’intelligence non sa esattamente dove, quando e come il virus COVID-19 è stato inizialmente trasmesso”, ha detto.

L’ecologo della malattia Peter Daszak, che ha lavorato all’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità sulle origini del COVID-19, ha detto alla CNN che ci sono solo teorie secondo cui il virus ha avuto origine in laboratorio e “non ci sono prove in effetti”.

READ  Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato una revisione delle origini di COVID nel mezzo di un dibattito sulla teoria delle perdite di laboratorio

Ha detto: “Non è una completa esclusione di questa ipotesi”.

“È una conclusione che è estremamente improbabile e che esiste un’ipotesi molto più probabile”.

L’Australia è uno dei tanti paesi che richiedono un’indagine indipendente sull’origine del virus.

Il primo ministro Scott Morrison ha detto l’anno scorso che era “completamente ragionevole e ragionevole” indagare a fondo sull’origine del virus, ma la Cina non ha preso bene i commenti.

“Ora, sembra abbastanza ragionevole e ragionevole per il mondo voler avere una valutazione indipendente di come tutto questo sta accadendo, in modo che possiamo imparare le lezioni e impedire che si ripetano”, ha detto Morrison.

Ma da allora il rapporto tra Canberra e Pechino si è inasprito e il presidente cinese Xi Jinping non accetta più le chiamate di Morrison.

I media statali cinesi hanno risposto ai commenti dell’Australia sul COVID-19 notando che l’Australia è “bloccata in fondo alle scarpe della Cina”.