SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il “vero castello di Dracula” attira i visitatori con gli scioperi di COVID-19

I visitatori del castello di Dracula hanno maggiori probabilità di trovare segni di punture sulle braccia rispetto al collo questo mese, dopo che i medici hanno istituito un centro di vaccinazione COVID-19 nella regione della Transilvania.

I dipendenti del castello sperano che il servizio porti più persone sul sito nei Carpazi della Romania, dove il numero di turisti è diminuito dall’inizio dell’epidemia.

Il Castello di Bran, una struttura interessante ed erotica sul lato della Transilvania del confine storico con la Valacchia, è stato commercializzato come la casa del personaggio del titolo nel romanzo horror gotico del 1897 Dracula di Bram Stoker.

Si ritiene generalmente che il conte Dracula sia basato sull’eroe nazionale romano e sovrano del XV secolo della Valacchia Vlad III Dracula, noto come Vlad l’Impalatore (Vlad epeș in rumeno) dopo la sua abitudine di giustiziare i nemici posizionandoli su pali di legno.

Sebbene non ci siano prove che Stalker sapesse del Castello di Bran e poche prove che sapesse molto su Vlad l’Impalatore – e c’erano poche prove che Vlad Dracula fosse entrato nel Castello di Bran, che non era sotto il suo governo – il governo romano sta commercializzando l’edificio su Era VERO Castello di Dracula.

Ora è commercializzato come un centro di vaccinazione, con i paramedici che indossano adesivi con le zanne sui loro camici che sbatteranno chiunque si presenti – nessun appuntamento necessario – ogni fine settimana di maggio.

I visitatori ottengono anche l’ingresso gratuito alla galleria del castello di 52 strumenti di tortura medievali.

Vista che mostra percorsi e balconi all'interno del Castello di Bran, nella contea di Brasov, Romania, 8 maggio 2021.
Corridoi e terrazze all’interno del Castello di Bran, Romania.

Un visitatore sabato era Fernando Orozco, uno sviluppatore del mercato delle energie rinnovabili di 37 anni, di solito con sede a Berlino e che lavora a distanza fuori dalla Romania.

“Stavo già programmando di venire al castello e ho pensato che fosse un gioco per due persone”, ha detto.

Il governo ha dichiarato di voler vaccinare 10 milioni di persone entro settembre, ma un sondaggio pubblicato ad aprile dal Centro di ricerca Globsec con sede a Bratislava ha mostrato che i rumeni hanno meno probabilità di essere vaccinati tra i paesi dell’Unione europea orientale.

ABC / Reuters

READ  La ricerca soffocante di un paziente COVID's Zero