SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il successo della vaccinazione in Israele fa sperare che possa aver raggiunto l’immunità di gregge

Sembra che Israele possa aver acquisito l’immunità della mandria, poiché il programma intensivo di vaccinazione sta aiutando il paese a ottenere una straordinaria riduzione dei casi di coronavirus.

Il continuo calo dei casi è accolto con favore, sebbene le restrizioni di blocco siano state allentate, poiché la vaccinazione sta già funzionando e il paese potrebbe aver ottenuto l’immunità di gregge.

Il paese di circa nove milioni di persone ha iniziato a lanciare i vaccini Pfizer a dicembre proprio quando la terza e più grande ondata di infezioni da COVID-19 ha iniziato a decollare, con un record di 11934 casi registrati il ​​27 gennaio.

Tuttavia, Israele da allora è riuscita a controllare i suoi problemi, poiché l’Unione Europea giovedì li ha aggiunti alla sua lista di paesi sicuri che possono viaggiare liberamente in Europa per turismo, insieme ad Australia, Corea del Sud, Singapore e Thailandia.

Israele ha implementato la campagna di vaccinazione pro capite più veloce al mondo, con quasi cinque milioni di persone che hanno ricevuto entrambe le coltellate in meno di quattro mesi.

Il Strategia di tracciamento veloce Sembra che abbia dato i suoi frutti, contribuendo a ridurre rapidamente le infezioni anche dopo che le restrizioni sono state allentate.

Il più grande studio del mondo reale sul vaccino Pfizer è stato pubblicato giovedì in Il bisturi La rivista medica ha confermato che il vaccino ha fornito oltre il 95% della protezione contro COVID-19 in Israele, il che ha dato speranza per una via d’uscita dall’epidemia.

“Il 56% è stato completamente vaccinato in Israele con un costante declino senza che i bambini fossero ancora vaccinati. Sembra l’immunità di gregge”, il docente di malattie infettive della Monash University Dr. Michael Ananda Raja Ha twittato domenica.

Lo ha detto il mese scorso il professor Eyal Leshem, direttore del più grande ospedale d’Israele, il Chaim Sheba Medical Center BBC Il paese potrebbe essere sul punto di raggiungere l ‘”immunità di gregge”.

READ  Il vento in arrivo non è venuto. La sonda InSight potrebbe non sopravvivere all'inverno

Ha detto che quella era “l’unica spiegazione” per Israele che continuava a cadere nei casi man mano che venivano revocate ulteriori restrizioni.

La professoressa Catherine Bennett, epidemiologa della Deakin University, ha detto a news.com.au che Israele sta mostrando “risultati impressionanti”.

“Avevano ancora migliaia di casi quando hanno iniziato gradualmente ad aprirsi”, ha detto.

“Questo ti dice cosa possono fare i vaccini”.

Israele ha gradualmente rafforzato le restrizioni dalla fine di dicembre, con casi di coronavirus in aumento a gennaio, prima di allentarli all’inizio di febbraio.

Al suo picco, la media mobile di sette giorni ha raggiunto 8.328 nuove infezioni al giorno ed era ancora intorno ai 7.000 casi il 7 febbraio quando le restrizioni hanno iniziato ad essere allentate.

Tuttavia, i casi hanno continuato a diminuire, dando al governo la fiducia di allentare ulteriormente le restrizioni, compreso l’abbandono dell’uso di maschere all’aperto.

Entro il 19 aprile, la media era scesa a circa 149 casi al giorno, “indicando un controllo efficace dell’epidemia entro i confini del paese”, hanno detto il professor Leshem e la professoressa Anneliese Wilder Smith della London School of Hygiene and Tropical Medicine a Commento pezzo in Il bisturi.

Il professor Bennett ha affermato in modo straordinario che i risultati sono pubblicati in IlLancetta Giovedì ha indicato che il vaccino Pfizer controllava la trasmissione dell’infezione tra le persone, comprese quelle senza sintomi. Ciò indica che potrebbe essere possibile l’immunità della mandria.

I risultati hanno mostrato che il vaccino era efficace al 95,3% contro l’infezione da COVID-19 sette o più giorni dopo la somministrazione della seconda dose.

Era efficace al 97% contro l’infezione sintomatica ma anche al 91,5% contro l’infezione asintomatica (quando qualcuno non mostra sintomi).

READ  Arrivano i cubi SLS per lanciare Artemis 1

I risultati indicano che “l’elevata copertura del vaccino può fornire una via d’uscita dall’epidemia”, hanno osservato i professori Lesham e Wilder Smith nel loro commento.

Lo studio indica anche che Pfizer è molto efficace contro il tipo più contagioso del virus nel Regno Unito (B.1.1.7), che si stima rappresenti il ​​95% dei casi in Israele.

Ottieni l’immunità della mandria

L’immunità della mandria si ottiene se un numero sufficiente della popolazione viene vaccinata o se è immune alla malattia, che rallenta la diffusione del virus fino alla sua eliminazione, poiché non è più facile trovare persone infette.

Il professor Bennett ha affermato che “l’immunità tecnica della mandria” sarà raggiunta solo quando sarà possibile dimostrare che il virus non può essere reimpiantato nella società.

Tuttavia, la capacità di ridurre il numero di infezioni da circa 10.000 al giorno a circa 200 al giorno con la riapertura della sua attività era un segno che i vaccini stanno sopprimendo la trasmissione.

Il professor Bennett ha detto: “Anche se non uccide o non causa la morte del virus, lo rende certamente contenibile attraverso il tracciamento dei contatti regolari e altre misure”.

Ha detto che il vaccino sembra rallentare la diffusione del COVID-19, dando alle autorità la possibilità di trovare casi prima che possano diffondere ulteriormente il virus.

“Il vaccino ha rallentato il virus abbastanza da far funzionare le normali risposte di salute pubblica”, ha detto.

Relazionato: Perché l’immunità della mandria è importante

Tra il gruppo di economisti e designer c’è il professor Quentin Grafton dell’Australian National University La chiamata dell’Australia a passare da AstraZeneca ad altre opzioni come PfizerPerché è più efficace contro altre varianti infettive del virus e ha maggiori probabilità di portare all’immunità della mandria.

READ  Guarda due astronauti russi e un astronauta della NASA tornare dalla loro visita alla Stazione Spaziale Internazionale

Tuttavia, il professor Bennett non è d’accordo e crede che “il vaccino nel tuo braccio sia migliore del potenziale vaccino in futuro”.

“AstraZeneca è incredibilmente efficace sulla maggior parte dei ceppi”, ha detto a news.com.au.

“Non darlo quando abbiamo un problema per me.”

A differenza di Pfizer, che deve essere spedito in Australia da produttori esteri, AstraZeneca è prodotta internamente.

A ciò hanno contribuito i ritardi nelle spedizioni di vaccini all’estero Grandi ritardi nel programma di vaccinazione australiano, Con circa quattro milioni di dosi prese nei due mesi fa Il lancio è iniziato alla fine di febbraio. Il governo Morrison inizialmente ha detto che voleva vaccinare quattro milioni di persone entro la fine di marzo e tutti gli adulti coperti entro la fine di ottobre, che è Un obiettivo ambizioso che ha Da quando è stato abbandonato.

Relazionato: In che modo Israele ha realizzato il programma di vaccinazione rapida

Tuttavia, l’offerta sta aumentando con gli over 50 che ora possono prenotare un vaccino e quelli Quelli tra i 40 ei 49 anni nel NSW possono registrarsi per Pfizer jab.

Il professor Bennett ha detto che è meglio usare il vaccino disponibile perché alla fine sarà modificato e migliorato per fornire una migliore copertura.

Ha detto che l’attesa della Pfizer spingerebbe il programma di vaccinazione “fino al prossimo anno” e l’Australia potrebbe lottare mentre il resto del mondo si apre con vaccini come Pfizer o AstraZeneca.

“Non credo che ridurre la nostra strategia di vaccinazione ora abbia senso per il pubblico”, ha detto.

“Abbiamo bisogno di un certo livello di protezione per la popolazione e poi possiamo costruire su quello”.

[email protected] | Incorpora un Tweet