SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il rapporto ha rilevato che la Cina ha utilizzato i social media per diffondere disinformazione per screditare i media occidentali durante la pandemia

Un nuovo rapporto ha concluso che l’influenza dei media globali della Cina è stata al centro della pandemia COVID-19, a passi da gigante, poiché ha utilizzato i social media per screditare i media occidentali e diffondere la propaganda.

Un rapporto della Federazione internazionale dei giornalisti (IFJ) ha rilevato che quando la pandemia ha iniziato a diffondersi nel 2020, Pechino ha utilizzato la sua infrastruttura mediatica a livello globale per seminare narrazioni positive sulla Cina nei media nazionali, nonché per riempire la disinformazione.

Il rapporto ha rilevato, sulla base di un’indagine originale su 54 sindacati di giornalisti di 50 diversi paesi e regioni, che la Cina ha utilizzato l’epidemia per rafforzare la propria immagine nella copertura mediatica globale.

“Tipi di cose che [Beijing] “Sta spingendo, non si tratta solo di messaggi sulla Cina, ma sfrutta i messaggi dall’Occidente”, ha detto la ricercatrice Julia Bergin durante una tavola rotonda.

Ha detto che la Cina ha utilizzato piattaforme di social media gratuite come YouTube e Twitter come una “tattica inversa” per screditare i media occidentali, come la BBC, quando parla di maltrattamenti degli uiguri nello Xinjiang.

Un'ampia vista mostra le torri di guardia e un recinto di filo spinato attorno a un edificio.
Il rapporto ha rilevato che Pechino sembra aumentare la sua offerta di notizie, poiché fornisce contenuti in lingue “non inglesi”.(

Reuters: Thomas Peter

)

Twitter è vietato in Cina, ma molti nazionalisti cinesi stanno utilizzando la piattaforma per invogliare discussioni accese a sostenere o utilizzare i campi di internamento cinesi nello Xinjiang. Video trailer per cambiare la narrazione.

La Cina nega che siano campi di concentramento e li descrive come collegi.

‘Le notizie false arrivano più rapidamente del virus stesso’

I dati nel rapporto mostrano crescenti preoccupazioni sull’uso della disinformazione e della disinformazione come tattica, non solo in Cina ma in Sud e Nord America, con un aumento complessivo dell’82% della disinformazione.

“Le notizie false arrivano più rapidamente del virus stesso”, ha detto il giornalista italiano Luca Region nella tavola rotonda.

Michael Kane, un accademico della Queensland University of Technology, ha detto che c’è una “luce negativa” in cui i media cinesi sono spesso rappresentati nelle democrazie occidentali come l’Australia.

“Almeno in.” [Australia] Abbiamo media pluralistici, ma in Cina non ci sono media pluralistici, e questo è un dato di fatto “.

Il rapporto ha rilevato che Pechino ha aumentato la sua offerta di notizie, fornendo contenuti locali e internazionali su misura per ogni paese in “lingue diverse dall’inglese”.

“Il vuoto di copertura viene sempre più riempito con contenuti approvati dallo stato, che a volte vengono forniti gratuitamente a questi paesi”, afferma il rapporto.

Numerosi giornalisti e società di media in tutto il mondo hanno subito la censura o l’arresto da parte della Cina, inclusi molti attivisti pro-democrazia e persone influenti a Hong Kong.

L’australiano Cheng Li, conduttore televisivo senior del canale di notizie in inglese del governo cinese, CGTN, È stato arrestato a Pechino nel 2020.

Cheng è stato il secondo australiano ad essere detenuto a Pechino negli ultimi anni. Le autorità hanno rapito lo scrittore ed ex dipendente del governo cinese Yang Hengjun nel gennaio 2019.

La Cina difende la strategia mediatica

La portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha risposto ai commenti nel rapporto e ha difeso la strategia mediatica cinese, dicendo che merita un posto sulla scena mediatica internazionale.

“La Cina ha chiarito la verità ei fatti su molte questioni importanti, tra cui COVID-19, per lasciare una memoria collettiva oggettiva e corretta e una narrazione dell’umanità. Questo è ciò che chiamiamo la posizione responsabile di un paese responsabile”.

Questo rapporto, che si basa sul precedente rapporto della International Federation of Journalists – The Story of China: Reshaping the Media of the World – ha rilevato che a livello globale, il 56% di tutti i paesi intervistati ha riferito che la copertura della Cina nel proprio paese è diventata complessivamente più positiva. dallo scoppio dell’epidemia COVID-19. Solo il 24% ha affermato che la copertura della Cina è diventata più negativa.

Il rapporto rileva che la Cina sta sfruttando la mancanza di copertura mediatica occidentale nella regione a proprio vantaggio, portando contenuti comprensibili a disposizione delle principali testate giornalistiche che non hanno occhi nella regione.

“La Cina sta utilizzando un approccio su più fronti per ridisegnare il panorama dell’informazione a vantaggio della sua immagine globale”, afferma il comunicato.

Nel 2020, Pechino ha effettivamente bloccato l’accesso dei giornalisti in Cina negando e congelando i visti, in parte a causa della chiusura delle frontiere internazionali.

Ha scoperto che la chiusura ha creato un vuoto nella copertura della Cina, poiché c’era un’enorme domanda di storie dalla Cina, che la Cina ha riempito con contenuti sponsorizzati dallo stato già disponibili attraverso accordi di condivisione dei contenuti.

La ricerca ha scoperto che i contenuti forniti ai giornalisti internazionali sono diventati più appropriati con gli sforzi per tradurre la propaganda cinese in diverse lingue, anche quelle che non sono ampiamente parlate come l’italiano e il serbo.

“I media sono molto potenti ma dobbiamo pensare alla debolezza dei media occidentali. [Their] La ricercatrice Louisa Lim ha detto che la vulnerabilità è economica.

L’IFJ raccomanda un maggiore impegno nella regione, con una strategia per raggiungere i giornalisti cinesi e stabilire relazioni con loro all’interno e all’esterno della Cina.

READ  L'attivista di Hong Kong Agnes Chow è stata rilasciata dopo aver scontato una condanna nelle proteste antigovernative