HomeEconomyIl primo ministro polacco ha sbagliato una cosa riguardo alla Gran Bretagna

Il primo ministro polacco ha sbagliato una cosa riguardo alla Gran Bretagna

Se invece prendiamo come misura la parità del potere d’acquisto, che tenta di aggiustare il fatto che il costo della vita in Polonia è molto più basso che in Gran Bretagna, la Polonia è in realtà più ricca del Regno Unito – 49.000 dollari pro capite contro 47.000 dollari. Il Fondo monetario internazionale prevede che questo divario si allargherà ulteriormente nei prossimi cinque anni fino a raggiungere i 63.500 dollari rispetto ai 50.000 dollari del Regno Unito.

Tuttavia, Tusk ha certamente commesso un errore nell’attribuire la differenza all’appartenenza all’UE. Ciò era ovviamente straordinariamente vantaggioso per la Polonia, quindi Tusk era destinato a essere generoso con il credito.

Ciò non è dovuto al fatto che la Polonia abbia beneficiato di ingenti trasferimenti netti dal resto dell’UE per aiutare il paese a modernizzarsi e recuperare terreno.

Nell’ambito del mercato unico europeo, ha goduto anche del vantaggio di una forza lavoro relativamente a basso costo, che ha portato molte aziende europee a localizzare lì le proprie attività. Generalmente è molto più economico produrre in Polonia che in Germania e Francia. La forza lavoro tende ad essere più giovane e più compiacente.

Inoltre, i polacchi sono stati i principali beneficiari dei principi fondamentali della libera circolazione del mercato unico. Per questo motivo, Tusk ha nei confronti del Regno Unito un enorme debito di gratitudine. A differenza della maggior parte dei paesi europei, tra cui Francia e Germania, la Gran Bretagna ha concesso ai polacchi il diritto di vivere e lavorare nel Regno Unito con effetto immediato dopo l’adesione nel maggio 2004.

In teoria, ciò avrebbe potuto essere molto negativo per l’economia polacca. Centinaia di migliaia di residenti in età lavorativa in Polonia hanno approfittato dell’opportunità di vivere e lavorare in Gran Bretagna, Irlanda e Svezia, che sono gli unici paesi dell’Unione Europea a non imporre restrizioni.

READ  Forum sull'Economia Sostenibile: il contributo di Africa e Italia

Ma in pratica, questo movimento costante si è rivelato un potente motore di crescita economica in Polonia, che ha acquisito una preziosa esperienza dal ritorno dei migranti e ha goduto di un flusso costante di rimesse. Queste storie potrebbero essere state apocrife, ma si diceva che interi villaggi polacchi sopravvivessero grazie alla generosità delle agevolazioni fiscali e dei pagamenti assistenziali britannici.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News