Il primo ministro italiano Meloni punta a un budget ristretto per il 2024

Il Primo Ministro italiano Giorgia Meloni è stato costretto a fare scelte difficili mentre il governo prepara il bilancio 2024 (Filippo Monteforte)

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni sta inasprendo le viti di bilancio per dimostrare che Roma può far quadrare i conti, anche se ciò significa ritardare le promesse elettorali.

Per ammissione dello stesso governo, lo spazio di manovra è fortemente limitato dal calo delle entrate fiscali derivante da un’economia in rallentamento che minaccia di rivedere al rialzo le proiezioni del deficit.

“Bisogna ridurre gli sprechi e le poche risorse che abbiamo devono essere spese nel miglior modo possibile”, ha ripetuto più volte la Meloni mentre il suo governo preparava il bilancio 2024 da inviare a Bruxelles a metà ottobre.

Il leader della “Fratellanza italiana” si è insediato a ottobre alla guida di una coalizione di estrema destra con la promessa di ridurre le tasse e aiutare le famiglie e le aziende colpite dall’alta inflazione.

Per rilanciare le casse pubbliche, il suo governo ha abolito una misura contro la povertà, il cosiddetto “reddito di cittadinanza”, ha imposto un’imposta inaspettata sui profitti bancari e ha aperto la porta a nuove privatizzazioni.

Ma il sorprendente calo dello 0,4% del Pil nel secondo trimestre, le difficoltà affrontate dalla Germania, principale partner commerciale dell’Italia, e i ritardi nell’erogazione dei fondi Ue dopo la pandemia stanno gravando pesantemente sulle finanze pubbliche.

Il governo ha già rinviato a tempo indeterminato la sua promessa elettorale di imporre ai dipendenti una “flat tax” del 15%, di cui attualmente beneficiano gli imprenditori.

Un altro piano caduto nel dimenticatoio è stata la promessa di abbandonare la legge del 2011 che fissava l’età pensionabile a 67 anni.

READ  230mm di pioggia colpiscono Royal Randwick

Un regime temporaneo consente agli italiani di smettere di lavorare a 62 anni se hanno contribuito alla pensione per 41 anni.

Tuttavia, il governo è ansioso di rinnovare il taglio delle tasse sui redditi bassi per un costo di circa 10 miliardi di euro (10,7 miliardi di dollari) – una priorità per l’autodefinita “madre cristiana” – per fornire maggiore sostegno alle famiglie numerose. .

– Regole di bilancio dell’UE –

Nonostante le loro differenze, la Meloni e il suo principale partner di coalizione, il partito di estrema destra della Lega di Matteo Salvini, hanno finora lavorato insieme e insistono sul fatto che non cadranno preda dell’instabilità politica che ha portato quasi 70 governi a governare l’Italia dalla Seconda Guerra Mondiale.

«Finora il governo Meloni sembra molto stabile – ha detto Valerio De Moli, capo del think tank Casa Europea-Ambrosetti – In assenza di un’opposizione unita il governo potrebbe proseguire fino alla fine della legislatura» nel 2027. .

Ma si trova ad affrontare pressioni fiscali simili a quelle dei precedenti governi italiani, in particolare il debito più alto di qualsiasi paese dell’Eurozona, ad eccezione della Grecia, con il 144% del PIL.

La Meloni punta a un deficit di bilancio pari al 4,5% del Pil nel 2023, in calo rispetto all’8,0% del 2022, ma ciò appare sempre più difficile.

Anche l’obiettivo del 3,7% del Pil al 2024 appare fuori portata.

Un ulteriore peso sul bilancio è rappresentato dal regime italiano del “super bonus”, un incentivo fiscale per promuovere misure volte a rendere le case più efficienti dal punto di vista energetico.

READ  L'Inter ha vinto la Supercoppa Italiana per la terza volta consecutiva sotto la guida di Simone Inzaghi dopo aver sconfitto il Napoli in Arabia Saudita.

Introdotto nel 2020 sotto il governo di Giuseppe Conte come un modo per rilanciare l’economia dopo la pandemia di coronavirus, i suoi costi sono saliti a oltre 100 miliardi di euro, ha detto Meloni questa settimana.

Roma sperava di estendere la sospensione delle regole di bilancio dell’Ue dopo la pandemia fino al prossimo anno, ma il commissario economico Paolo Gentiloni lo ha escluso.

Bruxelles spera invece di raggiungere un accordo quest’anno sulla riforma del Patto di stabilità e crescita dell’UE, che limita il deficit di bilancio dei paesi al 3% del PIL e il livello del debito al 60% del PIL.

“Un ritorno alle vecchie regole sarebbe drammatico”, ha avvertito Meloni questa settimana.

In /ar/ams/rl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto