SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il primo ministro delle Samoa Fiami Naomi Matava annulla l’accordo Belt and Road finanziato dalla Cina

La Cina è il più grande creditore delle Samoa, rappresentando circa il 40%, o circa 200 milioni di dollari, del suo debito estero.

“Abbiamo indicato che questa non sarà una priorità per noi in questo momento e che ci saranno altre aree in cui saremo più interessati”, ha detto Mutafa’a a Reuters.

“Sono lieto che il governo uscente non abbia raggiunto un livello di accordo con la Cina dove era stato stabilito”.

Il ministero degli Esteri cinese non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha dichiarato dopo le osservazioni di Matava a maggio che il governo samoano aveva chiesto alla Cina di condurre uno studio di fattibilità per il porto e che qualsiasi assistenza sarebbe arrivata “senza alcuna restrizione politica”.

Mutafa ha affermato che la Cina è un partner a lungo termine e che il suo governo valuterà le relazioni nello stesso modo in cui fa tutte le sue relazioni bilaterali.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian. credito:AP

“Penso che la prossima nuova amministrazione lo faremo per la Cina e per qualunque altro partner abbiamo”, ha detto.

“La Cina è in testa solo per la natura del lavoro che viene finanziato. Ci sono molte infrastrutture, per lo più costruzioni di infrastrutture che altri donatori non stanno facendo”.

era spento Ha confermato di essere stata la prima donna Primo Ministro delle Samoa il 23 luglio, per porre fine all’impasse politica che esiste dalle contestate elezioni del 9 aprile. Maleligawi ha governato l’isola del Pacifico per 22 anni, rendendolo uno dei leader più longevi al mondo.

READ  I casi di Everest Covid fanno luce sulla decisione del Nepal di aprire il Monte. Nepal

Mutafaa ha affermato che il suo governo si concentrerà sul bilancio nazionale dopo mesi di stallo mentre la pandemia di coronavirus ha devastato importanti industrie.

Scarica

La sua ascesa alla guida del paese è stata brevemente vanificata da una legge che, ironia della sorte, è stata progettata per garantire una maggiore rappresentanza femminile in Parlamento che ha portato a tentativi di aggiungere un ulteriore membro alleato al suo rivale.

Matafeh ha affermato che ci sono ostacoli persistenti alla partecipazione delle donne alla politica, come la pratica di alcuni villaggi di privare le donne dei loro titoli principali, chiamati matai, che è un prerequisito per entrare in parlamento.

“Il nostro sistema elettorale era fondamentalmente basato sul tradizionale sistema matai”, ha detto. “Allontanarci da questo significa dire che apparentemente vogliamo sbarazzarci della tradizione. Quello che potrebbe essere meglio fare è… cambiare la percezione della tradizione delle persone”.