HomeWorldIl primo ministro Anthony Albanese ha interrogato il mandato d'arresto israeliano della...

Il primo ministro Anthony Albanese ha interrogato il mandato d’arresto israeliano della CPI, facendo “ipotesi” al governo Howard

Il primo ministro Anthony Albanese ancora una volta ha schivato le domande dei giornalisti sulla posizione della politica estera australiana sul mandato di arresto della Corte penale internazionale per i leader israeliani, dicendo: “Non commento le ipotesi”.

Il procuratore della CPI ha detto martedì che la corte sta cercando mandati di arresto per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant e tre leader di Hamas per presunti crimini di guerra.

Albanese ha rifiutato di condannare la mossa, dicendo che non avrebbe “commentato i procedimenti giudiziari”.

Mercoledì, sono aumentate le pressioni su Albanese affinché rivelasse la posizione dell’Australia sulla mossa del procuratore della CPI, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva condannato le azioni della corte e dopo che era stato rivelato che l’Australia era uno dei firmatari originali dello Statuto di Roma, il trattato che istituiva la CPI. .

Giovedì, parlando in una conferenza stampa a Brisbane, il Primo Ministro ha eluso le domande sulla decisione della Corte penale internazionale, dicendo a un giornalista: “Non hai menzionato affatto la Corte penale internazionale nelle tue domande”.

Insistito incessantemente sulla questione, il Primo Ministro alla fine ha affermato che il mandato d’arresto della CPI “spetta” al governo Howard “interpretarlo”.

Ha detto che alla corte “non si è unito il mio governo, ovviamente, ma il governo Howard quando Alexander Downer era Segretario di Stato, quindi penso che spettasse a loro interpretare quelle decisioni in quel momento”.

Ha detto: “Non commento le ipotesi”.

Ha aggiunto: “Non ho intenzione di fare supposizioni su cose che non sono accadute. C’era una richiesta… Non c’è stata alcuna decisione da parte della CPI contro nessun individuo o persona in questo momento.”

READ  Un uomo anziano, 78 anni, scomparso a Irrawiyah, Victoria, è stato trovato morto

Alla domanda sul perché non avesse espresso la sua posizione, Albanese ha risposto di aver già espresso “molto chiaramente” la posizione dell’Australia.

Ha aggiunto: “Abbiamo chiarito che ciò che ci guiderà è se il riconoscimento farà avanzare la causa della pace e progredirà verso una soluzione a due Stati”.

La posizione del governo australiano contraddice quella del presidente americano Joe Biden, che ha definito “oltraggiosi” gli sforzi della Corte penale internazionale per arrestare il primo ministro israeliano.

“Qualunque cosa possa suggerire questo pubblico ministero, non esiste alcuna equivalenza – nessuna – tra Israele e Hamas”, ha affermato il presidente Biden.

Giovedì sera, parlando con Chris Kenney, conduttore di Sky News Australia, l’ex ministro degli Esteri australiano Alexander Downer ha accusato Albanese di andare contro i sentimenti dei suoi alleati.

“Quello che sta cercando di fare è smettere di impegnarsi in qualcosa in cui pensavo che Joe Biden fosse molto impegnato”, ha detto.

Ha aggiunto: “Ma l’Australia sta cercando di allontanarsi dalla politica internazionale giocando con la politica interna su questi temi, e voglio dire che è chiaro che la decisione del Procuratore Generale è quella di tracciare un’equivalenza morale tra il governo israeliano e Hamas”.

Downer ha poi fatto eco alle accuse della leader di One Nation Pauline Hannon secondo cui Albanese stava cercando di conquistare gli elettori non criticando il mandato d’arresto della CPI.

“Il Primo Ministro sta cercando di bilanciare la sinistra del Partito Laburista con la destra del Partito Laburista per garantire che i voti non si disperdano dai Laburisti ai Verdi, che è il modo in cui i Laburisti hanno giocato durante la crisi di Gaza”, ha detto.

READ  Scioperi: migliaia partecipano alle marce in un grande sciopero sui salari

“È molto deludente vedere questo tipo di comportamento da parte del governo australiano”.

Martedì l’ufficio del ministro degli Esteri Penny Wong ha rilasciato una dichiarazione in difesa della Corte penale internazionale e del suo “ruolo importante”.

Anche il segretario al Tesoro Jim Chalmers ha pesato sulla decisione, ma i principali leader mondiali, tra cui il primo ministro britannico Rishi Sunak e il primo ministro canadese Justin Trudeau, hanno tutti condannato il procedimento giudiziario.

Circa 1.200 persone sono state uccise e 250 prese in ostaggio negli attacchi del 7 ottobre, mentre almeno 35.000 palestinesi sono stati uccisi dallo scoppio del conflitto secondo le autorità sanitarie di Gaza, che non fanno distinzione tra civili e combattenti.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News