Marzo 9, 2021

SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il PLM mostra risultati chiari all’inizio della campagna di moda italiana

Si apre mercoledì alla Milano Fashion Week la sfilata digitale di cinque stilisti italiani di origine africana, risultato sicuro di una campagna lanciata dall’unico stilista nero italiano della Camera della Moda di Milano la scorsa estate.

Dopo alcune resistenze iniziali e un avvio lento, la designer Stella Jean elogia la Camera Nazionale della Moda Italiana con “molta buona volontà” per aver migliorato la collaborazione con cinque giovani designer, comprese le finanze e le partnership con fornitori italiani.

“Se vuoi fare qualcosa, puoi farlo subito”, ha detto Jean, uno dei fondatori di Black Lives Matter nella campagna di moda italiana. “Ho lavorato duramente per superare questa graduale tendenza a far parte della mentalità di una parte particolare del mondo della moda italiana”.

Seguendo la solidarietà di Fashion House con il movimento Black Lives Matters su Instagram, ha lanciato una campagna con il designer Edward Buchanan e il fondatore dell’Afro Fashion Week Milano Michael Nocomo, chiedendo che agiscano dietro i loro impegni sui social media. Jean, che ha avuto una pausa quando Giorgio Armani è stato invitato a recitare nel suo teatro nel 2014, ha detto che era importante combattere uno dei primi ostacoli alla campagna per attirare l’attenzione sugli italiani di origine africana: in Italia non ci sono designer neri.

La collaborazione con l’Italian Fashion Council proseguirà a settembre, con cinque nuovi designer delle comunità minoritarie italiane che parteciperanno alla Fashion Week. Jean crea anche un evento con designer e artigiani africani, con l’obiettivo di costruire partnership tra case di moda italiane che possono apprendere metodi di produzione sostenibili in cambio di formazione nel sistema della moda globale.

READ  La Scozia ospita l'Irlanda, l'Italia bandita dal Sei Nazioni

“Stai parlando di nausea persistente qui. Sono persistente, ma persistente, credimi. Nei paesi in cui lavoro, il 99% delle persone lavora in modo sostenibile, come risultato di necessità, controllo o volontà”, Jean disse.

Jean lavora anche su un database di artigianato africano, tessuti, motivi e altri riferimenti culturali. Il designer italo-haitiano vede la mossa come un baluardo contro la segregazione culturale, che non è economicamente sostenibile per gli africani ed è un modo per arginare le barriere razziste.

Valerie Steele, direttrice del The Museum of the Fashion Institute of Technology, ha detto che molte delle idee di Jean potrebbero riflettersi negli Stati Uniti e altrove.

Steel, che ha alcune delle opere di Jean nella collezione, ha registrato una conversazione con un designer italiano per il Black History Month, che sarà pubblicato giovedì al museo sul canale YouTube della FID per mostrare il ruolo di Jean nello scuotere la moda italiana.

Steele ha detto che anche i designer neri non sono rappresentati negli Stati Uniti, dove la cultura nera gioca un ruolo nella promozione della civiltà.

“Quando abbiamo fatto una mostra sugli stilisti neri in una mostra internazionale dove si trovava Stella alcuni anni fa, siamo rimasti molto scioccati nell’apprendere che su Vog.com, qualcosa di così ridicolo come l’1% degli stilisti era in nero”, ha detto Steel.

Segui altre storie Facebook E Twitter

Questa storia è stata pubblicata senza modifiche nel testo da un feed dell’agenzia di filo.