SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il numero di casi di coronavirus potrebbe aumentare a Melbourne, ma gli esperti dicono che questo è meno motivo di preoccupazione di quanto si possa pensare

Mentre la popolazione del Victoria si adatta per tornare alla vita in condizioni di blocco, i numeri di casi COVID-19 acquisiti localmente di quattro e cinque negli ultimi giorni hanno fornito una fonte di speranza.

Il numero totale di casi collegati a questo focolaio, 35, non è l’ideale, ma non è nemmeno come quei numeri giornalieri nelle centinaia con cui lo stato ha lottato l’anno scorso.

Per numero Siti di esposizione Supera 150 e continua a monitorare gli strumenti di tracciamento dei contatti 15.000 contatti positivi, di cui 3.000 contatti direttiCi sono segni che i numeri bassi di una cifra che abbiamo preso in conforto potrebbero non essere qui per restare.

Ma come sottolineano gli esperti, fintanto che i nuovi casi che stiamo vedendo sono ancora associati, l’aumento dei casi acquisiti localmente non sarà necessariamente motivo di grande preoccupazione.

Potrebbe essere che i casi abbiano già raggiunto il picco?

Dato il numero di siti di esposizione e gli stretti contatti iniziali che erano stati identificati, Brigid Lynch, presidente dell’Australian Association of Epidemiology, ha affermato che solo pochi nuovi casi “sono stati davvero rassicuranti”.

Ma ha detto che probabilmente aumenterà nei prossimi giorni.

“ Ma il numero di casi non è davvero la cosa più preoccupante.

“Anche se domani ci sono 30 casi, se queste persone sono già identificate e isolate a casa, non è così preoccupante come trovare due casi al di fuori della comunità”.

Brigid Lynch sorride e si ferma a una scrivania.
Finché i nuovi casi sono collegati, non è una grande preoccupazione, afferma Brigid Lynch, presidente dell’Australian Epidemiological Society.(

Fornito: Brigid Lynch

)

Ha detto che è del tutto possibile che ci saranno più casi nei prossimi giorni.

“Il rischio è che non tutti leggano attentamente il sito e controllino i siti di esposizione”, ha detto.

Greg Dorey, medico di malattie infettive ed epidemiologo presso il Kirby Institute, ha affermato che i casi non aumenteranno necessariamente nei prossimi giorni.

Ha detto che l’epidemia potrebbe aver già raggiunto il suo apice.

Il professor Dory ha detto che anche se ci fossero tre o quattro nuovi casi emergenti entro il prossimo martedì o mercoledì, ciò non significherebbe che il blocco dell’interruttore dovrebbe essere esteso.

Ha detto: “Questo non mi disturberà affatto”.

“finchè [as there are] Due cose. In primo luogo, questi casi sono collegati ad altri; In secondo luogo, quei casi sono stati rilevati tra le persone che sono già in quarantena “.

Questo sostituto è particolarmente contagioso?

La giuria è ancora fuori a causa di lacune nelle conoscenze in merito Sottotipo di una variante identificata nell’epidemia vittoriana, B.1.617.1.

Un uomo, Greg Dory, indossa una camicia e una giacca nere.
Greg Dorey, medico di malattie infettive ed epidemiologo presso il Kirby Institute.(

Fornito: Greg Dorey

)

La variante COVID-19 è stata rilevata per la prima volta in India nell’ottobre dello scorso anno e da allora si è diffusa in dozzine di paesi in tutto il mondo.

Ci sono segni che il sottotipo identificato a Melbourne sia più contagioso rispetto alle versioni precedenti del virus, ma c’è ancora molto lavoro da fare.

Il professor Dorey ha detto che c’erano prove che il sottotipo B.1.617.2 strettamente correlato, che circolava nel Regno Unito, era più contagioso delle altre varianti.

“Non ci sono ancora prove evidenti che sia più contagioso”.

Ha detto che quando i ceppi erano più contagiosi, sembrava che il motivo fosse che avevano livelli più alti di virus.

“Alcuni di questi nuovi ceppi sembrano avere un livello virale generalmente più elevato”, ha detto.

Questa variante ha un periodo di incubazione più breve?

Ebbene, secondo il professor Dory, non necessariamente.

Ha detto che ci sono altri fattori che giocano un ruolo nell’influenzare la percezione del periodo di incubazione della razza.

Il professor Dory ha detto che l’incubazione indica il tempo che intercorre tra l’esposizione di una persona al virus e lo sviluppo dei sintomi.

Ha detto che durante l’epidemia, quando i tracker dei contratti trovavano persone che erano state esposte a COVID-19 e chiedevano loro di isolarle e testarle, il periodo di incubazione poteva sembrare più breve di quanto non sia.

Ha detto: “È chiaro che puoi essere positivo per il virus un giorno, due o tre giorni prima della comparsa dei sintomi”.

“Quindi, poiché stai esaminando tutti, stai scoprendo il virus prima che mostrino effettivamente i sintomi.”

Stazione di Southern Cross a Melbourne con pochissime persone.
La stazione di Southern Cross è quasi vuota sabato poiché i vittoriani si sono presi cura delle restrizioni imposte come parte dell’arresto dell’interruttore di circuito.(

Notizie ABC: Darcy Hodgson

)

Secondo il professor Dorey, l’intenso tracciamento dei contatti attualmente in corso a Victoria significa che il periodo di incubazione è “accorciato artificialmente”.

L’altro fattore che contribuisce, ha detto, è che all’inizio dell’epidemia sono state selezionate per prime le persone con periodi di incubazione più brevi.

Quanto è realistico il rapido ritorno della comunità non si muove?

Mentre il paese è ancora bloccato, è difficile pensare a cosa potrebbe accadere troppo presto.

Come ha confermato ieri il ministro della Salute Martin Foley, La situazione deve essere affrontata “giorno dopo giorno”.

Ma sia il professor Dor che il dottor Lynch erano estremamente ottimisti riguardo alle probabilità che Victoria sarebbe tornata alla transizione della comunità non prima.

“È decisamente realizzabile – quello che vediamo ora è diverso da quello che abbiamo visto nel 2020”, ha detto il dottor Lynch.

“I numeri delle vaccinazioni che abbiamo visto negli ultimi giorni indicano che tutti capiscono che le vaccinazioni sono importanti e importanti”.

“Il primo vaccino che puoi ottenere, devi prenderlo, perché è l’unico modo per tornare alla vita normale”.

READ  L'attività fisica può ridurre gli effetti dello stress e della fatica tra gli operatori sanitari