HomeWorldIl molo navale del Bangladesh, sostenuto dalla Cina, aumenta il campo di...

Il molo navale del Bangladesh, sostenuto dalla Cina, aumenta il campo di gioco nel cortile di casa dell’India

Gli analisti affermano che è improbabile che l’India si senta “eccessivamente preoccupata” in questo momento perché la struttura riflette principalmente il desiderio del Bangladesh di incrementare le proprie ambizioni marittime, ma avvertono che Nuova Delhi dovrebbe diffidare di una crescente presenza cinese.

Oltre ad una maggiore influenza, la Cina potrebbe ottenere una nuova base per i suoi sottomarini nel Golfo del Bengala attraverso i suoi stretti legami di difesa con il Bangladesh, hanno ipotizzato i media indiani il mese scorso citando un’immagine satellitare.

Il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina mostra una guardia d’onore durante una cerimonia di benvenuto a Pechino nel 2019. Hasina ha aperto la nuova struttura marina di Cox’s Bazar nel marzo dello scorso anno. Foto: AP

La Marina del Bangladesh sta costruendo il bacino di carenaggio presso la nuova base sottomarina Sheikh Hasina a Cox’s Bazar, ha affermato Troy Lee Brown, ricercatore presso l’Istituto di difesa e sicurezza dell’Università dell’Australia occidentale.

Ha aggiunto che l’impianto da 1,21 miliardi di dollari, che è stato inaugurato dal primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina nel marzo dello scorso anno durante una cerimonia alla quale hanno partecipato funzionari cinesi, è stato costruito con “un’assistenza significativa” da parte di Pechino.

Hasina ha affermato durante la cerimonia di inaugurazione che la base migliorerà “la capacità del Bangladesh di proteggere i suoi confini marittimi”. Sarà in grado di ospitare sei sottomarini e otto navi da guerra contemporaneamente, ha riferito lo scorso anno il Dhaka Tribune, consentendo “un movimento rapido e sicuro dei sottomarini in caso di emergenza”.

Si prevede che anche i due sottomarini acquistati dal Bangladesh dalla Cina per 205 milioni di dollari nel 2016 saranno mantenuti nella base.

Il Bangladesh riceve beni offshore a prezzi ragionevoli dalla Cina fin dagli anni ’80, ha affermato Nilanthi Samaranayake, un accademico in visita presso i programmi per l’Asia meridionale dell’Istituto americano per la pace.

READ  La Corea del Sud chiama i suoi panda gemelli Rui Bao e Hui Bao

Ha aggiunto che “DACA ha cercato di espandere le sue forze navali” e spera di aggiungerle ai due sottomarini cinesi che attualmente gestisce.

L’anno scorso a Cox’s Bazar sono state viste turbine eoliche costruite da un’azienda cinese. Nelle vicinanze si sta costruendo la nuova struttura offshore del Bangladesh. Foto: Xinhua

David Brewster, ricercatore senior presso la School of National Security dell’Australian National University specializzato in sicurezza marittima nell’Oceano Indiano e nell’Indo-Pacifico, ha affermato che il Bangladesh aspira a sviluppare la sua influenza marittima nel Golfo del Bengala “e forse oltre. “

“Ci vorranno probabilmente molti anni prima che la Marina del Bangladesh acquisisca solide capacità sottomarine”, ha affermato.

“[This] È solo un passo nello sviluppo del Bangladesh come importante potenza regionale che può svolgere un ruolo sempre più prezioso nella sicurezza dell’Oceano Indiano.

Brewster ha aggiunto che questo obiettivo a lungo termine dovrebbe essere accolto favorevolmente e ha affermato che non vi sono indicazioni che il governo di Hasina abbia “qualsiasi intenzione di consentire alla Marina cinese di utilizzare questa struttura”.

Le preoccupazioni dell’India

Delhi tradizionalmente considera la regione dell’Oceano Indiano come la sua sfera di influenza, ma la Cina ha aumentato la sua presenza lì negli ultimi anni. Pechino Firma di un accordo di sicurezza con le Maldive A marzo ha inviato una delegazione militare che ha visitato anche lo stato insulare Sri Lanka E Nepal.
Navi da ricerca cinesi È stato avvistato vicino alla costa dell’India due volte quest’anno, sollevando preoccupazioni sul fatto che Pechino possa raccogliere informazioni militari nel cortile del paese. La Cina ha affermato che le navi stavano conducendo indagini sul fondale oceanico per ragioni scientifiche pacifiche.

Brown mi ha detto che probabilmente l’India “non era eccessivamente preoccupata” per la costruzione di un nuovo bacino navale da parte del Bangladesh, dati i forti legami di sicurezza e difesa tra i due paesi, citando le recenti esercitazioni militari congiunte e i programmi di assistenza umanitaria e di soccorso in caso di calamità.

READ  Joe Biden e Boris Johnson aggiornano la Carta Atlantica nel loro primo incontro formale

Il ministro degli Esteri del Bangladesh Hassan Mahmud ha dichiarato a febbraio che Dhaka continuerà ad acquistare attrezzature per la difesa dall’India, tra cui un bacino galleggiante, una nave logistica e una petroliera per la sua marina.

Delhi avrà alcune preoccupazioni riguardo al futuro accesso della Cina alla base

Troy Lee Brown, ricercatore sulla sicurezza

“Ma Nuova Delhi avrà qualche preoccupazione riguardo al futuro accesso della Cina alla base” per mantenere le sue navi da guerra e i suoi sottomarini “nello strategico Golfo del Bengala”, mi ha detto Brown.

Il Golfo del Bengala è una delle rotte marittime più trafficate del mondo con più di 40.000 navi che lo attraversano ogni anno e funge da importante punto di passaggio marittimo tra Oriente e Occidente.

Facendo riferimento al “chiaro vantaggio marittimo di Delhi nell’Oceano Indiano rispetto alla Cina”, Brown mi ha detto che Pechino aveva bisogno di operare nella regione con “significativi vincoli logistici, soprattutto in tempi di accresciute tensioni”.

“Se la Marina cinese riuscisse ad accedere a basi come la nuova base sottomarina Sheikh Hasina a Cox’s Bazar per sostenere e mantenere le sue imbarcazioni, indebolirebbe leggermente l’enorme vantaggio geografico dell’India nell’Oceano Indiano”, ha affermato.

02:17

La Cina trasmette filmati della portaerei Fujian dotata di un avanzato sistema di lancio con catapulta

La Cina trasmette filmati della portaerei Fujian dotata di un avanzato sistema di lancio con catapulta

Sebbene gli studiosi di sicurezza cinesi abbiano parlato di una futura flotta cinese nell’Oceano Indiano, “una flotta cinese non è ancora emersa”, afferma Prashant Hosur Suhas, professore di relazioni internazionali alla Clarkson University negli Stati Uniti. Scritto da Christopher K. Cooley, professore di studi sulla sicurezza internazionale presso l’Air War College degli Stati Uniti, in un articolo pubblicato dalla piattaforma di strategia, difesa e affari esteri War on the Rocks il 7 maggio.

“Qualsiasi flotta cinese nella regione dovrà fare i conti con la tirannia geografica, che fornisce all’India un vantaggio sul suo territorio”, hanno affermato.

Hanno affermato che i gruppi da battaglia emergenti della Cina “non sono ancora pronti a impegnarsi con avversari capaci, e probabilmente ci vorrà almeno un decennio per essere in grado di condurre missioni di combattimento efficaci”.

Samaranayake dell’Istituto statunitense per la pace ha affermato che l’India ha già una “forte consapevolezza” delle attività marittime nel Golfo del Bengala attraverso risorse come il comando navale orientale a Visakhapatnam, nello stato di Andhra Pradesh, e l’avamposto militare congiunto nelle isole Andamane e Nicobare. .

“[Indian Prime Minister] “L’amministrazione Narendra Modi continuerà a difendere attivamente gli interessi di sicurezza dell’India nel Golfo del Bengala, basandosi sul rapporto che ha costruito con l’amministrazione Sheikh Hasina negli ultimi dieci anni”, ha aggiunto.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News