Il ministro pakistano abbandona i piani esteri tra “preoccupazioni” per l’autorità fiscale | Pakistan

I documenti nei documenti Bandura indicano che un ministro del governo Imran Khan del Pakistan si è ritirato dall’effettuare investimenti pianificati attraverso i paradisi fiscali offshore dopo essere stato informato che le autorità fiscali del suo paese sarebbero state informate.

Chaudhry Munis Elahi, ministro per le risorse idriche del governo Khan e membro di una famiglia influente negli affari e nella politica pakistani, ha espresso “preoccupazioni” nell’agosto 2017 per l’investimento segnalato al suo paese, secondo i giornali, e ha invece deciso di fissare una struttura fiduciaria nel Regno Unito.

I documenti trapelati, esaminati dal Guardian e dall’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), non hanno identificato una preoccupazione divina. Ma hanno dimostrato che ha fornito come fonte di fondi per gli investimenti la vendita di 33,7 milioni di dollari (25 milioni di sterline) di un’azienda a conduzione familiare a Lahore che è stata oggetto di storiche accuse di corruzione.

È probabile che queste scoperte sollevino serie preoccupazioni in Pakistan, dove 2016 Khan, come rivale dell’opposizione, ha espresso la sua rabbia Dopo che i giornali panamensi hanno rivelato gli interessi stranieri associati all’élite politica del paese.

“È disgustoso il modo in cui i soldi vengono saccheggiati nel mondo in via di sviluppo da persone che sono già private dei servizi di base: salute, istruzione, giustizia e occupazione”, ha detto Khan all’epoca. “Questo denaro viene messo in conti esteri, o anche nei paesi occidentali, nelle banche occidentali. I poveri stanno diventando sempre più poveri. I paesi poveri stanno diventando sempre più poveri e i paesi ricchi stanno diventando sempre più ricchi”.

Guida veloce

Cosa sono le foglie di Pandora?

mostrare

I Pandora Papers sono la più grande serie di perdite di paradisi fiscali nella storia. Fornisce una rara finestra sul mondo nascosto della finanza esterna e fa luce sui segreti finanziari di alcune delle persone più ricche del mondo. I file sono stati divulgati all’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), che ha condiviso l’accesso con il Guardian, la BBC e altri media di tutto il mondo. In totale, la raccolta è composta da 11,9 milioni di file trapelati da un totale di 14 fornitori di servizi esterni, per un totale di 2,94 terabyte di informazioni. Ciò lo rende significativamente più grande sia dei Panama Papers (2016) che dei Paradise Papers (2017), due precedenti fughe di notizie esterne.

Da dove vengono i documenti Pandora?

L’International Consortium of Investigative Journalists, un’organizzazione giornalistica senza scopo di lucro con sede a Washington, DC, non ha identificato la fonte dei documenti trapelati. Al fine di facilitare un’indagine globale, l’IFJ ha fornito l’accesso remoto ai documenti per i giornalisti in 117 paesi, inclusi i giornalisti del Washington Post, Le Monde, El Pais, Sueddeutsche Zeitung, PBS Frontline e Australian Broadcasting Corporation. Nel Regno Unito, l’indagine è stata condotta da The Guardian e BBC Panorama.

Che cos’è un fornitore di servizi esterno?

I 14 fornitori di servizi offshore di Infusion forniscono servizi aziendali a individui o aziende che cercano di fare affari all’estero. I loro clienti in genere cercano di costituire con discrezione società o trust in paradisi fiscali leggermente regolamentati come le Isole Vergini britanniche (BVI), Panama, le Isole Cook e lo stato americano del South Dakota. Le società registrate offshore possono essere utilizzate per detenere beni come proprietà, aerei, yacht, partecipazioni e partecipazioni. Conservando questi beni in una società offshore, è possibile nascondere al resto del mondo l’identità della persona a cui effettivamente appartengono o del “titolare effettivo”.

Perché le persone trasferiscono denaro all’estero?

Di solito per motivi fiscali, di riservatezza o normativi. Le giurisdizioni offshore tendono a non avere imposte sul reddito o sulle società, il che le rende attraenti per gli individui e le imprese facoltosi che non desiderano pagare le tasse nei loro paesi d’origine. Sebbene questo tipo di evasione fiscale sia eticamente discutibile, può anche essere legale. Anche le giurisdizioni offshore tendono ad essere altamente riservate e pubblicano poche o nessuna informazione sulle società o sui trust ivi stabiliti. Ciò può renderlo utile per i criminali, come gli evasori fiscali o i riciclatori di denaro, che hanno bisogno di nascondere denaro alle tasse o alle forze dell’ordine. È anche vero che le persone in paesi corrotti o instabili possono utilizzare fornitori di servizi esterni per mettere i loro beni fuori dalla portata di governi repressivi o oppositori criminali che potrebbero tentare di sequestrarli, o per cercare di aggirare le restrizioni sulla valuta forte. Altri possono andare all’estero per motivi di eredità o pianificazione successoria.

Tutti i Pandora Papers hanno fatto qualcosa di sbagliato?

No. Trasferire denaro all’estero non è di per sé illegale e ci sono ragioni legittime per cui alcune persone lo fanno. Nessun illecito è sospettato di nessuno nominato nei Pandora Papers. Coloro che possono essere accusati di una vasta gamma di illeciti: da moralmente discutibili a potenziali criminali. Il Guardian pubblica solo storie basate su documenti trapelati dopo aver considerato l’interesse pubblico. Questo è un concetto ampio che può includere il miglioramento della trasparenza rivelando i proprietari segreti di proprietà offshore nel Regno Unito, anche quando quei proprietari non hanno fatto nulla di sbagliato. Altri articoli possono evidenziare questioni di importante dibattito pubblico, sollevare questioni etiche, far luce su come opera l’industria esterna o aiutare a informare gli elettori su politici o donatori a favore della responsabilità democratica.

Grazie per il tuo feedback.

A quel tempo, Munis Elahi era membro del parlamento provinciale del Punjab. Nel giugno di quest’anno, Khan lo ha nominato ministro.

Un portavoce della famiglia di Elahi ha respinto ogni accusa di illecito e ha affermato che tutti i beni della famiglia sono pubblicizzati come previsto dalla legge.

Secondo i documenti di Pandora, nel gennaio 2016, Elahi ha incontrato i funzionari dell’Asiaciti Trust Offshore Wealth Management per discutere dell’acquisto di una quota del 24% in RYK Mills, una grande società di zucchero e di energie rinnovabili con sede a Lahore, la capitale della provincia pakistana del Punjab. . Elahi ha detto ai funzionari che voleva creare un trust che avrebbe acquistato una quota del 24% e possedeva due proprietà in Gran Bretagna.

Per provare la fonte del suo denaro, Elahi ha mostrato ad AsiaCity un contratto della vendita della sua famiglia nel maggio 2007 della loro compagnia di zucchero, CSK Limited – precedentemente chiamata Phalia Sugar Mills – per il quale hanno pagato 2 miliardi di rupie pakistane, equivalenti a $ 33,7 milioni, nel 2007.

Quella vendita, ad un’altra società con sede a Lahore, Colony Mills, è stata successivamente oggetto di un attento esame in Pakistan, comprese le accuse della Bank of Punjab (BoP) secondo cui il suo prestito per finanziare l’accordo era corrotto.

Dato lo status divino di un politico di spicco – una “Persona di spicco politico” (PEP), secondo le regole di conformità – AsiaCity ha commissionato un rapporto completo di due diligence su di esso dal braccio di gestione del rischio della società di informazioni globale Thomson Reuters.

Il loro rapporto, datato 21 gennaio 2016, che si basa in gran parte sulla copertura mediatica in Pakistan sia in urdu che in inglese, citava gravi accuse relative all’accordo da 33,7 milioni di dollari, incluso il fatto che la stessa Punjab Bank avesse presentato denunce contro la famiglia Elahi al Pakistan National . Ufficio di responsabilità.

La principale lamentela all’epoca era che la banca aveva concesso un prestito corrotto che aveva permesso alla famiglia Elahi di vendere lo zuccherificio di Phalia. Il padre di Munis, Chaudhry Pervez Elahi, era ancora un politico di spicco che serviva come presidente del parlamento nel Punjab ea quel tempo era Primo Ministro dell’Autorità del Punjab che possedeva la banca.

Chaudhry Pervez Elahi nella foto nel 2008. Foto: AFP/Getty Images

Il rapporto di due diligence di Asiaciti ha osservato: “Con la sua denuncia, il BoP ha affermato che [Moonis] Mio Dio e gli altri [including his father], su un prestito illegale di BoP alla società del direttore della banca, nel tentativo di permettergli di acquistare Phalia Sugar Mills di proprietà della famiglia Elahi.”

Secondo quanto riferito, l’FBI ha anche avviato un’indagine sui prestiti.

Un rapporto di Thomson Reuters ad AsiaCity ha affermato che ci sono stati rischi di corruzione, riciclaggio di denaro e frode in relazione a Munis Elahi, ma ha osservato che lui e la sua famiglia hanno sempre negato le accuse. Secondo il rapporto, le indagini non hanno riscontrato alcuna irregolarità nei loro confronti.

Asiaciti ha accettato di prendere Moonis Elahi come cliente e ha già registrato una struttura fiduciaria situata a Singapore a bassa tassazione e nel paradiso fiscale del Pacifico di Samoa, mostrano i documenti, in preparazione ad investire in RYK Mills e a detenere le due proprietà nel UK.

Successivamente, i funzionari hanno informato Asia Elahi che se volevano procedere con gli investimenti, avrebbero dovuto condividere le sue informazioni finanziarie con le autorità fiscali competenti in Pakistan ai sensi del Common Reporting Standard (CRS), un sistema di scambio di informazioni globale istituito per combattere le tasse evasione.

A quel punto, il mio Dio sembrò diventare ansioso e decise di non andare avanti.

Asiaciti ha notato una telefonata con Elahi: “Mounis è preoccupato per i requisiti per le strutture di segnalazione CRS al Pakistan…Mounis ha informato di aver ottenuto consulenza dai suoi consulenti legali e di conseguenza ha creato una struttura nel Regno Unito, dove [sic] Sua moglie e i suoi figli sono residenti”.

Non è chiaro quali fossero le preoccupazioni divine riguardo alla fornitura di CRS al Pakistan o quale consulenza legale lo abbia portato a creare la struttura nel Regno Unito.

Hai informazioni su questa storia? Invia un’e-mail a [email protected] o (usando un telefono al di fuori del lavoro) usa Signal o WhatsApp per inviare un SMS al +44 7584 640566

Sembra che un prestigioso immobile londinese ad esso collegato sia stato successivamente, legalmente, convertito in trust. immobiliare, appartamento in molo del fiumeVicino alla South Bank, è stata acquistata per 5,45 milioni di sterline nel settembre 2015 da una società chiamata LO89 Ltd, la stessa che ha pagato ad Asiaciti la quota di 7.000 sterline per il lavoro di Elahi. Due anni dopo, LO89 trasferì la proprietà, a titolo gratuito, a una società britannica di proprietà di un membro della famiglia di Elahi.

Nel novembre 2018, la società di un membro della famiglia ha trasferito l’appartamento, sempre gratuitamente, a un altro residente britannico, che sembra detenerlo in amministrazione fiduciaria.

La residente britannica non ha risposto alle domande del Guardian sulla proprietà e se la tiene in custodia per la famiglia Elahi. Con il pretesto della segretezza, anche l’avvocato che ha lavorato al trasferimento di proprietà ha rifiutato di rispondere a domande, tra cui se fosse stato coinvolto nella formazione di un trust per la famiglia Elahi e se avesse svolto la dovuta diligenza sulla famiglia e sulla fonte di i loro soldi, in particolare a causa del loro potenziale status di PPP.

Un portavoce della famiglia di Elahi ha respinto qualsiasi accusa di illecito, affermando: “In passato a causa di abusi politici, spiegazioni e dichiarazioni fuorvianti sono state diffuse nei file per motivi oltraggiosi contro la famiglia in nome della cosiddetta responsabilità”. Il portavoce ha aggiunto che tutti i beni della famiglia sono stati annunciati come previsto dalla legge.

Punjab Bank ha affermato di non essere in grado di rispondere o rispondere alle domande sulle accuse in quel momento a causa delle leggi che richiedono la riservatezza dei clienti. Colony non ha risposto alle domande del Guardian e dell’International Consortium of Investigative Journalists.

READ  Il Covid ha devastato la nazione Black Feet del Montana, ma ora stanno vaccinando i loro vicini con colpi di riserva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto