SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il menswear Armani conferma di persona il futuro della Milano Fashion Week | armani

La passione di Giorgio Armani per il ritorno alle sfilate fisiche è tale che anche una brutta caduta che ha provocato una spalla rotta e 17 punti 20 giorni fa potrebbe impedirgli di tenere la sua prima sfilata in 16 mesi lunedì sera a Milano.

Parlando delle voci secondo le quali era in ospedale di recente, lo stilista 86enne ha spiegato alla stampa in attesa dopo aver salutato il suo spettacolo di abbigliamento maschile Primavera/Estate 2022 che è caduto dalle scale mentre usciva dal cinema ma voleva rassicurare tutti a proposito. Stava bene e non vedeva l’ora di partire.

Non a caso, Armani si voleva meglio. Ha detto che la città era un “hub mondiale”.

Come il resto dell’industria della moda, a causa della pandemia, il veterano stilista si è concentrato sulla visualizzazione delle sue collezioni in forma digitale a differenza della folla di oltre 200 persone a cui è abituato, ma “ha capito che la moda non poteva durare a lungo in un’esclusiva formato virtuale.”

“Apprezzo l’importanza delle presentazioni virtuali; sono utili e universali”, ha affermato.[But] La moda va vista nella vita reale [and] Ho sempre lavorato duramente per creare la moda per la vita reale”.

L’Armani Show ha concluso un fine settimana di eventi della settimana della moda maschile che ha visto l’industria della moda italiana fare i suoi primi timidi passi verso il ritorno alla Fashion Week come la conosciamo da quando le restrizioni sono iniziate in Italia il 1 giugno.

Ancora non vicino al consueto programma di oltre 40 spettacoli dal vivo, il programma ha visto Armani, Dolce & Gabbana ed Etro tenere uno spettacolo fisico nella capitale della moda italiana.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: uno studio mostra che il Covid aumenta il rischio di estremismo in Europa

“La sfilata digitale è falsa”, ha detto Domenico Dolce insieme al co-designer Stefano Gabbana, la cui sfilata di 94 modelli di sabato è stata la prima da settembre. “Farlo in digitale non è una sfilata di moda, tra la post-produzione e tutto ciò che si perde nello spettacolo. Per noi lo spettacolo è il momento in cui i vestiti si connettono con le persone e [also] Fatti un’idea di ciò che la gente pensa dei vestiti”.

Ken Etro, direttore creativo di Etro menswear, che domenica ha presentato la sua sfilata Primavera/Estate 2022 in un luogo all’aperto, ha concordato. “Puoi registrare quello che vuoi e puoi trasmetterlo in streaming, ma per [really] Rappresentati, dobbiamo vederci”.

Sfilata Etro, sfilata, primavera-estate 2022, Milano Moda Uomo, Italia. Foto: SGP/REX/Shutterstock

Come seconda industria italiana con vendite pre-Covid di 100 miliardi di euro, Armani ha affermato che la settimana della moda sarebbe “essenziale” per aiutare l’economia italiana a riprendersi sulla scia della pandemia.

La moda è il motore principale della nostra economia. Esportiamo ovunque, con grande successo…Credo che sfilate di valore possano far rifiorire anche il mercato indoor. La Fashion Week, del resto, fa parte dell’immaginario collettivo come una tipica storia di successo. Non dimentichiamo che il prêt-à-porter firmato è un’invenzione tutta italiana”.

Carlos Capasa, capo dell’organo di governo dell’industria della moda italiana, Camera Nazionale della Moda, ha affermato di sperare che l’industria sia già di nuovo in carreggiata, prevedendo che il 70% del programma di abbigliamento femminile di Milano a settembre sarà costituito da spettacoli fisici.

“Abbiamo perso il 24% delle nostre entrate nel 2020, quindi da 100 miliardi di euro siamo passati a 76 miliardi di euro. Quindi è stato grave – insieme al settore del turismo – siamo stati sconfitti, ma già nel 2021 siamo aumentati del 17% rispetto al 2020, Quindi è possibile”, ha detto, aggiungendo che non era interessato a “tornare alla normalità” piuttosto che al futuro.

“Non ho paura dei numeri, penso che torneremo ai numeri del 2019 nel 2022, ma penso che dovremmo fare diversamente”, ha detto, citando un approccio più responsabile e rispettoso. “Devi essere più lento e consapevole. Il nuovo mondo nei prossimi due anni sarà consapevolezza. Sostenibilità è una parola interessante che dice molto ma anche non dice nulla. La consapevolezza dipende da tutti noi”.