SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il leopardo delle nevi allo zoo di San Diego è stato infettato dal coronavirus | gli animali

Un leopardo delle nevi non vaccinato allo zoo di San Diego ha contratto il COVID-19.

I caregiver hanno notato che Ramel, un leopardo delle nevi di nove anni, ha avuto la tosse e il naso che cola giovedì. Più tardi, due test separati delle sue feci hanno confermato la presenza del coronavirus, ha detto lo zoo in una dichiarazione venerdì.

Lo zoo ha detto che Rammel non mostra ulteriori sintomi, ma poiché condivide una gabbia con una femmina di leopardo delle nevi e una tigre dell’Amur, il personale presume che potrebbero essere stati esposti. Di conseguenza, gli animali sono stati isolati e la loro galleria chiusa.

Non è chiaro come sia stato ferito Ramil.

A gennaio, un gruppo di otto gorilla presso la struttura gemella dello zoo, il Safari Park dello zoo di San Diego, Ho contratto il Covid-19 da una guardia Coloro che hanno contratto il virus ma non hanno mostrato sintomi.

I gorilla, che da allora si sono ripresi, sono diventati il ​​primo esempio conosciuto di un virus che ha infettato le scimmie.

La situazione ha spinto lo zoo a ordinare un vaccino sperimentale Covid-19 per animali per uso di emergenza. Il vaccino di Zoetis, l’azienda di salute animale che faceva parte di Pfizer, è stato somministrato alle specie più sensibili al virus, tra cui molti primati e grandi felini.

Ma Ramel non è stato vaccinato prima di essere infettato.

Lo zoo ha affermato che non esiste un mandato di vaccinazione per i dipendenti, ma che i dipendenti non vaccinati devono indossare sempre maschere.

READ  Il cameriere di Hong Kong Tong Ying Kit è stato condannato per terrorismo in base alla prima sentenza delle nuove leggi sulla sicurezza