SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il kea della Nuova Zelanda può utilizzare i touch screen ma non può distinguere tra mondo reale e virtuale | uccelli

Kia, in via di estinzione Nuova Zelanda Secondo un nuovo studio, il pappagallo è abbastanza intelligente da usare i touch screen, ma non sembra riuscire a distinguere tra il mondo reale e quello virtuale.

I ricercatori hanno insegnato sei tipi di Kia a Willowbank animali selvaggi Prenota a Christchurch per utilizzare i touch screen. Agli uccelli è stata presentata una serie di compiti che erano completamente fisici, completamente schermati o una combinazione di entrambi.

Mentre Kea è stato addestrato all’uso di dispositivi elettronici in passato, la ricerca mostra che i test virtuali possono essere utilizzati per studiare con precisione il comportamento naturale degli uccelli nel mondo reale, ha affermato Amalia Bastos, studentessa di dottorato presso l’Università di Auckland e prima autrice di lo studio. .

Bastos spera che la ricerca migliorerà il successo della conservazione della riproduzione e dei programmi di rilascio per il pappagallo in via di estinzione. “È davvero difficile tenerli in cattività perché sono così intelligenti, quindi hanno bisogno di essere costantemente arricchiti mentalmente per rimanere mentalmente sani”, ha detto.

Ciò richiede che i guardiani dello zoo diano agli uccelli giochi divertenti da giocare, ha detto Bastos, ma sono “molto curiosi e impareranno molto rapidamente che se trascorrono del tempo con gli umani, gli umani saranno una cosa positiva”.

Nuova Zelanda incoronata Uccello dell’anno 2017Il kea è l’unico pappagallo alpino al mondo. È una specie molto curiosa e dispettosa, nota per attaccare i tergicristalli e scavare borse, in un caso Furto di passaporto scozzese. Le minacce alla sua sopravvivenza includono avvelenamento da piombo di finiture abitative e morti per interazioni umane.

Bastos ha affermato che il kea allevato in cattività e a cui è stato dato un arricchimento mentale attraverso gli schermi, senza l’interazione umana, potrebbe essere più adatto per il rilascio in natura. “È davvero importante tenerli il più possibile lontani dagli ambienti umani”, ha detto.

Poiché i becchi degli uccelli sono fatti di cheratina – come le unghie umane – che non possono attivare i touch screen, i ricercatori hanno spalmato burro di arachidi sui dispositivi e hanno addestrato il kea ad attivare gli schermi leccandoli.

La squadra ha presentato a Kia una palla nera su un’oscillazione inclinata in modo che la palla cadesse in una delle scatole. La Kia ha imparato a seguire la palla e a raccogliere la scatola dove era nascosta in cambio del cibo.

Il compito è stato ripetuto sullo schermo con una palla e delle scatole completamente virtuali, prima che i ricercatori ripetessero il compito con una combinazione di oggetti virtuali e fisici.

Kea ha predetto che la cassa reale conterrà una sfera virtuale, indicando che gli uccelli credevano che un evento sullo schermo sarebbe continuato nel mondo reale.

Uno studio simile per testare la cognizione negli esseri umani ha scoperto che i bambini di 19 mesi possono distinguere tra il mondo reale e quello virtuale e non si aspettano che gli eventi si incrocino tra i due.

“Ci aspetteremmo che i bambini più piccoli si comportino come kea in quanto potrebbero pensare che stia succedendo”, ha detto Bastos.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed Lettere di biologia.

Una ricerca precedente del team dell’Università di Auckland include uno studio su Bruce, un animale disabile con un becco danneggiato, che ha imparato da solo come usare I sassi come strumenti per pulirsi.

READ  La spedizione di formiche, avocado e robot di SpaceX si dirige verso la Stazione Spaziale Internazionale