SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il governo dello stato vittoriano prevede di aumentare in modo significativo le vendite di veicoli elettrici entro il 2030

Il governo statale vuole che la metà delle nuove auto vendute nel Victoria entro il 2030 siano a emissioni zero e sta offrendo sussidi fino a $ 3.000 per aiutare ad avviare la proprietà.

Il governo di Andrews fornirà un sussidio di $ 20.000 fino a $ 3.000 per l’acquisto di nuovi veicoli elettrici inferiori a $ 69.000, come parte di un piano da $ 100 milioni per incoraggiare l’uso di veicoli elettrici.

I primi 4.000 supporti saranno disponibili a partire da domenica.

“Quando le persone acquistano un’auto elettrica, iniziano a risparmiare un sacco di dollari sulle bollette”, ha detto alla ABC il ministro del cambiamento climatico Lily de Ambrosio.

“ Ogni anno vengono risparmiati quasi 1.600 dollari di carburante e costi di manutenzione, quindi vogliamo rendere le cose più facili per i vittoriani. ”

Come parte del pacchetto, lo Stato spenderà anche 19 milioni di dollari in nuove stazioni di ricarica e 10 milioni di dollari per espandere la flotta di veicoli elettrici del governo di 400 auto nei prossimi due anni.

Il governo istituirà un comitato consultivo di esperti per consigliarlo sulle politiche e sulle infrastrutture necessarie per raggiungere l’obiettivo del 50% entro il 2030.

Un SUV blu si trova in una corsia suburbana
Questo è il veicolo completamente elettrico più economico nel mercato australiano e costa circa $ 44.000.(

Notizie ABC: Christian Silva

)

Ci sono meno di 7.000 veicoli elettrici immatricolati a Victoria e solo 20.000 sulle strade australiane.

L’obiettivo del 2030 e le sovvenzioni fanno parte della strategia del governo Andrews per il Victoria di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, con obiettivi intermedi per il 2025 e il 2030 annunciati domenica.

I sussidi rendono le auto elettriche una “ valida alternativa ”

l’anno scorso, Il governo non è riuscito a rispettare le scadenze Fissare obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni per il 2025 e il 2030.

Parte della politica degli obiettivi intermedi sono “impegni settoriali”: politiche e pagamenti per aiutare le industrie – inclusi agricoltura e trasporti – a muoversi verso emissioni nette zero.

Il sussidio per i nuovi veicoli elettrici fa parte dell’impegno del settore dei trasporti. Il trasporto è il secondo più grande emettitore di energia.

L’appetito per le auto elettriche in Australia è stato lento rispetto ad altri paesi sviluppati, secondo l’Electric Vehicle Board, che ha affermato che l’Australia non ha il tipo di incentivi, inclusi i sussidi, disponibili in tutto il mondo.

L’auto elettrica più economica sul mercato supera ancora i 44.000 dollari.

In alcuni paesi sono disponibili sussidi fino a $ 15.000.

Caricamento in corso

Il consiglio ha anche affermato che l’Australia è molto indietro rispetto ad altri paesi non avendo standard rigorosi di efficienza del carburante per le auto.

Wodonga Road Clutterbock in pensione ha cercato di acquistare un veicolo elettrico per un po ‘di tempo, al fine di fare il suo dovere di “salvare il pianeta”.

Ha detto che i sussidi aiuterebbero gli altri a vedere le auto elettriche come un’alternativa praticabile.

“Ci stavamo chiedendo perché non ne avessimo uno [subsidy] in Australia. Ora sembra che potremmo essere sulla buona strada per un sistema migliore.

Victoria ha criticato la nuova tassa di circolazione

L’annuncio del sussidio vittoriano è arrivato sulla scia di un’alleanza tra le case automobilistiche e l’ambiente Gruppi Critica il governo Andrews per averlo posseduto ‘La peggiore politica mondiale sui veicoli elettrici’ A causa di una nuova tassa di circolazione sulle auto elettriche.

La nuova tariffa è di 2,5 centesimi / km per i veicoli elettrici e altri veicoli a emissioni zero, compresi i veicoli a idrogeno, e di 2,0 centesimi / km per i veicoli elettrici ibridi.

Lo stato sostiene che la tassa è Il contributo dell’utente del veicolo elettrico alla rete stradale, Che viene pagato da altri automobilisti attraverso una tassa sul carburante.

Ben Warren, Direttore nazionale per l’elettricità e la mobilità di Nissan, ha affermato che i sussidi e gli obiettivi per il 2030 sono stati un buon “primo passo” per incoraggiare le persone a passare alle auto elettriche.

Un'auto elettrica accanto al carrello di ricarica
Il piano includerà $ 19 milioni per costruire nuove stazioni di ricarica in tutto lo stato.(

ABC: Ben Deacon

)

“La sfida di far pagare gli utenti della strada è che, isolatamente, sembra una punizione per i proprietari di veicoli elettrici e per i loro conducenti”, ha detto Warren.

Ma quando compensi questo con vari incentivi e misure, almeno tornerai a un punto di partenza neutrale. ”

Il deputato dell’opposizione Georgy Crozier ha accusato il governo di mettere immediatamente in atto politiche incoerenti.

“Mostra solo che il governo ha davvero giudicato male di nuovo questa politica. È l’ennesimo indizio della politica in fuga”.

Il tesoriere Tim Palace ha detto in precedenza che le entrate raccolte dalle nuove tariffe sarebbero “più che compensate” da misure per incoraggiare l’uso di veicoli elettrici, come la creazione di nuove stazioni di ricarica.

Si prevede che i pedaggi per gli utenti della strada aumenteranno di circa 30 milioni di dollari all’anno, con 45 milioni di dollari accantonati per incentivi sui veicoli elettrici nel bilancio statale.

Ballas ha affermato che il sussidio “incoraggerà più conducenti a prendere in considerazione l’acquisto di un veicolo a emissioni zero e assicurerà che Victoria sia in testa alla nazione nell’assorbimento di veicoli a emissioni zero”.

READ  Covid Victoria: inizieranno le prove dei passaporti per la vaccinazione nelle aree regionali