SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il fossile appena scoperto ha un cervello straordinariamente ben conservato

I ricercatori hanno scoperto uno dei cervelli più antichi e meglio conservati di tutti i reperti fossili. Il fossile è un granchio a ferro di cavallo di 310 milioni di anni che è stato trovato con il cervello completamente intatto. I ricercatori sottolineano che la maggior parte della conoscenza delle creature antiche proviene dalle ossa perché anche i tessuti molli non si fossilizzano.

Uno dei metodi migliori per i ricercatori Ottenere I dettagli sui tessuti molli delle antiche creature devono trovarli ricoperti di ambra, ma i reperti fossili di ambra risalgono solo a circa 230 milioni di anni fa. In confronto, i depositi di Burgess Shale risalgono a 520 milioni di anni. Sono depositi argillosi in grado di preservare i tessuti molli come membrane carboniose, solitamente provenienti dal canale alimentare. Tuttavia, a volte i tessuti molli possono contenere tracce del sistema nervoso, ma sono rari.

Il fossile appena scoperto è un granchio a ferro di cavallo chiamato Euproops danae. Era ricoperto di siderite come al solito, ma un secondo minerale è apparso nel fossile facendo apparire il cervello come una striscia bianca in contrasto con le rocce marroni nel suo corpo. Il cervello è stato trascritto da un minerale di argilla bianca chiamato caolinite.

I ricercatori affermano che il metallo fuso si è formato in seguito nel vuoto lasciato dal cervello molto tempo dopo che il cervello era decaduto. Dicono che senza il metallo bianco, non avrebbero mai scoperto il cervello della creatura. Gli scienziati hanno confrontato il cervello dell’antico fossile con la struttura dei suoi parenti viventi e hanno scoperto che molto poco era cambiato dalla morte di questa creatura.

READ  Owlstone Medical lancia i test del respiro per la salute dell'apparato digerente

Il sistema nervoso centrale ossificato è molto simile a un granchio a ferro di cavallo vivente ed è identico nella disposizione dei nervi agli occhi e alle appendici. Gli scienziati sono rimasti sorpresi da questa scoperta perché c’è stata una grande diversità morfologica ed ecologica del gruppo negli ultimi 310 milioni di anni.