Il festival Cinema Made In Italy torna a Londra per celebrare i migliori film italiani

Torna al Ciné Lumière di South Kensington dal 20 al 24 marzo la 14esima edizione del festival Cinema Made In Italy che mette in luce il meglio del cinema italiano.

Curato da Adrian Wootton OBE, il festival annuale porterà dieci nuove uscite e un lungometraggio classico sul grande schermo nel corso dei quattro giorni, insieme a una sessione di domande e risposte da parte dei registi dietro i lungometraggi.

Abbiamo avuto la fortuna di dare un’occhiata a ciò che verrà offerto all’evento di quest’anno, inclusi diversi film proiettati per la prima volta nel Regno Unito come parte del festival.

Lo ha detto Wootton, amministratore delegato di Film London e della British Film Commission “Mettendo in mostra il meglio del cinema italiano contemporaneo di talenti affermati ed emergenti, la line-up di Cinema Made In Italy di quest’anno è una raccolta di film diversificata, emozionante e distintiva. Sono lieto di curare e ospitare la 14a edizione di questo evento unico e di farlo presentare questa fantastica raccolta di film e i loro realizzatori al pubblico del Regno”.

Capo

Ad aprire quest’anno è Edoardo De Angelis CapoSi tratta di un’opera meravigliosa che ha avuto anche l’onore di aprire la Mostra del Cinema di Venezia lo scorso agosto. Il film è un film di guerra epico ambientato durante la Battaglia dell’Atlantico, la campagna più lunga della Seconda Guerra Mondiale.

Edoardo De Angelis è presente la sera dell’inaugurazione per accompagnare il suo film e partecipare a una sessione di domande e risposte dal vivo.

Presentando il meglio del cinema italiano contemporaneo di talenti affermati ed emergenti, il programma Cinema Made In Italy di quest’anno è una raccolta di film diversificata, emozionante e distintiva.

Curatore del festival Adrian Wootton OBE

Situato nella pittoresca regione della Riviera Ligure d’Italia, vacanza È anche un film notevole e ruota attorno a un’adolescente di nome Veronica (Margherita Corradi), che viene rilasciata dal carcere dopo essere stata detenuta per due anni in custodia cautelare a seguito di un orribile duplice omicidio di sua madre e del suo amante. Veronia, accusata del delitto, viene dichiarata non colpevole e il film tratta del suo reinserimento nella popolazione del villaggio locale, rimanendo largamente sotto i riflettori, soprattutto sulla stampa popolare. Con lei in quella fatidica notte c’era la sua migliore amica Giada (Giorgia Frank), che fu testimone chiave nel suo processo, e solo lei e suo padre (Alessandro Tedeschi) rimasero a sostegno dell’impressionabile adolescente. Intrappolata nel vuoto, con il suo futuro in dubbio mentre continua a essere perseguitata da tutti coloro che la circondano, il film è raccontato nel periodo successivo al suo rilascio e in flashback con il caso giudiziario in cui alla fine viene assolta davanti a noi. Il regista Edoardo Gabrielini, insieme ai suoi co-sceneggiatori, hanno costruito un film che ricorda quasi una calamita per i premi Anatomia di una caduta; Un mistero del tipo “ha fatto o non ha fatto”, ambientato in un soleggiato paradiso italiano durante una calda estate, che terrà gli spettatori nel dubbio fino alla fine.

READ  Catherine, la principessa del Galles e il principe William temono di essere "troppo vicini" al governo reale nella battaglia di Carlo contro il cancro
vacanza

Sarà presente al festival il regista Edoardo Gabrielini che risponderà alle domande del pubblico anche sul palco dopo la proiezione del film.

CORRELATO: Rivelata la lineup completa del festival Cinema Made In Italy 2024 a Londra

C’è anche Paola Cortellisi C’è ancora domani Che dovrebbe essere sulla tua lista da guardare dato che è il film con i maggiori incassi in Italia nel 2023 – ha addirittura battuto Barbie. Ginevra Alkan te l’avevo detto offre qualcosa di leggermente diverso: un dramma contemporaneo ambientato durante un’ondata di caldo di gennaio a Roma, mentre la gente del posto inizia a perdere il controllo. Con un fantastico cast internazionale tra cui Valeria Golino, Greta Scacchi e Danny Huston, il film vale davvero la pena di essere visto. Entrambi i registi terranno una sessione di domande e risposte dopo la proiezione.

Laura Lucchetti adatta il romanzo di Cesare Pavese Bella estateIl film parla di una giovane ragazza di nome Gina (Yili Jara Vianello) che inizia una relazione con un pittore che incontra nel mondo degli artisti abbaglianti a Torino nel 1938. “Beautiful Summer” vede la diciassettenne affrontare l’età adulta, mentre lei viene portato in Un mondo sconosciuto dalla sensuale e provocante Amelia (Diva Cassel). Laura Luchetti partecipa al festival per una sessione di domande e risposte post-proiezione.

Adagio

Stefano Sollima, italiano di nascita, torna nella sua nativa Roma dopo aver diretto una serie di blockbuster di Hollywood, tra cui un film d’azione di Michael B. Jordan. Senza rimpianti E un seguito a Trucchetto assassino. con AdagioSollima rimane nel genere poliziesco poiché questo film ruota attorno a un sedicenne di nome Manuel (Gianmarco Franchini) che si ritrova in un mondo pieno di problemi dopo essersi mescolato con alcuni criminali che operano a un livello molto più alto di lui. Solima si riunisce con lui Gomorra Il co-sceneggiatore Stefano Pessis approfondisce l’oscuro mondo sotterraneo di Roma che infiammerà i fan del genere e del particolare tipo di thriller poliziesco del regista italiano.

READ  Torino, Italia, ospiterà il 66° Eurovision Song Contest nel maggio 2022 🇮🇹

Suona anche il gruppo cubano di Tommaso Santambrogio Gli oceani sono veri e propri continentisarà proiettato al festival il 21 marzo, seguito da un incontro con il regista e dal film d’animazione di Simon Massey. Ovunque Che viene trasmesso anche la stessa sera.

Josh O’Connor in Alice Rohrwacher Nessuna chimera

Il gioiello della corona della formazione 2024 deve essere guidato da Josh O’Connor Nessuna chimera Presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes lo scorso anno. L’impressionante film, diretto da Alice Rohrwacher, fa il suo debutto londinese all’evento dopo il suo straordinario debutto a Cannes e ai successivi festival in tutta Europa dove ha ottenuto numerosi premi. O’Connor interpreta Arthur, un archeologo britannico che rimane intrappolato in una rete di manufatti etruschi rubati. Ambientato nella Toscana degli anni ’80, il film vede nel cast anche Carol Duarte, Alba Rohrwacher e Isabella Rossellini. È una caratteristica impressionante che eguaglia la potenza dell’eccellente Rohrwacher 2018 Felice come Lazzaro Che debuttò anche a Cannes quell’anno. La Chimera conclude il Festival Cinema Made In Italy la sera del 24.

Biglietti e ulteriori informazioni possono essere trovate su Sito ufficialePiù dettagli sullo spettacolo classico di quest’anno: 1951 Bellissimo di Luchino Visconti, restauro 4K, proiezione per famiglie del film d’animazione di Chiara Malta e Sebastian Laudenbach Il pollo di Linda!

Dal 20 al 24 marzo si svolge al Ciné Lumière di South Kensington la rassegna ‘Cinema Made in Italy’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto