SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il covit-19 riduce la vita dell’Italia di 1,2 anni

L’aspettativa di vita media in Italia è scesa a 1,2 anni nel 2020 a causa del Covit-19, i dati ufficiali hanno rivelato lunedì, che il declino di quattro anni è stato gravemente colpito dall’epidemia.

L’aspettativa di vita alla nascita lo scorso anno era di 82 anni, rispetto agli 83,2 anni del 2019, secondo un nuovo comunicato dell’Istat.

“Entro il 2020, la prevalenza dell’epidemia Govt-19 e il conseguente forte aumento della mortalità hanno bruscamente interrotto la crescita dell’aspettativa di vita delle nascite caratterizzate da questa tendenza fino al 2019”, si legge in una nota.

La caduta è stata ancora più forte all’inizio del 2020 in alcune parti di Bergamo e nelle province settentrionali di Gremona, l’epicentro dell’eruzione del COVID-19.

Gli uomini in queste aree hanno perso in media 4,3 e 4,5 anni, mentre le donne hanno perso 3,2 anni e 2,9 anni in queste aree.

Più di 129.500 persone sono morte di infezione da corona in Italia, la maggioranza nelle regioni del nord dove vive il 36% degli italiani.

L’Italia è stato il primo Paese europeo a sperimentare una grave epidemia di COVID-19 e la regione Lombardia, un tempo cuore economico del Paese, è diventata l’epicentro di un’epidemia globale.

A partire da lunedì sera, il governo ha introdotto un programma di vaccinazione che ha visto quasi il 72% della popolazione di età superiore ai 12 anni.

READ  Denak pianifica un nuovo approccio dopo il suo ritiro dall'Italia