SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il COVID-19 sta colpendo il clero cattolico nei paesi duramente colpiti, compresi gli Stati Uniti

Il coronavirus ha messo a dura prova i sacerdoti e le suore cattoliche di tutto il mondo, uccidendone centinaia solo in una manciata dei paesi più colpiti.

Tra i morti c’era un parroco italiano che negli anni ’50 portò il cinema nella sua cittadina. Un amato pastore di New York al servizio di adolescenti e senzatetto; Una suora in India è tornata a casa per seppellire suo padre dopo la sua morte per COVID-19 solo per contrarre lei stessa il virus.

In alcuni paesi, la maggior parte dei dispersi erano anziani e vivevano in case di cura o di riposo dove non erano regolarmente impegnati nel lavoro pastorale individuale. Tuttavia, altri luoghi hanno visto un colpo ancora più grande per il clero attivo, accelerando il declino decennale nei ranghi che Papa Francesco nel 2017 ha chiamato “l’emorragia”.

Andrew Chesnut, capo degli studi cattolici presso la Virginia Commonwealth University, ha affermato che le morti per coronavirus tra il clero non sono solo un problema cattolico, con l’esposizione di leader religiosi in aumento attraverso le confessioni come “operai spirituali in prima linea” che servono i malati e muoiono negli ospedali e nelle case di cura.

Ma, ha aggiunto, l’impatto è particolarmente acuto per la Chiesa, che soffre di una “mancanza permanente di sacerdoti” nella maggior parte dei Paesi, a causa delle difficoltà nel reclutamento dei seminaristi. E con il cattolicesimo che pone più enfasi sul ruolo del sacerdote rispetto ad alcune altre confessioni, le perdite si fanno sentire acutamente.

“Se hai davvero pochissimi preti e sono stati spazzati via da COVID-19, questo ovviamente influisce sulla capacità della chiesa di servire i suoi parrocchiani”, ha detto Chesnut.

India

Secondo la Conferenza episcopale indiana, i cattolici sono una piccola minoranza in India, composta da circa 20 milioni su 1,38 miliardi di persone nel Paese a maggioranza indù.

Ma le crescenti notizie di morti tra il clero hanno così preoccupato il pastore Suresh Matthew durante la devastante seconda ondata del coronavirus questa primavera che ha iniziato a inviare e-mail ai vescovi di tutto il paese, chiedendo aggiornamenti quotidiani. Molte volte al mattino, mi sveglio con diversi avvisi.

READ  Emily Ratajkowski ha suscitato scalpore in una serie di foto in bikini con in braccio un bambino

“È stato uno shock”, ha detto Matthew, sacerdote della chiesa del Santo Redentore a New Delhi.

Ogni giorno ad aprile muoiono circa due preti e suore. Il tasso è raddoppiato a maggio, quando Matteo ha registrato la morte di 129 suore e 116 sacerdoti.

La peggiore epidemia in India si è placata, ma non prima di aver compilato un elenco di oltre 500 preti e suore scomparsi da metà aprile.

Una di queste perdite ha colpito vicino alla casa: suor Josephine Ica del monastero di Surya Nagar nella sua parrocchia. Ha viaggiato per seppellire suo padre nel villaggio di Garsoguda nell’India orientale, ma si è ammalata.

Ekka si è unita alla comunità nel settembre 2020 in mezzo alla pandemia ed è diventata responsabile dell’organizzazione delle messe e del coro in un momento in cui la partecipazione era limitata. Fu ricordata per la sua gentilezza e devozione verso i poveri.

Nello stato occidentale del Gujarat, dove le vaccinazioni sono state interrotte a causa di un potente ciclone che ha colpito con lo scoppio della pandemia, il reverendo Cedric Prakash della chiesa di Sant’Ignazio di Loyola stava piangendo cinque sacerdoti.

Tra loro c’è il reverendo Jerry Sequeira, un caro amico che a Pasqua ha battezzato un neonato il cui padre è morto di COVID-19. Il giorno dopo, Sequeira ha scoperto di avere anche lui il virus.

“Il suo atteggiamento era che ‘Non mi succederà niente, Dio è buono'”, ha detto Prakash. “Era sempre disponibile con le persone”.

stato unito

La Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti ha affermato che non esiste un conteggio completo del numero di sacerdoti e suore tra le oltre 600.000 persone morte a causa del COVID-19 negli Stati Uniti.

READ  Cannes Classics 2021 Lineup - Elenco completo - Scadenza

Tuttavia, è risaputo che il bilancio delle vittime comprende decine e decine di suore che vivevano in luoghi di congregazione in tutto il paese, dal nord di New York ai sobborghi di Milwaukee, Detroit e oltre. Molti erano pensionati più anziani che dedicavano la loro vita all’insegnamento o all’assistenza infermieristica.

Un solo ordine, le Suore Feliciane, ha perso 21 monache in quattro monasteri.

“La fede e la speranza hanno entrambe avuto un ruolo nella mia vita mentre guardavo la notizia della devastante perdita”, ha detto suor Mary Jenin Morozwich di Greensburg, Pennsylvania. “Non posso andare avanti senza credere che ci sia uno scopo, una ragione per tutto questo.”

Il reverendo Jorge Ortiz-Garay della chiesa di St Brigid a Brooklyn, New York, è morto il 27 marzo 2020 e si crede che sia il primo sacerdote negli Stati Uniti a cadere a causa del COVID-19. Il 49enne, che ha curato la festa annuale della diocesi di Nostra Signora di Guadalupe e il pellegrinaggio di migliaia di partecipanti, è stato ricordato per la sua dedizione al servizio comunitario e alla guida dei gruppi giovanili.

Tra i morti c’era anche Reginald Foster, 81 anni, un sacerdote nato nel Wisconsin che ha servito per quattro decenni come uno dei massimi esperti vaticani di latino. Morì in una casa di cura a Milwaukee il giorno di Natale.

Italia

L’Italia è stata uno dei punti caldi più caldi all’inizio della pandemia.

Nel marzo di quest’anno, 292 parroci più anziani sono morti a causa del virus, secondo i notiziari della Conferenza episcopale italiana.

L’agenzia di stampa della conferenza, SIR, ha indicato che il bilancio delle vittime equivale all’incirca a 299 nuove ordinate in Italia per tutto il 2021.

READ  Il regista Yi Chu sta sviluppando un film e una serie TV basati sull'ultima regina d'Italia, Marie Jose

Tra i morti c’era il reverendo Raffaele Falco, sacerdote di Ercolano, vicino a Napoli. Il 77enne è famoso per aver usato il suo lavoro per combattere la camorra criminale nella regione di Napoli.

E morto anche il reverendo Franco Minardi, 94 anni, arrivato a Ozzano Taro nel 1950 e che ne fu parroco per 70 anni. Impegnato quindi a ravvivare la fede nei giovani, predispone la costruzione di un teatro dove vengono proiettati i primi film agricoli cittadini. La sua eredità di sensibilizzazione include anche un campo da tennis e una sala giochi.

Suor Maria Ortensia Turati, 88 anni, era una delle numerose suore morte in un convento nella città settentrionale di Tortona. Formatasi come assistente sociale, ha servito come Madre Generale dell’Organizzazione di Carità Missionaria delle Piccole Sorelle dal 1993 al 2005 e ha stabilito missioni nelle Filippine e in Costa d’Avorio.

Brasile

Nel marzo di quest’anno, almeno 1.400 sacerdoti in Brasile hanno contratto il COVID-19 e almeno 65 di loro sono morti oltre a tre vescovi, secondo un comitato legato alla Conferenza episcopale nazionale.

Tra loro c’era il cardinale Eusebio Shedd, 88 anni. Divenuto arcivescovo di Rio de Janeiro nel 2001, è stato nominato cardinale da papa Giovanni Paolo II due anni dopo. Durante i suoi sessant’anni nella chiesa, era noto per la sua profonda preoccupazione per la qualità dell’educazione dei sacerdoti.

Shedd era anche conosciuto come un commento che alcuni interpretavano come politico e altri come un lapsus; Ha fatto riferimento all’allora presidente Luis Inacio Lula da Silva come “anarchico” piuttosto che cattolico. Dopo un leggero trambusto, Shedd abbassò il tono, dicendo che Silva suonava “confuso” in materia di fede.

___

Gli scrittori dell’Associated Press Francis DeMeglio a Roma, Peter Orsi a Truckee, California, Mauricio Savarese a Rio de Janeiro e Giovanna del Orto a Minneapolis hanno contribuito a questo rapporto.