SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il campione italiano Chiesa lotta per il posto della Juventus prima di visitare il Chelsea

Sei partite nella stagione di Serie A, Chiesa ha iniziato meno partite di quelle che ha fatto aiutando l’Italia a vincere il Campionato Europeo quest’estate, poiché Allegri si è concentrato su Paulo Dybala e Alvaro Morata come pilastri dell’attacco della Juve.

Ma con questo duo infortunato e il Chelsea fuori dalla Champions League, mercoledì sarà tra coloro che cercano di vincere con un’altra prestazione cruciale.

Ha pareggiato la Juventus nella vittoria per 3-2 contro lo Spezia infrasettimanale con esemplare brillantezza di abilità e perseveranza, battendo Dimitrios Nicolau prima di segnare il suo unico gol della stagione finora.

Ma domenica ha fatto furore ad Allegri quando ha perso un’ottima occasione per segnare mentre la Juve avanzava con un gol in una combattuta vittoria per 3-2 sulla Sampdoria.

Il 23enne ha ricevuto un passaggio superbo dal compagno di squadra Manuel Locatelli e poi ha proceduto a dribblare lui verso un’opportunità di tiro che non si è mai verificata in un’area di rigore affollata all’Allianz Stadium.

Fortunatamente, pochi secondi dopo, Locatelli era a disposizione per segnare il gol che ha portato la Juve a vincere la seconda partita sulla ribattuta, ma il fastidio di Allegri era palpabile.

Non era la prima volta che Keys, tornato sulla panchina della Juventus quest’estate dopo un’assenza di due anni, ha sconvolto Keys, ed è stato un inizio difficile con la sua squadra a metà classifica.

“E’ arrivato in un momento difficile e avevo bisogno di lui per portare la palla in mezzo all’avversario”, ha detto Allegri.

“E’ un buon giocatore ma ha bisogno di crescere e rendersi conto di cosa è capace come noi Juventus”.

Il messaggio era chiaro: Keza ha tutte le carte in regola per essere un grande giocatore ma non l’ha ancora fatto.

La mancanza di fiducia in lui da parte di Allegri è in netto contrasto con il modo in cui è entrato nella storia del calcio italiano nell’eurozona, dove ha lottato per un posto nella prima squadra di Roberto Mancini.

Non è stato fino alla partita del terzo set contro il Galles che ha fatto il suo debutto che un knockout era già stato deciso, e solo quando è uscito dalla panchina per aprire le marcature nei tempi supplementari contro l’Austria negli ottavi. Ha consolidato il suo posto nei primi tre di Mancini.

Con Dybala e Morata, c’è più spazio per lui per avere un impatto in un enorme test per la Juventus, poiché il Chelsea arriva in città desideroso di riprendersi dalla sconfitta casalinga contro il Manchester City.