SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il calo del supporto per l’unica rete a banda larga italiana sta danneggiando Telecom Italia

L’Italia dovrebbe ritirare i piani per lo sviluppo di un’unica rete a banda larga in un progetto guidato da Telecom Italia, dopo che il governo di Mario Draghi si è espresso contro il ritorno al monopolio nel settore delle telecomunicazioni.

Telecom Italia, su proposta svelata lo scorso agosto e sostenuta dal precedente governo, possedeva la maggioranza di un nuovo grossista nazionale di banda larga. Christend Axesco, la nuova impresa è stata costituita dalla fusione di FiberCop, la rete dell’ultimo miglio di proprietà di Telecom Italia, con la sua rivale Open Fiber, sostenuta dallo stato.

La mossa è stata un tentativo di stimolare lo sviluppo nel moribondo mercato italiano e di aumentare la diffusione della più veloce rete a banda larga in fibra ottica. Solo il 24 per cento delle famiglie italiane è servito dalla banda larga ad alta velocità, rispetto a una media del 60 per cento nell’Unione europea.

Tuttavia, in Covid-19 è economico Piano di recupero Il governo di Draghi ha inviato a Bruxelles alla fine di aprile, e ha indicato “le reti a banda larga” come buone per l’economia e che vogliono “[guarantee] Perfetta concorrenza nella fornitura di servizi “.

I media italiani hanno interpretato segnali di pluralismo e concorrenza come un segno che Roma vuole riformare il piano precedente, rafforzato dai commenti fatti giovedì da Vittorio Colao, ministro dell’Innovazione Digitale ed ex amministratore delegato di Vodafone.

“Abbiamo un obiettivo politico, non un’azienda che stabiliamo … dobbiamo mirare a una soluzione che funzioni nel fornire servizi di rete a banda larga a tutti”. [and] Lo faremo attraverso gare pubbliche che lanceranno la concorrenza tra gli operatori di telecomunicazioni.

READ  Svelati i dettagli della Mitsubishi Outlander australiana del 2022

Giovedì mattina le azioni di Telecom Italia sono scese di quasi il 10%. Il gruppo ha detto che avrebbe presentato un reclamo all’autorità di regolamentazione finanziaria italiana in merito all’interpretazione della formulazione del fondo di recupero, definendola “del tutto inadeguata e non supportata da prove”.

Una potenziale “ri-monopolizzazione” del mercato fisso italiano ha incontrato una forte opposizione da parte di alcuni concorrenti di Telecom Italia, tra cui Vodafone. Temevano che un’unica rete controllata dall’ex gruppo statale avrebbe danneggiato la concorrenza e avrebbe dato a Telecom Italia troppo potere in un mercato senza rivali per la TV via cavo nel mercato della banda larga.

Il piano è stato visto come un potenziale ostacolo agli investimenti in fibra in alcuni trimestri a causa della complessità della fusione delle due reti e della battaglia con i regolatori europei per consentire il proseguimento dell’accordo.

Open Fiber, originariamente di proprietà di Enel e dell’istituto di credito governativo Cassa Depositi e Prestiti (CDP), è stata un pioniere nel mercato europeo poiché ha dimostrato che le società più piccole possono essere formate per investire rapidamente in infrastrutture alternative a banda larga se le aziende più grandi lo dimostrano. Impossibile o non disposto a farlo.

Enel ha recentemente ceduto la propria partecipazione, con il 40% a Macquarie e il restante 10% a CDP.

Un funzionario del governo ha detto che Roma spenderà 6,7 miliardi di euro per aumentare gli investimenti privati ​​nelle reti a banda larga, ma il suo piano si concentrerà su offerte competitive in più aree, garantendo l’accesso all’ingrosso a terzi e consentendo la cooperazione commerciale per garantire la massima copertura e velocità di attuazione. .

READ  Italia e Spagna aiutano a tirare fuori la zona euro dalla recessione | Euro-zona

Un altro funzionario ha affermato: “È improbabile che avvenga una fusione tra FiberCop di Telecom e Open Fiber, ma la digitalizzazione del paese è la priorità e non il sogno dell’unica rete a banda larga di Telecom”.