SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il Brasile ora ha più vecchi pazienti COVID in unità di terapia intensiva

Credito: dominio pubblico CC0

Il numero di pazienti con Covid-19 sotto i 40 anni in terapia intensiva in Brasile ha superato gli anziani il mese scorso, ha detto un ricercatore domenica, in mezzo a un aumento fatale in parte guidato da una nuova forma di Coronavirus.

Il numero di persone di età pari o inferiore a 39 anni in terapia intensiva Il progetto brasiliano di terapia intensiva ha affermato che le unità infettate da COVID-19 a marzo sono aumentate notevolmente, fino a oltre 11.000, ovvero il 52,2% del totale.

Questo è stato superiore al 14,6% di tutti i pazienti in terapia intensiva all’inizio dell’epidemia e quasi il 45% da settembre a febbraio.

Il dottor Ederlon Resende, co-coordinatore del progetto, ha detto un’iniziativa della Società brasiliana di medicina intensiva (AMIB).

Ha detto che vari fattori potrebbero guidare l’aumento.

I pazienti di età superiore agli 80 anni, il cui numero è sceso dal 13,6% al 7,8% del totale nelle unità di terapia intensiva in Brasile a marzo, sono ora in gran parte vaccinati.

Ha detto che i giovani sono più vulnerabili a contrarre il virus, sia perché devono lasciare la casa per lavorare o perché credono di essere meno vulnerabili.

L’altro fattore potrebbe essere la nuova variante brasiliana, nota come P1, che secondo gli esperti è stata in parte responsabile dell’esplosione del bilancio delle vittime del COVID-19 nel paese a marzo.

I numeri suggeriscono che P1, che può reinfettare le persone che hanno contratto il ceppo originale del virus, potrebbe anche essere più virulento, ha detto Rezende.

“I pazienti che arrivano nelle unità di terapia intensiva sono ora più giovani, non hanno condizioni preesistenti e sviluppano anche casi più gravi del virus”, ha detto all’AFP.

Numero di pazienti in terapia intensiva senza Condizioni pre esistenti Di quasi un terzo a marzo, raggiungendo il 30,3% del totale.

Secondo i dati del progetto, a marzo la proporzione di pazienti che hanno indossato ventilatori ha raggiunto un record epidemico del 58,1%.

Il Brasile ha registrato più di 66.500 morti per COVID-19 a marzo, più del doppio del precedente record mensile per il paese duramente colpito nel luglio 2020.

La malattia ha ucciso 351.000 persone nel paese di 212 milioni, che è il numero di morti secondo solo agli Stati Uniti.


Segui le ultime notizie sull’epidemia di Coronavirus (COVID-19)


© 2021 AFP

la citazione: Il Brasile ora ha più vecchi pazienti COVID nelle unità di terapia intensiva (2021, 11 aprile) Estratto l’11 aprile 2021 da https://medicalxpress.com/news/2021-04-brazil-young-covid-patients-icus.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento equo ai fini di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto viene fornito solo a scopo informativo.

READ  La proteina spike di Covid gioca un ruolo importante nella malattia: studio