Il Botswana minaccia di inviare 20.000 elefanti in Germania | Notizie sull'ambiente

Il presidente Mokweetsi Masisi si offre di inviare gli animali come “regalo” a Berlino nel mezzo di una disputa sui trofei di caccia.

Il presidente del Botswana ha minacciato di inviare 20.000 elefanti in Germania in una disputa sulla conservazione degli elefanti.

Il presidente Mokgweetsi Masisi, irritato dalle proposte di Berlino di limitare l'importazione di trofei di caccia, ha affermato in un commento pubblicato mercoledì che i tedeschi dovrebbero provare a vivere tra gli elefanti. Ha affermato che l'enorme esplosione del numero di mammiferi che vagano per il suo paese ha portato alla comparsa della “peste”.

All'inizio di quest'anno, la Germania, uno dei maggiori importatori di trofei di caccia dell'UE, ha sollevato la possibilità di restrizioni più severe sulle importazioni a causa delle preoccupazioni legate al bracconaggio.

Masisi ha dichiarato al quotidiano tedesco Bild che la caccia è un modo importante per controllare il numero degli elefanti, affermando che il Botswana sta affrontando una “sovrappopolazione”.

La proposta avanzata dal Ministero dell'Ambiente, presieduto da Steffi Lemke del Partito Verde, è stata accolta con disapprovazione in Botswana, che ha visto la sua popolazione di elefanti salire a circa 130.000 esemplari.

Ha già fornito 8.000 elefanti all’Angola e altri 500 al Mozambico, come parte del suo impegno per affrontare la “peste” di Masisi.

“È molto facile sedersi a Berlino ed esprimere un'opinione sui nostri affari in Botswana. Stiamo pagando il prezzo per preservare questi animali per il bene del mondo, e anche per il partito Lemke”.

“Non è uno scherzo”, ha detto il presidente al giornale. I tedeschi dovrebbero “vivere con gli animali, come cerchi di dirci tu”.

READ  Il Vangelo di Tenpenny: come un medico americano debitore vende bugie sul Covid

“Vorremmo offrire un regalo del genere alla Germania”, ha dichiarato Masisi, aggiungendo che “non accetterà un no come risposta”.

Il presidente ha affermato che branchi di elefanti stanno causando danni alle proprietà, mangiando i raccolti e calpestando i residenti. Ha affermato che un divieto sull’importazione di trofei di caccia aggraverebbe il problema e impoverirebbe il Botswana.

Il Botswana ha vietato la caccia ai trofei nel 2014, ma ha revocato le restrizioni nel 2019 sotto la pressione delle comunità locali. Il paese ora emette quote di pesca annuali.

Un portavoce del Ministero dell'Ambiente a Berlino ha detto all'Associated Press che il Botswana non ha sollevato alcuna preoccupazione con la Germania sulla questione.

Il portavoce ha detto che il ministero è ancora in trattative con i paesi africani interessati dalle norme sull’importazione, compreso il Botswana.

“Alla luce dell’allarmante perdita di biodiversità, abbiamo la responsabilità speciale di fare tutto il possibile per garantire che l’importazione di trofei di caccia sia sostenibile e legale”, ha affermato.

Ha osservato che i trofei di caccia agli elefanti africani richiedono già un permesso di importazione secondo le norme attuali. Le discussioni all’interno dell’Unione Europea sull’imposizione di restrizioni più severe sulle importazioni si concentrano sull’ampliamento dell’elenco delle specie protette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto