SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il boom immobiliare di Dubai mentre ricchi acquirenti fuggono dalle chiusure

Il mercato immobiliare di Dubai sta uscendo da una crisi di sei anni, poiché ricchi investitori internazionali guidano una follia di acquisti che infrange i record e alimenta la ripresa economica.

Le ville di lusso sono la parte più calda del mercato, con acquirenti europei in particolare alla ricerca di case sulla principale isola artificiale di Dubai, Palm Jumeirah, oltre a proprietà di campi da golf.

Zhann Zochinke, chief operating officer di Property Monitor, una società di consulenza, ha affermato che il mercato immobiliare di Dubai, in continuo declino dal 2014, è entrato in una linea stabile dopo che COVID-19 ha colpito l’anno scorso e l’emirato ha chiuso i suoi confini.

Ha detto: “Subito dopo quel periodo di chiusura, abbiamo iniziato a vedere un aumento del volume delle transazioni e da allora non si sono davvero fermati”.

“Ora stiamo assistendo a guadagni record e volumi di transazioni record su base mensile”.

L’emirato del Golfo è diventato una delle prime destinazioni a riaprire ai visitatori lo scorso luglio, combinando una politica della porta aperta con rigide regole di occultamento e allontanamento sociale e un programma di vaccinazione attivo che ha prodotto alcuni dei tassi di vaccinazione più alti al mondo.

Nonostante l’elevata incidenza del Coronavirus nel nuovo anno dopo l’arrivo di un gran numero di vacanzieri, la vita è continuata in larga misura con l’apertura di ristoranti e hotel e poche restrizioni che hanno rovinato la vita in altri luoghi.

“Penso che stiamo vedendo molto di questo là fuori”, ha detto Zoshinki, aggiungendo che gli altri prelievi erano regole di residenza più larghe e una decisione di consentire la piena proprietà straniera delle società.

READ  Roman Polanski dirige "The Palace" per Rai Cinema - Deadline

Non solo un cantiere

L’afflusso di espatriati ha rilanciato l’industria del turismo, che è stata a lungo il principale pilastro economico di Dubai che ha poca ricchezza petrolifera a sostegno dei suoi vicini, e ha aiutato le imprese a riprendersi ai livelli pre-COVID-19 ad aprile, secondo IHS Markit.

“Le società di viaggi e turismo hanno registrato il più grande salto di prestazioni notevole, tra le crescenti speranze di un aumento dell’attività turistica più avanti nel corso dell’anno, aiutate dalla rapida diffusione del vaccino”, ha detto David Owen, economista di una società di ricerca.

Dopo anni di ibernazione quando i proprietari di case hanno visto le loro scorte esaurirsi, l’aumento degli immobili di lusso che superavano i 10 milioni di dirham ($ 2,7 milioni) è stato sbalorditivo, con 90 accordi ad aprile rispetto a circa 350-400 su base annuale regolare, secondo Property Monitor . .

Piscina in una villa di lusso a Dubai. | Agence France-Presse – JIJI

Un palazzo ad Al-Nakhla è stato venduto per 111,25 milioni di dirham, il prezzo più alto raggiunto negli anni nell’area che comprende 16 “fronde” fiancheggiate da showroom e supercar parcheggiate nei vialetti.

Il prezzo più alto ora disponibile nell’edificio è una spaziosa villa moderna di ispirazione italiana situata all’estremità di una palma, completa di una spiaggia a 180 gradi, che viene offerta per 100 milioni di dirham.

Essendo crollati nel mercato durante i giorni cupi al culmine dell’epidemia, gli sviluppatori sperano di attirare una delle nuove razze di europei i cui soldi sono stati spesi attraverso la piscina a sfioro, il cinema privato e acri di marmo e vetro.

“Penso che la gente stia iniziando a rendersi conto che Dubai non è più solo un cantiere edile, e probabilmente 10 anni fa avevamo il maggior numero di gru al mondo”, ha affermato Matthew Patti, CEO di BlackBrick, una delle agenzie . Rappresenta la proprietà.

READ  Confassociazioni è pronta a mettere in contatto gli stakeholder nordamericani con 1.200.000 piccole imprese e professionisti italiani

COVID-19 ha aperto le porte

“La gente ora guarda Dubai e dice: ne farò la mia casa principale. Posso lavorare da Dubai e continuare a gestire affari in Europa, Nord America o Asia”.

“Quindi penso che ciò che COVID alla fine ha fatto, ci ha aperto le porte al resto del mondo.”

In un mercato in cui si è accumulata e perduta così tanta ricchezza, c’è tensione sulla possibilità di continuare i recenti improvvisi rally.

Le vendite di proprietà che superano i 10 milioni di AED sono aumentate del 6,7% ad aprile rispetto al mese precedente e 81 ville a The Palm sono state vendute solo ad aprile rispetto alle 54 dell’intero 2020, secondo Property Monitor.

Nonostante i notevoli guadagni, il mercato è ancora lontano dai massimi del 2014 e il mercato degli appartamenti è molto indietro.

Tuttavia, la società di servizi finanziari Morgan Stanley ha affermato in un recente rapporto che è improbabile che il rally si fermi presto.

“Una forte domanda, la crescita dell’offerta è al suo apice e un lungo periodo di tempo per i nuovi progetti potrebbe portare a un mercato più duro del previsto nei prossimi anni”, ha detto.

Egli accredita “l’ondata di riforme governative negli ultimi 12 mesi, tassi ipotecari interessanti e il cambiamento dei modelli di domanda dovuto a COVID-19”.

Al momento sia della disinformazione che di molte informazioni, Il giornalismo di qualità è più importante che mai.
Iscrivendoti, puoi aiutarci a ottenere la storia giusta.

Iscriviti ora

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)