Aprile 10, 2021

SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I tunisini chiedono il ritiro dei rifiuti italiani

Domenica decine di attivisti tunisini hanno manifestato nella città portuale di Ss chiedendo la restituzione di quasi 300 contenitori di rifiuti domestici importati illegalmente dall’Italia.

La scorsa estate, i funzionari doganali tunisini hanno sequestrato 282 container spediti dall’Italia con il pretesto di rottami di plastica per il riciclaggio industriale.

Ma i contenitori sono stati trovati per contenere rifiuti domestici, di cui è vietata l’importazione dalla legge tunisina.

La Roma aveva fornito alla società italiana che vendeva la spazzatura fino alla scorsa settimana di recuperare la merce, ma il termine per non farlo era scaduto, ha detto giovedì il funzionario del tribunale Jabour Gnimi.

Domenica, gli attivisti si sono riuniti nel porto della città orientale e hanno chiesto che i rifiuti venissero restituiti.

“Non c’è giustizia sociale senza giustizia ambientale”, hanno cantato alcuni.

La questione è “un crimine contro il popolo tunisino”, ha detto Majdi Ben Kasala, un membro del consiglio comunale.

“Chiediamo che le autorità (tunisine) mostrino una maggiore determinazione a smaltire i rifiuti”.

Hamdi bin Saleh, un attivista della protesta, dovrebbe protestare ulteriormente giovedì davanti all’ambasciata italiana a Tunisi.

Lo scandalo ha portato al licenziamento e all’arresto del ministro dell’Ambiente tunisino Mustafa Arui, insieme ad altri 25, molti dei quali sono in stato di fermo.

Includeranno anche il manager della società di importazione tunisina, che è su larga scala, ha detto il funzionario del tribunale Gnimi.

La società italiana Svilupo Resource Ambindali SRL Tunisia è stata accusata di non aver rispettato il termine per lo smaltimento dei container.

Come in Tunisia, i paesi ricchi scaricano la loro spazzatura sui poveri, quindi questo caso attira molta attenzione sul commercio globale di rifiuti.

READ  Il gruppo marittimo italiano ha citato in giudizio quattro gestori di proprietà

Nell’agosto dello scorso anno, l’Interpol ha avvertito che le organizzazioni criminali stavano ricavando enormi profitti dall’esportazione di rifiuti illegali, non solo in Asia in particolare, ma in altre parti del mondo.

str-ayj / par / lg