I rischi mutevoli di Delta rovinano la speranza dell’Europa per un ritorno alla vita normale | La voce dell’America

Le tre donne si stavano godendo il tempo insieme, pranzando vicino alla spiaggia di Capalbio, sulla costa meridionale della Toscana, a poco più di un’ora di macchina da Roma. Un lungo inverno e una primavera di lockdown e restrizioni nella città alpina settentrionale di Bolzano hanno tenuto separate per mesi nonna, madre e figlia.

“Posso dire loro come sei la più brillante della tua classe, la più carina e la più carina?” La nonna ha chiesto alla nipote di 17 anni.

“Le chiusure sono state dure, non le vedo da mesi. Almeno dal mio appartamento ho una bella vista sulle montagne, ma è stata dura. Vivo da solo”. Ora riunite, le tre generazioni di donne sono entusiaste di condividere ancora una volta la compagnia l’una dell’altra in vacanza sperando di liberare il fantasma di un passato pandemico.

Le spiagge costiere italiane sono ancora una volta affollate, così come le rive del lago, mentre i vacanzieri tirano un sospiro di sollievo mentre sfuggono al confinamento pandemico.

C’è un senso di normalità ora, sostenuto dalla decisione del governo italiano del mese scorso di eliminare la maggior parte delle regole relative al coronavirus e di revocare le regole sull’uso delle mascherine all’esterno, sebbene le mascherine siano ancora necessarie sui trasporti pubblici e all’interno dei negozi. Eliminare gradualmente il coprifuoco notturno; È consentito mangiare all’aperto con poche restrizioni nei ristoranti.

Con oltre il 30% degli italiani completamente vaccinati, è tornata la fiducia. La media di sette giorni per i nuovi casi è inferiore a 700 al giorno. Giovedì 24 italiani sono morti di COVID-19, la malattia causata dal coronavirus.

READ  L'azienda vinicola SA è stata nominata numero due nella lista nazionale Top 100

Questo è molto diverso dal bilancio delle vittime quotidiano al culmine della pandemia, quando l’Italia è diventata il primo paese occidentale ad essere colpito dal pieno impatto del coronavirus.

I giovani tornano a festeggiare, forse troppo. In tutto il paese, dalle piccole città alle grandi, le lamentele sulle feste notturne da parte di giovani e ubriachi festaioli sono aumentate dopo la pandemia. Giornali soprannominato Malamovida, o Bad Nightlife.

“I vecchi si lamentano, ma non capiscono, siamo rinchiusi da mesi, e ora vogliamo che arrivino le feste”, ha detto Riccardo, 19 anni, del comune di Viterbo, alle porte di Roma. Le persone anziane dicono di aver già capito, ma hanno bisogno di un sonno tranquillo.

Due donne si fanno un selfie in Piazza di Spagna a Roma, 28 giugno 2021.

Tuttavia, dietro le vacanze e le feste, si teme che la narrativa del benessere possa essere minata dalla variante delta, un ceppo di coronavirus identificato per la prima volta in India.

Parlando giovedì a Roma, il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ha emesso l’ultimo di una serie di avvertimenti, dicendo: “Dopo mesi di isolamento e separazione, abbiamo ripreso molte delle nostre interazioni sociali. L’economia e l’istruzione sono riprese. Tuttavia, dobbiamo essere realistici. La pandemia non è finita “distanza”.

Come i suoi omologhi nei vicini paesi europei, Draghi sta assistendo a un’ondata “delta” di infezioni, temendo che i numeri possano aumentare in modo esponenziale, come in Gran Bretagna, che ha visto un’implacabile impennata di nuovi casi. Il numero di casi giornalieri e settimanali in Inghilterra ha raggiunto il livello più alto da gennaio e giovedì sono stati registrati 27.989 nuovi casi di coronavirus in tutta la Gran Bretagna, secondo le autorità sanitarie.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sta ancora pianificando di eliminare la maggior parte delle restanti restrizioni sulla pandemia il 19 luglio, dopo aver ritardato di oltre due settimane la prevista riapertura completa. Con così tanti britannici vaccinati, il rapporto, affermano i ministri, tra casi, esiti peggiori e decessi è migliorato notevolmente. Finora, più di 44,8 milioni di britannici hanno ricevuto una dose iniziale del vaccino – circa l’85% della popolazione adulta – e più di 33 milioni hanno assunto entrambe le dosi.

Mentre le infezioni nel Regno Unito ora corrispondono al numero di gennaio, i decessi no. Il numero di decessi legati al COVID-19 a gennaio è stato di oltre 1.000 persone al giorno, ma in Gran Bretagna giovedì ci sono stati solo 22 decessi. Tuttavia, la tensione rimane e i consulenti scientifici del governo invitano alla cautela.

I visitatori salgono sulle montagne russe al parco divertimenti Cinecittà World, alla periferia di Roma, il giorno della sua riapertura, il 17 giugno 2021.

Johnson ha detto giovedì che mira ancora a rimuovere quasi tutte le restrizioni di blocco. Il 19 luglio, “Vogliamo tornare in un mondo il più vicino possibile allo status quo, pre-COVID. Cerca di tornare alla vita com’era prima del COVID”. “Ma potrebbero esserci alcune cose che dobbiamo fare, ulteriori precauzioni che dobbiamo prendere”.

La prossima settimana, è probabile che il governo annuncerà più paesi in cui i britannici potranno viaggiare senza dover essere messi in quarantena al loro ritorno. Tuttavia, molti paesi già presenti nella lista verde britannica dei paesi “sicuri” da visitare non sono entusiasti di accettare viaggiatori britannici, con alcuni paesi dell’Europa meridionale che si affidano al turismo insistendo addirittura nel consentire solo a coloro che hanno avuto la doppia vaccinazione.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha invitato gli Stati membri dell’UE, che sono molto indietro rispetto alla Gran Bretagna in termini di campagne di vaccinazione, ad accettare un divieto di ingresso ai viaggiatori dalla Gran Bretagna nel blocco indipendentemente dal loro stato di vaccinazione. La Merkel ha incolpato i turisti britannici per l’aumento degli infortuni della forma delta in Portogallo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche evidenziato il pericolo di un’onda delta che investa l’Europa.

Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha avvertito giovedì in una conferenza stampa che il calo del numero di infezioni nella regione sta volgendo al termine.

Il calo di 10 settimane del numero di casi COVID-19 si è concluso in 53 paesi nella regione europea dell’OMS. Ha aggiunto che il numero di casi è aumentato la scorsa settimana del 10% a causa dell’aumento della mescolanza, dei viaggi e delle riunioni e dell’allentamento delle restrizioni sociali.

Kluge ha avvertito che milioni di europei non vaccinati rimangono altamente suscettibili alla variante delta, i cui dati mostrano che è più trasmissibile rispetto ad altre razze. Entro agosto, ha affermato, la variante Delta sarà la varietà dominante in Europa, con il 63% delle persone ancora in attesa del primo colpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto