HomescienceI numeri di vaccinazione COVID molto diversi in Australia stanno solo preparando...

I numeri di vaccinazione COVID molto diversi in Australia stanno solo preparando il terreno per una pandemia politica

Scott Morrison di The Lodge si è presentato giovedì per celebrare “il primo importante traguardo per gli australiani che iniziano a riprendersi la vita”: il fatto che il NSW abbia superato “la soglia del 70% del tasso di doppia vaccinazione, come definito nel piano nazionale”.

E ovviamente è stata un’ottima notizia, soprattutto se vivi nel NSW e nella Greater Sydney, che è chiusa da diversi mesi.

Sfortunatamente, non tutti in tutto il paese sono completamente fuori. Il Primo Ministro ha visto il successo del NSW come un faro di speranza per altre nazioni.

A partire da venerdì, altri grandi stati variavano nel loro livello di doppia dose tra il 50 percento e il 55 percento (con la Tasmania al 63 percento e l’ACT solo al 70 percento).

Ciò significa che la maggior parte del resto del paese non raggiungerà il 70% fino alla fine di ottobre o novembre al più presto. Il livello di doppia dose dell’80% è più difficile: tra metà novembre e metà dicembre per la maggior parte delle persone.

Clinica di vaccinazione del sud-ovest di Sydney
Il Nuovo Galles del Sud questa settimana ha raggiunto il suo obiettivo di vaccinazione a doppia dose del 70%.(

ABC News: Tim Swanston

)

Il raggiungimento di tassi di vaccinazione più elevati nel NSW più rapidamente rispetto al resto del paese è guidato in parte dalla realtà della pandemia che motiva le persone a farsi vaccinare e in parte dal dirottamento dei vaccini Pfizer da altre parti prima che maggiori forniture raggiungano il paese.

Pfizer, ovviamente, richiede un intervallo tra le dosi molto più breve rispetto ad AstraZeneca. La differenza si vede principalmente nel fatto che Victoria è solo 5 punti percentuali indietro nel NSW nelle prime dosi (dall’84 percento all’89 percento), ma 15 punti percentuali indietro nelle seconde dosi (dal 55 percento al 70 percento) e raggiungerà il 70 e 80 per cento indietro nel NSW di tre settimane.

I numeri delle vaccinazioni raccontano quanto sia diversa l’esperienza della pandemia di COVID – e le sue ripercussioni – sia e continui a crescere in tutto il paese. Questo non fa che aumentare i giochi della pandemia politica.

Le politiche fondamentali del primo ministro

Il primo ministro ha trascorso la maggior parte della settimana cercando di guidare le politiche di chiusura dei confini statali e i blocchi, dopo aver annunciato la scorsa settimana che i viaggi internazionali sarebbero ripresi il mese prossimo verso paesi con tassi di vaccinazione soddisfacenti. Gioca fortemente sui desideri delle persone di vedere i propri cari a Natale.

Era vero, ha detto un intervistatore a Perth, “che le persone a Sydney e forse Melbourne si recheranno a Bali entro Natale. Ma nessuno a Washington lo farà”.

“Mi piacerebbe se la gente potesse volare a Brisbane per Natale”, ha detto al pubblico di Radio Brisbane.

Ma mentre esortiamo le persone a farsi vaccinare e facciamo pressioni sugli stati affinché si aprano il più rapidamente possibile, non tutto sta funzionando così rapidamente nel mondo del primo ministro.

Sembra scortese menzionarli, davvero: la Federal Integrity Commission sta facendo qualcosa per il cambiamento climatico, affrontando i problemi strutturali nel sistema sanitario che la pandemia ha reso infinitamente peggio.

Uomo dai capelli grigi che indossa occhiali e cravatta a righe blu, gesti con giacca blu con i pollici
Morrison è uscito da The Lodge giovedì per celebrare “il primo importante traguardo per gli australiani che iniziano a riprendersi le loro vite”.(

AAP: Lucas Koch

)

I governi federale e statale hanno combattuto di nuovo questa settimana per i fondi sanitari, dopo che i ministri della salute statali e territoriali – tutti loro – hanno scritto al ministro federale Greg Hunt la scorsa settimana.

Hanno affermato che gli stati e i territori erano sotto “pressione incessante a causa delle attuali esigenze di COVID-19 e della tendenza preesistente all’aumento dell’attività ospedaliera”.

La questione era stata sollevata con Hunt da aprile.

La sua risposta questa settimana è stata che il governo federale stava già finanziando il 50 percento del costo del COVID negli ospedali in base a un accordo speciale stipulato lo scorso anno. La risposta del primo ministro è stata solo di dire che si trattava di un opportunistico tentativo di “ricatto” politico da parte degli stati, sullo sfondo del COVID, e di suggerire che i problemi degli stati erano causati da loro stessi.

“Il lavoro che deve essere fatto, francamente, avrebbe dovuto essere svolto negli ultimi 18 mesi”, ha detto.

Il punto degli stati è che gli aspetti chiave dell’accordo di finanziamento di base sono scaduti a giugno e le sue disposizioni sono ancora cruciali per portare a termine il sistema quanto lo Special Deal.

Nella loro lettera a Hunt, i ministri della salute hanno riconosciuto che l’accordo speciale dell’anno scorso “ha fornito un sollievo immediato e il riconoscimento di alcuni dei” problemi che affliggono il sistema sanitario, ma l’accordo di riforma sanitaria nazionale (NHRA)” – vale a dire, l’accordo sui finanziamenti federali – “non è adatto allo scopo per rispondere alle decisioni Il finanziamento è in corso e funziona in modo ‘stabile’ per COVID.

Hanno sostenuto che gli effetti del COVID – a volte gli effetti opposti – come dover tenere vuota la famiglia in previsione di potenziali casi di COVID e quindi perdere finanziamenti – “hanno alterato la validità e l’affidabilità dei dati per informare le proiezioni di prezzo e volume sotto il NHRA”.

“Il potenziale per una maggiore attività, combinato con significativi aumenti dei prezzi, creerà un ambiente che restringe gravemente l’attuale tetto di crescita e ha implicazioni immediate per il prezzo effettivo dell’assistenza sanitaria”.

Lista delle cose da fare troppo lunga

E tutto questo stava accadendo mentre “entravamo nella fase più critica nella risposta alla pandemia di COVID-19 per i nostri sistemi ospedalieri”.

I ministri della salute statali affermano che il governo federale non è stato preparato ad affrontare questi problemi di fondo. “Vogliono solo concentrarsi sulle domande se ci sono abbastanza DPI o ventilatori”, ha detto uno questa settimana.

In un certo senso, questo suona come un pezzo del modo generale in cui il governo lavora in questi giorni.

Un paziente nel reparto di terapia intensiva del Footscray Hospital, utilizzato con il permesso della famiglia del paziente
I leader di stato e territorio temono che gli ospedali saranno sopraffatti mentre lo stato allenta le restrizioni COVID.(

Fornito: Penny Stevens/Western Health

)

Un giornalista alla conferenza stampa del Primo Ministro questa settimana ha notato che quest’anno mancano solo poche settimane di sessioni del Parlamento, ma una lista molto lunga di cose da fare.

Il giornalista ha osservato: “Avete la Commissione nazionale per l’integrità e avete leggi sulla discriminazione religiosa”. “Barnaby ha aggiunto Joyce alla sua lista di cose da fare questa mattina chiedendo la soppressione della disinformazione sui social media. Quali di queste cose ti assicurerai che il governo attui prima delle prossime elezioni?”

La versione breve della risposta molto lunga era: nessuna delle precedenti.

Il Primo Ministro infatti sosteneva che la morte di Gladys Berejiklian fosse un buon argomento contro la Federal Integrity Commission, almeno come quella del New South Wales. Questa settimana ha lasciato intendere che l’unica cosa che ostacola il buon lavoro di un governo federale è ottenere il sostegno di altri partiti in Parlamento (che tutti pensavano che la proposta del governo fosse pateticamente debole).

Poi c’è, ovviamente, il cambiamento climatico. Ci è stato anche detto che il governo era “così vicino” ad avere una posizione – e una politica – per qualcuno (non specificato) da portarlo al vertice sui cambiamenti climatici di Glasgow.

Ed è abbastanza giusto, perché dovrebbe esserci fretta? Dopotutto, mancano ancora tre settimane.

Naturalmente, come ha detto il premier a proposito dei preparativi ospedalieri, “il lavoro da fare, francamente, doveva essere svolto negli ultimi 18 mesi”.

Ma non lo era. Ciò non è stato fatto negli ultimi otto anni sulla base di una politica credibile sul cambiamento climatico, o per almeno tre anni sulla base di una politica di integrità credibile.

A pochi mesi dalle elezioni federali, il distanziamento politico è ancora vivo e vegeto nella politica federale.

Laura Tingle è il capo corrispondente politico alle 7.30.

Scarica il modulo…

READ  Uno studio rivela sorprese cosmiche fin dagli albori della storia
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News