HomesportI Minnows vengono sostituiti mentre WR rimuove la controversa competizione 6N-TRC, accetta...

I Minnows vengono sostituiti mentre WR rimuove la controversa competizione 6N-TRC, accetta l’espansione RWC, il nuovo formato e le date – The Roar

PARIGI – Il controverso Campionato per Nazioni prenderà il via nel 2026 dopo un voto risicato da parte del Consiglio Mondiale, mentre Rugby Australia ha spostato con successo la data della Coppa del Mondo 2027.

The Roar apprende che i broker di rugby hanno accettato la richiesta di Rugby Australia di rinviare l’inizio della Coppa del Mondo 2027 due settimane dopo la data prevista per dare al torneo un’aria pulita dopo le finali di NRL e AFL. Si ritiene che i proprietari dei club europei, soprattutto in Francia, inizialmente si siano opposti al cambiamento a causa del suo impatto sulle loro competizioni.

La Coppa del mondo di rugby ha confermato le date in cui si giocherà dal 1° ottobre al 13 novembre 2027: la durata del torneo sarà ridotta da sette settimane a sei con l’aggiunta di quattro squadre aggiuntive, tenendo conto del numero di paesi qualificati per la fase finale. dalle 24 alle 24.

Il nuovo formato prevederà sei gironi da quattro squadre, con l’aggiunta degli ottavi di finale prima dei quarti di finale.

I presidenti del World Rugby Bill Beaumont e Alan Gilpin parleranno ai media mercoledì mattina presto AEST. È stato riferito che il Consiglio Mondiale – rappresentanti delle nazioni Test – ha votato con 41 voti contro 10 per superare il Campionato delle Nazioni, con almeno 39 voti richiesti.

La competizione del Campionato delle Nazioni riunisce le squadre del Campionato delle Sei Nazioni e del Campionato di rugby insieme ad altre due nazioni selezionate da SANSAR (si dice che Giappone e Fiji siano le prime in classifica per quei posti) in una serie competitiva che si terrà agli attuali Internazionali di luglio e novembre. .

La serie, che si giocherà ad anni alterni per non influenzare i preparativi della Coppa del Mondo e proteggere i tour dei Lions, chiuderà le nazioni di secondo livello come Samoa, Georgia e Portogallo, che hanno tutte avuto un impatto in questo torneo.

La nuova competizione è controversa perché offre meno opportunità ai paesi di livello II di mettersi alla prova contro la concorrenza di livello I. Molti allenatori e giocatori ai Mondiali hanno chiarito che avevano bisogno di affrontare una concorrenza migliore per prepararsi alla fase finale, dove ci sono stati molti risultati impressionanti.

World Rugby ha successivamente annunciato che a partire dal prossimo anno sarebbe stata lanciata una nuova competizione della Pacific Nations Cup con alcune nazioni di secondo livello.

“Una nuova competizione annuale maschile di 15 anni che coinvolge Canada, Fiji, Giappone, Samoa, Tonga e Stati Uniti sarà lanciata nel 2024, riaffermando l’impegno di World Rugby ad aumentare la competitività globale sulla strada verso la Coppa del mondo di rugby in Australia (2027). ) e USA (2031). ), ha affermato in una nota.

READ  Comune italiano vicino alle stazioni sciistiche vende case a 1 euro

“Con l’approvazione del Consiglio IFAB, la rinominata Pacific Nations Cup, che si terrà nella finestra di rilascio dell’emisfero meridionale in agosto e settembre, presenterà due gruppi di tre squadre: il gruppo nordamericano e giapponese e il gruppo delle isole del Pacifico con ciascuno ospitare le partite della Confederazione.

“Ogni anno si terrà una serie di finali per tutte le squadre, con i campioni annuali confermati. Il Giappone e gli Stati Uniti ospiteranno le serie di finali ad anni alterni, a partire dal Giappone nel 2024.

“Abbiamo visto in questa Coppa del mondo di rugby come le nazioni più performanti abbiano bisogno della certezza di un accesso regolare a competizioni di alto livello per essere in grado di costruire, crescere e raggiungere risultati sulla scena mondiale”, ha dichiarato in una nota il presidente del World Rugby Beaumont.

“La Pacific Nations Cup aiuta a soddisfare questa esigenza mentre cerchiamo di rimodellare il calendario globale per offrire maggiori opportunità, certezza ed equità. Entro il 2026, queste squadre avranno un accesso senza precedenti a competizioni di alto livello”.

Il Campionato delle Nazioni significherà probabilmente la fine della tradizionale serie di tre prove in Australia ogni anno da parte di un’unica squadra in tournée internazionale.

Sia il Six Nations Rugby che il SANZAAR hanno rilasciato dichiarazioni a luglio affermando che era stato concordato un campionato per nazioni.

Samu Kerevi dei Wallabies viene affrontato durante la terza partita della serie internazionale di test match tra gli Australia Wallabies e l’Inghilterra al Sydney Cricket Ground il 16 luglio 2022 a Sydney, Australia. (Foto di Cameron Spencer/Getty Images)

I due organi di governo possiederanno e gestiranno il torneo, che includerà le dieci squadre da loro presiedute, nonché le due nazioni invitate.

Una dichiarazione del Sei Nazioni all’inizio di quest’anno affermava: “Un processo di selezione trasparente sarà gestito da SANZAAR, con il supporto di World Rugby e dei giocatori di rugby internazionali, per selezionare queste due associazioni ad invito”.

Samoa ha criticato la decisione durante le finali della Coppa del Mondo in corso, temendo che le sue possibilità di miglioramento sarebbero ostacolate dalla sua esclusione dal Campionato delle Nazioni.

“Beh, non vedremo partite come quelle viste stasera – ha detto l’allenatore delle Samoa Silala Mapusua dopo la sconfitta per un solo punto contro l’Inghilterra -. È stata una grande rivalità tra due nazioni orgogliose. Fondamentalmente stai vedendo il Sei Nazioni e ampliato il rugby.”

READ  Riley Obelka torna alla vittoria dopo un incontro di COVID-19

Quando gli è stato chiesto in cosa Samoa avesse bisogno di migliorare, ha detto: “Ho una lunga lista. La cosa principale è passare del tempo insieme sul campo, il che significa più partite. È una delle risorse più grandi che non abbiamo. Abbiamo giocatori di tutto il mondo, e sarà difficile.” sempre”.

Mapusua è stato spostato martedì nell’annuncio della serie Pacific Cup del World Rugby.

“Sono entusiasta del potenziale della Pacific Nations Cup ampliata in quanto fornisce un’importante garanzia di alta qualità per la crescita e lo sviluppo di Manu Samoa.

“Ciò significa che avremo più partite di prova e più tempo insieme come squadra, cosa che ci è mancata in passato. Questo nuovo ambiente ci consentirà di continuare a crescere e svilupparci mentre guardiamo verso la Coppa del mondo di rugby del 2027 in Australia.

(Foto di Harry Murphy/Sportsfile tramite Getty Images)

L’allenatore del Cile Pablo Lemoine è stato un altro a criticare le autorità del rugby per la mancanza di sostegno ai giovani giocatori.

“La gente ha a cuore le piccole squadre che combattono e tutti sono felici di vedere il Cile giocare per la prima volta ai Mondiali, ma dietro le quinte non è cambiato nulla”, ha detto.

“Non abbiamo mai giocato un Mondiale prima. Veniamo qui e facciamo parte dello spettacolo ma non possiamo giocare la partita.

“Non giocavamo questo tipo di partite tra una finale e l’altra del Mondiale. Spero che le cose cambino perché non fa bene né al gioco né ai tifosi.

“Ogni partita ci regala cose positive ma in questo momento pensiamo solo a quello che è successo oggi. Il risultato è completamente ingiusto.

“Questa è la realtà dei livelli della Coppa del Mondo quando giochi contro una delle prime 10 squadre. Ci incontriamo ogni quattro anni e affrontiamo paesi di alto livello al top del loro gioco e competono contro se stessi. è la nostra realtà ma è un peccato”.

Ha sottolineato il suo compagno di squadra sudamericano, l’Uruguay, con il quale ha giocato, e che si è comportato egregiamente contro la Namibia.

“La gente parla dell’Uruguay adesso, ma noi (l’Uruguay) eravamo già ai Mondiali nel 1999. Sono passati più di 20 anni e nulla è cambiato”, ha detto. “Romania, Namibia, Samoa, Tonga… erano tutte lì [in 1999]. Hanno fatto progressi da allora? Al contrario, si sono ritirati”.

Le sue dichiarazioni sono state sostenute dall’argentino Agustín Pichot, ex vicepresidente della World Rugby Union. In un messaggio pubblicato sulla piattaforma social

READ  Premier League inglese, Chelsea batte il West Ham, Liverpool pareggia, Leicester schiaccia West Brom, Jimmy Vardy, highlights, video

È così che World Rugby ha inquadrato le modifiche al calendario maschile nella sua pubblicazione di martedì.

Il primo calendario globale di rugby maschile con nuove competizioni e maggiori opportunità

  • Stabilire un calendario globale migliorato di rugby maschile a partire dal 2026 con finestre internazionali più chiare, inclusa la conferma della finestra di rilascio per la Coppa del mondo di rugby del 2027 (Australia).
  • Ampliare la Coppa del mondo di rugby a 24 squadre nel 2027, offrendo ulteriori opportunità di qualificazione per più squadre e competizioni regionali.
  • Lancio di una nuova competizione internazionale semestrale a partire dal 2026, con una massima divisione di 12 squadre (Sei Nazioni, SANZAAR e altre due confederazioni da selezionare attraverso un processo gestito da SANZAAR) e una seconda divisione gestita da World Rugby di 12 squadre con promozione e retrocessione dal 2030. Si gioca nelle finestre di rilascio internazionali di luglio e novembre e fornirà opportunità cruciali (e certezza di partite) per le federazioni attualmente al di fuori delle attuali competizioni annuali, fornendo così opportunità alle federazioni e alle squadre regionali. Federazioni al secondo livello.
  • La competizione offre ai giocatori e ai tifosi partite avvincenti per ampliare il pubblico e apportare valore a tutti.
  • Un aumento significativo del numero di incontri incrociati tra le confederazioni nelle rispettive divisioni è stato incluso nel calendario globale negli altri due anni, fornendo alle nazioni performanti la certezza di una competizione annuale contro confederazioni ad alte prestazioni.
  • Lancio di una nuova competizione annuale ampliata della Pacific Nations Cup nel 2024, che vedrà la partecipazione di Canada, Fiji, Giappone, Samoa, Tonga e Stati Uniti con partite nazionali e Giappone e Stati Uniti che si alterneranno come paesi ospitanti della fase finale, garantendo almeno tre partite aggiuntive all’anno oltre a il nuovo torneo. Competizione internazionale e combinazioni incrociate.
  • Il calendario globale maschile offre ulteriore visibilità alle competizioni di campionati e club d’élite oltre confine, supportando opportunità di investimento di crescita del valore per tutti.

Ha anche fatto la seguente dichiarazione nel calendario femminile

Il primo calendario globale di rugby femminile con finestre di rilascio dedicate

  • Prime finestre di rilascio internazionali dedicate (una finestra di rilascio regionale di sette settimane e una finestra di rilascio globale di otto settimane) a partire dal 2026.
  • Chiarezza sui periodi di rilascio per club/campionati e competizioni transfrontaliere, per consentire una pianificazione e un investimento certi.
  • Impegno a gestire il carico e il benessere dei giocatori in modo più efficace nel gioco femminile in rapida evoluzione, lavorando con tutte le parti interessate
  • Un quadro per la revisione continua del calendario globale femminile e delle strutture delle competizioni internazionali per riconoscere questo ambiente e le opportunità in rapida evoluzione.
Mariella Lori
Mariella Lori
"Professionista della birra. Comunicatore. Fanatico del bacon estremo. Drogato dilettante di alcol. Pensatore sottilmente affascinante."
Must Read
Related News