SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I microchip nell’aria sono stati descritti come una svolta per il monitoraggio di malattie e inquinamento

Un nuovo chip delle dimensioni di un granello di sabbia che ha la capacità di planare su grandi distanze è stato descritto come una svolta nel monitoraggio aereo.

Gli scienziati che collaborano da istituzioni tra cui la Northwestern University negli Stati Uniti e la Songsil University in Corea hanno creato quelle che credono siano le più piccole “strutture volanti artificiali” del mondo, che possono essere dotate di microchip e sensori e hanno la capacità di trasmettere dati da remoto.

I microchip possono essere lanciati dal cielo ed eventualmente utilizzati per monitorare gli impatti ambientali e la diffusione delle malattie.

Ricercatori che hanno pubblicato oggi i loro risultati sulla rivista temperamento natura, ha sviluppato i volantini in miniatura dopo aver studiato l’aerodinamica dei semi di alberi come aceri, denti di leone e jacaranda dispersi dal vento.

Utilizzando simulazioni al computer, il team è stato in grado di determinare quale forma sarebbe atterrata più lentamente e si sarebbe dispersa di più mantenendo un atterraggio controllato.

E pensano di aver raggiunto il risultato che potrebbe rivaleggiare con qualsiasi cosa in natura, secondo John Rogers della Northwestern University, che ha guidato lo sviluppo dei dispositivi.

“Pensiamo di aver battuto la biologia, in un certo senso”, ha detto il professor Rogers alla rivista.

Tuttavia, ha detto alla ABC che la sua squadra aveva un vantaggio sleale.

La natura migliora i progetti nello spazio [with many competing needs] E con gravi limitazioni associate a condizioni di crescita, dispendio energetico e materiale, ecc. “, ha affermato il professor Rogers.

“Noi non.”

Migliaia possono essere postate contemporaneamente

Una punta di matita accanto a un piccolo dispositivo.
I microchip scorrevoli possono essere utilizzati per l’inquinamento atmosferico e il monitoraggio delle malattie trasmesse dall’aria.(

Fornito: Northwestern University

)

I minuscoli volantini creati dagli scienziati assomigliano al seme di una vite a forma di stella a tre lati, che ha minuscole lame che gli permettono di ruotare e disperdersi dalla pianta madre.

Una volta creato un design più efficiente, i giovani piloti sono stati dotati di piccoli sensori, una fonte di energia solare e antenne.

Finora, i ricercatori hanno sperimentato dispositivi dotati di monitor del pH e sensori di particelle sospese nell’aria. Tuttavia, sono dell’opinione che l’applicazione dei mini volantini possa essere molto ampia.

Il prof. Rogers ha affermato che parte del vantaggio dello sviluppo di un dispositivo così piccolo è che mantiene bassi i costi.

“Il costo è una considerazione importante.

“La prima tecnologia trovata in RFDI [Radio Frequency Identification] I marchi si possono avere in questi giorni per pochi centesimi al marchio”.

A causa della sua scala molto ridotta e del costo relativamente basso, l’idea sarebbe quella di distribuire migliaia di dispositivi dal cielo Contemporaneamente, per raccogliere dati su un’area specifica.

“Il nostro obiettivo era aggiungere il volo alato ai sistemi elettronici su piccola scala, con l’idea che queste capacità ci avrebbero permesso di distribuire dispositivi elettronici di rilevamento ambientale in miniatura ad alte prestazioni per il monitoraggio dell’inquinamento, il monitoraggio della popolazione o il monitoraggio delle malattie”, ha affermato il professor Rogers.

Scarica

Ma rilasciare centinaia o migliaia di dispositivi può creare i propri problemi ambientali.

Quindi il team ha anche sviluppato una tecnologia per consentire ai giovani piloti di degradarsi dopo il dispiegamento.

“Abbiamo la tecnologia per l’elettronica degradabile dall’ambiente”, ha detto il professor Rogers.

“Sviluppiamo materiali, dispositivi e piani di produzione da oltre 10 anni”.

Il telerilevamento è stato originariamente sviluppato per la guerra

Il più grande balzo in avanti rappresentato da questo sviluppo è la capacità di disperdere, secondo Nam Trung Nguyen, direttore del Queensland Micro Center and Nanotechnology della Griffith University.

Il team del professor Nguyen ha sviluppato dispositivi fissi simili che possono essere attaccati alla pelle o impiantati nel corpo per monitorare la salute di un paziente.

Il suo team lavora occasionalmente con il professor Rogers, ma non è stato coinvolto in questo studio.

Scarica

Sebbene la tecnologia oggi sia molto più piccola, il professor Nguyen ha affermato che il telerilevamento è stato inizialmente sviluppato dalle forze armate statunitensi per l’uso durante l’era della guerra del Vietnam.

“I militari erano principalmente interessati alla tecnologia di sorveglianza”, ha detto.

Naturalmente, i dispositivi di volo più grandi come i droni possono scattare video e foto e il professor Nguyen ha affermato che è anche possibile che i volantini più fini siano dotati di tecnologia di streaming.

Ma come per qualsiasi progresso tecnologico, ha affermato che era necessario considerare il potenziale di abuso.

“Se guardi agli anni ’60 e ’70, gli Stati Uniti l’hanno usato durante la guerra per raccogliere informazioni. La polizia potrebbe usare la stessa cosa. [today],” Egli ha detto.

Il professor Rogers ha affermato che il passo successivo nella loro ricerca è stato quello di dare ai giovani piloti la possibilità di volare a motore.

“L’altra cosa a cui stiamo pensando è come aggiungere capacità di volo attive”, ha detto.

“Quindi non è qualcosa che cade come un seme, ma qualcosa che può volare via, come una mosca domestica”.

READ  L'orologio atomico dello spazio profondo si sta muovendo verso l'aumento dell'autonomia dei veicoli spaziali