SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I giganti della tecnologia cinese impegnano miliardi per sostenere l’obiettivo di “prosperità condivisa” del presidente Xi Jinping

I giganti della tecnologia cinese, tra cui Alibaba e Tencent, hanno promesso miliardi di dollari per sostenere la campagna di “prosperità condivisa” del presidente Xi Jinping.

Gli esperti affermano che le famiglie a basso reddito potrebbero accogliere con favore la mossa, ma che la “pressione politica” sulle imprese potrebbe in definitiva danneggiare sia i ricchi che i poveri.

Le grandi aziende cinesi non sono immuni alle pressioni del Partito Comunista Cinese (PCC) – Dopo che Jack Ma di Alibaba ha criticato la governance finanziaria cinese, l’IPO da 3 trilioni di dollari di Ant Group è stata affondata e “scomparsa” per mesi.

Quest’anno, il governo cinese ha anche lanciato la propria valuta elettronica per indebolire l’impatto finanziario di Alibaba e Tencent sul sistema di pagamento digitale.

Il signor Xi ha usato il termine “prosperità condivisa” 65 volte nei suoi discorsi solo quest’anno, definendolo il “nucleo originale” del socialismo.

L’obiettivo finale, ha affermato, è ridurre la disuguaglianza sociale e il divario di ricchezza nel paese.

La responsabilità sociale è simbolica?

Bloomberg ha riferito che 73 società cinesi quotate, sia private che statali, hanno detto ai loro azionisti che daranno contributi per la “prosperità condivisa”.

Tencent, che possiede la popolare app di social media WeChat, ha affermato che il suo fondo di responsabilità sociale ha raggiunto i 100 miliardi di yuan (20,8 miliardi di dollari).

La metà sarà utilizzata per “l’innovazione sostenibile del valore sociale”, ha affermato la società, e il resto andrà a programmi di beneficenza sociale per contribuire alla “prosperità condivisa”.

Nel frattempo, il colosso dell’e-commerce Alibaba ha annunciato che investirà lo stesso importo entro il 2025 per sostenere la “prosperità condivisa” in Cina.

In una dichiarazione, si è impegnata a “sostenere la crescita delle piccole e micro imprese”, “aumentare gli investimenti in tecnologia per supportare la digitalizzazione delle regioni sottosviluppate” e “rafforzare la capacità sanitaria nelle regioni meno sviluppate”.

“Sotto il sistema del partito unico, le aziende affrontano enormi pressioni”, ha affermato il professor Yang Dali, esperto di politica cinese presso l’Università di Chicago.

“Molto importante è la pressione politica”.

Jack Ma e Xi Jinping in una grafica
Alibaba afferma che istituirà il Comitato d’azione congiunto per promuovere la prosperità per realizzare iniziative chiave entro il 2025.(

ABC News: Jarrod Fankhauser

)

Il dottor Li Wei, economista cinese dell’Università di Sydney, ha affermato che la responsabilità sociale delle imprese cinesi è in gran parte basata sulla conformità e simbolica, guidata da pressioni esterne dall’alto verso il basso.

Tradizionalmente, ha affermato, la responsabilità sociale è stata intesa come un atto volontario a cui le aziende non sono legalmente vincolate.

Il professor Yang ha affermato che è più importante per la Cina consentire alle aziende di fare filantropia nell’ambito del quadro giuridico, piuttosto che essere costrette.

“Farlo sotto pressione politica farà sentire gli imprenditori insicuri in questo sistema politico. Danneggerà lo sviluppo economico a lungo termine”.

Affrontare il divario di ricchezza non “ruba ai ricchi per pagare i poveri”

Le guardie stanno di fronte a un ritratto del defunto presidente Mao Zedong
L’idea di “prosperità comune” è stata inizialmente introdotta al Partito Comunista Cinese dal presidente Mao Zedong per la sua visione di una Cina uguale.(

Reuters: Carlos Parilla

)

Lo slogan “prosperità comune” è una vecchia idea nel Partito Comunista Cinese.

È stato introdotto dal padre fondatore della Repubblica popolare cinese, Mao Zedong, nel 1955 per perseguire una società più equa.

Tre anni dopo, è stata attuata una campagna socio-economica chiamata “Grande balzo in avanti”.

La campagna ha causato ingenti danni economici e decine di milioni di morti nella carestia che ne è derivata.

Funzionari cinesi di alto rango stanno ora cercando di allontanare lo slogan del signor Xi da quello di Mao e chiarirne il significato.

Han Wenqiu, vicedirettore dell’Ufficio per gli affari finanziari ed economici del Comitato centrale, ha rassicurato i cittadini che il governo cinese non avrebbe “rubato i ricchi per aiutare i poveri”.

Ha detto che l’idea non era “uguaglianza” ma “ridurre il divario di distribuzione della ricchezza tra aree urbane e rurali e prevenire fermamente la polarizzazione”.

Espandi la classe media per evitare l’instabilità

La Cina è la seconda economia più grande del mondo, ma dati ONU Mostra che l’1% più ricco della Cina possiede più del 30% della ricchezza del paese.

Il XVIII Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese
Gli esperti affermano che la disuguaglianza sociale in Cina può causare instabilità e comportare rischi per il Partito comunista cinese. (

Reuters: Carlos Parilla

)

“La comunità a basso reddito accoglierebbe con favore questa idea”, ha detto il professor Yang.

“L’allargamento del divario di ricchezza sociale porterà all’instabilità sociale”, ha detto all’ABC Yi Tan, un commentatore finanziario indipendente a Shanghai.

Ha detto che quando la società è divisa in ricchi e poveri, ha bisogno di un riadattamento.

Ha aggiunto che la Cina, “che è fiorente e in via di sviluppo da più di 30 anni”, spera di evitare la trappola del divario di ricchezza ed espandere la classe media.

Ha detto che la Cina adotterà in futuro la “via europea” per lottare per una società equa.

“La tendenza sarà tasse alte e welfare equilibrato”.

Il professor Yang ha affermato che la Cina sta spingendo per espandere la domanda e aumentare i consumi nel mercato interno, quindi deve garantire ai consumatori “abbastanza denaro”.

“La Cina è un paese a reddito superiore alla media, mentre alcune regioni sono già regioni ad alto reddito”, ha affermato.

Ciò significa, ha aggiunto, che a questo punto deve guardare alla distribuzione della ricchezza.

“Con l’economia cinese in crescita e di fronte a pressanti questioni sociali e ambientali, la legittimità del PCC dipende sempre più non solo dai numeri del PIL, ma anche dalla coercizione sociale e dal superamento della trappola del reddito medio”, ha affermato il dott. Li.

READ  Donald Trump fa saltare in aria il presidente sudcoreano per aver detto di essere stato un `` fallimento '' nei colloqui di Kim Jong Un