HomeWorldI fatti si scontrano con la paura prima del rilascio di Fukushima...

I fatti si scontrano con la paura prima del rilascio di Fukushima Waters

  • Di Shaimaa Khalil
  • Giornalista Tokio

spiegare il video,

Guarda: Shaimaa Khalil visita l’impianto di trattamento per vedere come funziona

In camice bianco e guanti, Ai Kimura affetta un campione di pesce nel laboratorio di Tarachine, a circa un’ora di macchina dall’ormai defunta centrale nucleare di Fukushima Daiichi, sulla costa orientale del Giappone.

Quattro volte all’anno, la signora Kimura e il suo team di volontari raccolgono campioni di pesce dalle acque intorno allo stabilimento. Lo hanno fatto da quando il laboratorio è stato fondato nel 2011, pochi mesi dopo che un devastante tsunami ha inondato i reattori, provocando una fuga di radiazioni.

Tranne che Kimura non è una scienziata, né lo è nessuna delle donne che gestiscono il laboratorio senza scopo di lucro, il cui nome Tarashin deriva dal termine “madre” in giapponese antico. Scossa dopo lo tsunami, Kimura dice che la gente del posto ha avviato il laboratorio per scoprire cosa fosse sicuro nutrire i propri figli perché era difficile ottenere informazioni sui rischi di radiazioni. Così hanno chiesto a esperti tecnici di addestrarli su come testare materiali radioattivi e registrare le letture, hanno raccolto fondi e hanno iniziato a istruirsi.

È stata la decisione di una comunità distrutta che non ha mai creduto possibile un incidente alla centrale nucleare. Ora, 12 anni dopo, si ritrovano ancora una volta a lottare per fidarsi del governo giapponese poiché insiste sul fatto che è sicuro rilasciare acqua radioattiva trattata dall’impianto nell’Oceano Pacifico.

All’inizio di questo mese, il Giappone ha ricevuto il via libera per iniziare a pompare più di 1 milione di tonnellate – all’incirca lo stesso volume di 500 piscine olimpioniche – di acqua trattata utilizzata per raffreddare i reattori fusi. Ha accumulato oltre 1.000 serbatoi e ora, quando raggiunge la sua capacità, deve andare da qualche parte.

Il regolatore nucleare giapponese ha dato il via libera alla Tokyo Electric Power Holdings Corporation (TEEPCO), che gestisce l’impianto. Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, ha affermato che la revisione biennale dell’agenzia ha rilevato che il piano soddisfaceva gli standard internazionali e che l’acqua trattata avrebbe “un impatto radioattivo trascurabile sulle persone e sull’ambiente”. Anche la vicina Corea del Sud ha fatto una valutazione simile, nonostante il divieto di alcune importazioni di cibo giapponese. Cina e Hong Kong hanno annunciato divieti simili.

Ma le persone che vivono a Fukushima e dintorni non sono convinte.

fonte dell’immagine, C’è Akiba/BBC

didascalia foto,

I volontari di Tarashin raccolgono campioni dal mare intorno alla stazione di Fukushima

“Ancora non sappiamo quanto sia stata trattata l’acqua contaminata. Ecco perché ci opponiamo al rilascio”, afferma la signora Kimura, aggiungendo che molte famiglie locali sono preoccupate per lo scarico dell’acqua trattata.

Tepco filtra l’acqua per rimuovere più di 60 sostanze radioattive, ma l’acqua non sarà mai completamente priva di radiazioni. Conterrà trizio e carbonio-14, rispettivamente isotopi radioattivi di idrogeno e carbonio che non possono essere facilmente rimossi dall’acqua. Ma gli esperti dicono che non sono pericolosi a meno che non vengano consumati in grandi quantità perché emettono livelli estremamente bassi di radiazioni. Anche per questo, prima di essere rilasciata, l’acqua filtrata subisce un’altra fase di trattamento dove viene diluita con acqua di mare per ridurne le concentrazioni residue.

Il governo giapponese ha affermato che entro la fine del processo di filtrazione e test, l’acqua trattata non sarà diversa dall’acqua rilasciata dalle centrali nucleari di tutto il mondo.

Ma i fatti si scontrano con la paura a Fukushima, dove i ricordi del “nemico invisibile” – come molti qui lo chiamano radiazioni – sono permanenti.

Dopo il disastro, il governo ha dichiarato una zona di esclusione di 30 chilometri (22 miglia) intorno all’impianto, che ha portato all’evacuazione di oltre 150.000 persone. Anche se molto è cambiato, interi quartieri rimangono vuoti e il verde ricopre tetti e finestre di case abbandonate da tempo. I cartelli sulle vetrine dei negozi sono sbiaditi, ma le barriere metalliche e il nastro giallo avvertono le persone di stare alla larga dalle strade strette e deserte.

Anche il laboratorio di Tarashin testimonia quanto la società tema il “nemico invisibile”, nonostante le assicurazioni contrarie.

fonte dell’immagine, C’è Akiba/BBC

didascalia foto,

Ai Kimura esamina i campioni per le radiazioni nel laboratorio di Tarachine

Nel laboratorio principale, un volontario taglia il cavolo prima di portarlo a misurare le radiazioni gamma, mentre un altro tratta l’acqua prima di testare il campione. Nel corridoio ci sono sacchi di sporcizia e polvere degli aspirapolvere che sono stati usati nelle case vicine. Nella parte posteriore della camera, i campioni di cibo vengono essiccati prima di essere testati per le radiazioni. Sulle pareti ci sono mappe e mappe della centrale nucleare e del mare che la circonda, con indicatori di diversi colori per mostrare il grado di radiazione e la distanza che ha percorso.

Le donne raccolgono campioni ma testano anche articoli inviati loro dalla gente del posto. “Alcune famiglie ci hanno portato le noci [to test]disse la signora Kimura. “In Giappone produciamo trottole con le ghiande usando gli stuzzicadenti. Il governo non pensa nemmeno di controllarlo. Alcune madri ci hanno chiesto di misurare i livelli di radiazioni nel loro giardino locale”.

Il laboratorio misura tutti i tipi di campioni per materiali radioattivi come stronzio-90, trizio e cesio-134 e 137, e tiene traccia dei loro livelli nel corso degli anni.

“Carichiamo tutte le nostre scoperte sul nostro sito Web in modo che chiunque possa trovarle”, afferma Kimura. “Siamo stati in grado di assicurarci che le sostanze radioattive si riducano gradualmente nel cibo che misuriamo. Se rilasciano l’acqua, alla fine minano il potere della natura che l’ha portata a questo livello”.

Vede il piano controverso come un enorme passo indietro. Dice che ci sono ancora “ferite emotive rimanenti” dal disastro del 2011 e questa decisione le riapre.

Gli esperti dicono che il piano – che è in lavorazione da due anni – è un passo necessario nel lungo e costoso processo di pulizia. Per disattivare l’impianto, i detriti radioattivi all’interno dei reattori fusi devono essere rimossi. Per fare ciò, devono prima scaricare l’acqua che è stata utilizzata per raffreddare i reattori da quando uno tsunami ha paralizzato l’impianto nel 2011.

fonte dell’immagine, C’è Akiba/BBC

didascalia foto,

L’acqua radioattiva trattata viene immagazzinata in più di 1.000 serbatoi

A marzo, il presidente della Tepco Akira Ono ha dichiarato all’Associated Press che sono giusti Ora stiamo iniziando a comprendere appieno i danni all’interno dei reattori. Il compito più urgente, ha affermato, è iniziare a rilasciare in sicurezza l’acqua per ripulire l’area intorno all’impianto. Devono anche fare spazio per più acqua perché i detriti sciolti devono essere raffreddati continuamente.

“Il vero problema non è l’effettivo effetto fisico delle radiazioni. È la nostra paura”, afferma il patologo molecolare Jerry Thomas, che ha lavorato con scienziati giapponesi nella ricerca sulle radiazioni e ha anche consigliato l’AIEA.

Dice che la bandiera è stata persa tra gli attivisti nucleari in guerra subito dopo il disastro, e per rassicurare una popolazione allarmata e terrorizzata, il governo ha fatto di tutto per dimostrare che stava prendendo tutte le precauzioni necessarie.

“I politici stanno cercando di dimostrare che stanno attenti e, sai, si prendono cura di tutti. Ma in realtà, il messaggio che le persone stanno ricevendo è, beh, questa roba deve essere davvero seria”.

Il lungo braccio della paura

E ora si sta rivelando difficile sbarazzarsi della paura e della sfiducia.

Ancora peggio, colpisce anche i mezzi di sussistenza. I pescatori affermano che lo scarico di acqua trattata offuscherà la reputazione delle loro catture, abbassando i prezzi e già diminuendo gli affari. Dicono che l’industria qui non si è completamente ripresa dal disastro e dipende ancora dal sostegno del governo.

All’interno della centrale nucleare, Kazuo Yamanaka, funzionario della Tepco, indica due acquari: uno in cui le passere nuotano nell’acqua di mare normale e un altro in cui si trovano in acque con gli stessi livelli di radiazioni che verrebbero pompate nell’oceano. Dice che i pesci vengono osservati da vicino: mentre all’inizio c’è un picco nei livelli di trizio al loro interno, si stabilizzano e poi il pesce lo elimina dal loro sistema una volta tornato all’acqua di mare standard.

“Sono un radiologo, quindi so che il trizio ha pochissimi effetti sul corpo umano e sugli organismi”, ha detto. “Siamo tutti preoccupati per la stessa cosa – le radiazioni – ed è per questo che siamo così preoccupati. Spero che questi dati e queste immagini possano aiutare a rassicurare un po’ le persone”.

Toru Takahashi, la cui famiglia pesca da tre generazioni, non è affatto rassicurante: “Siamo contrari. Gli effetti negativi li stiamo già vedendo. Abbiamo visto appaltatori dire che non acquisteranno i prodotti di Fukushima”.

fonte dell’immagine, C’è Akiba/BBC

didascalia foto,

Toru Takahashi (a sinistra) afferma che la paura ha già danneggiato gli affari

Per lui, questo è personale. Rinunciare all’azienda di famiglia non è un’opzione, dice, poiché supervisiona il personale portuale che scarica secchi di pesce da lavare e preparare per l’asta e poi per il mercato.

È solo una frazione degli affari che avevano prima del disastro del 2011, dice: “Siamo ancora a 300 milioni di yen”. [a year], comprese tutte le piccole imbarcazioni. In precedenza, guadagnavamo circa 700 milioni di yen [£3.9m; $5.1m]. ”

Teme che la situazione peggiorerà solo una volta che l’acqua verrà rilasciata, dati i divieti di importazione già annunciati da Cina e Corea del Sud.

Quando gli è stato chiesto se la scienza solida è sufficiente per superare queste preoccupazioni, il signor Yamanaka ha ammesso che “non possiamo controllare la reputazione, non importa quanto bene la vestiamo”, aggiungendo: “Crediamo che i nostri sforzi risolveranno questi argomenti un giorno”.

“So che abbiamo perso la fiducia delle persone, ci vorrà del tempo per recuperarla”.

READ  Il cameriere di Hong Kong Tong Ying Kit è stato condannato per terrorismo in base alla prima sentenza delle nuove leggi sulla sicurezza
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News