SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I critici affermano che l’approvazione di una legge anti-inchiesta a Hong Kong ha sollevato timori che possa essere utilizzata per soffocare il dissenso

Il legislatore di Hong Kong ha approvato una legge sulla privacy che affronta la distribuzione di informazioni – il rilascio pubblico di informazioni che identificano un individuo o un’organizzazione – e che secondo i critici può essere utilizzata per proteggere chi è al potere e prendere di mira la società civile.

I sostenitori affermano che la legislazione era attesa da tempo per affrontare un problema crescente dalle proteste di massa pro-democrazia della città del 2019.

Gli indirizzi di casa di alcuni ufficiali e scuole per bambini sono stati rivelati dai manifestanti anti-governativi, portando a minacce.

Ma alcune aziende tecnologiche temono che la legislazione sia così ampia e vaga da ostacolare le operazioni a Hong Kong.

I gruppi per i diritti umani e la democrazia temono che possa essere usato per sopprimere il dissenso.

“Questo è per combattere il comportamento del debito che sta dividendo la società, il prima possibile”, ha detto il ministro degli affari costituzionali e continentali Eric Tsang nella legislatura, che non include alcun partito di opposizione.

Un manifestante solitario che indossa un casco giallo affronta una fila di agenti di polizia con scudi.
Gli attivisti affermano che la legge potrebbe essere utilizzata per sopprimere il dissenso a Hong Kong.(

Lettere di notizie

)

La legge autorizza l’Ufficio del Commissario per la privacy dei dati personali a indagare e perseguire il doxxing.

I trasgressori includono chiunque divulghi i dati personali di un individuo senza consenso “con l’intento di causare un danno specifico o incautamente” riguardo al danno causato.

I trasgressori rischiano multe fino a 1 milione di dollari di Hong Kong (178.000 dollari) e cinque anni di carcere.

Il commissario può richiedere un ordine di ingresso, ispezionare edifici e confiscare materiali per le indagini e può accedere a dispositivi elettronici senza mandato.

Può anche emettere avvisi per rimuovere contenuti o bloccare l’accesso a tali contenuti, in qualsiasi parte del mondo.

L’Asia Internet Alliance, un gruppo di difesa che include Google, Facebook e Twitter, ha affermato in una lettera del 25 giugno al commissario che le aziende tecnologiche potrebbero smettere di offrire i loro servizi a Hong Kong se le autorità procedessero con i cambiamenti.

La coalizione ha affermato che le misure “non sono in linea con gli standard e le tendenze globali” e che qualsiasi legislazione che potrebbe limitare la libertà di espressione “deve essere basata sui principi di necessità e proporzionalità”.

Personale RTHK ordinato di sostenere gli interessi cinesi

La legge è stata approvata lo stesso giorno in cui ai dipendenti della Hong Kong Public Broadcasting Corporation è stato ordinato di sostenere la sicurezza nazionale e gli interessi dei governi cinese e di Hong Kong.

L’unico media indipendente finanziato pubblicamente sul suolo cinese, Radio and Television Hong Kong (RTHK) trasmette dal 1928 ed è talvolta paragonato alla BBC.

I loghi della radio e della televisione di Hong Kong (RTHK) appaiono all'esterno dell'edificio
Ai dipendenti di RTHK è stato ordinato di sostenere la sicurezza nazionale cinese.(

Reuters: Tyron Seo

)

La sua carta garantisce l’indipendenza editoriale.

L’emittente ha fatto arrabbiare il governo di Hong Kong, la polizia e molte istituzioni pro-Pechino della città con la sua copertura delle proteste antigovernative che hanno scosso la città per la maggior parte del 2019.

RTHK ha affermato che un documento dettagliato è stato rilasciato al personale che delinea le responsabilità editoriali, le politiche e le procedure, dopo una critica revisione del governo a febbraio.

La radio ha riferito che il documento, diffuso dall’amministrazione, ha sottolineato che i programmi RTHK non dovrebbero provocare o approfondire l’odio, la discriminazione o l’ostilità nei confronti dei governi di Pechino o di Hong Kong.

Afferma: “In nessun caso i nostri programmi dovrebbero fornire una piattaforma per incoraggiare, favorire, promuovere, glorificare, approvare o simpatizzare con qualsiasi atto o attività che minacci la sicurezza nazionale o che contenga in altro modo contenuti in conflitto con gli interessi della sicurezza nazionale”.

La Cina ha imposto un’ampia legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong lo scorso anno che, secondo i critici, è stata utilizzata per reprimere il dissenso in città, un’accusa che le autorità di Pechino e Hong Kong respingono.

Da quando questa legge è entrata in vigore, le autorità hanno arrestato e imprigionato attivisti, confiscato i beni dei difensori della democrazia, detenuto redattori di giornali, vietato libri e slogan di protesta, nonché film censurati.

Un paese, due sistemi

Hong Kong è tornata al dominio cinese nel 1997 con un accordo “un paese, due sistemi” che prometteva ampie libertà non disponibili sul continente governato dal Partito Comunista.

Le proteste che hanno scosso la città nel 2019 hanno alimentato la percezione che Pechino stesse stringendo la presa su quelle libertà, che le autorità hanno negato.

Giornalisti e fotografi indossano indumenti protettivi mentre gli stand bruciano durante una dimostrazione
Le proteste sono state alimentate nel 2019 dalla preoccupazione che il governo cinese stesse stringendo la presa su Hong Kong.(

ABC News: Brant Cumming

)

Il ruolo di RTHK è stato sottoposto a un esame più approfondito mentre il governo implementa la propria legge sulla sicurezza nazionale.

Un comunicato stampa sul sito web di RTHK afferma che il documento “consentirà a RTHK di raggiungere meglio i suoi scopi pubblici e la sua missione come emittente di servizio pubblico e le sue responsabilità come dipartimento governativo”.

RTHK ha citato Kitty Choi, un consigliere del direttore della trasmissione, dicendo che il personale può continuare a intervistare le persone che criticano il governo.

Il documento ricorda inoltre ai dipendenti di evitare contatti con governi o organizzazioni politiche straniere per prevenire conflitti con le loro funzioni ufficiali.

Dovrebbero anche fare attenzione nel loro uso dei social media.

Alcuni dipendenti hanno detto a Reuters di essere confusi e preoccupati. “Non sono sicuro di essere in grado di produrre più programmi che non sono direttamente in linea con la posizione del governo”, ha affermato un dipendente.

La nota arriva sulla scia di diverse recenti mosse prese dal governo per riformare l’emittente, con una revisione a febbraio che ha riscontrato carenze nella sua gestione editoriale e una mancanza di trasparenza nella gestione dei reclami.

Reuters

READ  I pantaloni di Donald Trump erano capovolti durante il discorso?