I bruschi cambiamenti nel Nord Atlantico portano a un impatto climatico globale

Gli eventi Dansgaard-Oeschger sono rapidi sbalzi di temperatura nell’emisfero settentrionale fino a 15 °C in Groenlandia, verificatisi ripetutamente nell’arco di alcuni decenni durante l’ultima era glaciale. “Questi eventi sono l’archetipo dei cambiamenti climatici improvvisi e una maggiore comprensione di essi è fondamentale per effettuare valutazioni più affidabili dei potenziali rischi e impatti dei futuri eventi di inversione climatica su larga scala”, afferma Niklas Boers del Potsdam Institute for Climate Impact. Ricerca. (PIK) e l’Università Tecnica di Monaco, uno degli autori dello studio che sarà pubblicato negli Atti PNAS dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Nel nuovo studio, il gruppo di ricerca ha esaminato una raccolta globale di minerali di caverna, come pietre distillate provenienti da diverse regioni del mondo. In un certo senso questi fungono da archivi climatici da cui si possono ottenere dati sui cambiamenti delle precipitazioni durante l’ultima era glaciale. “I nostri risultati mostrano che la circolazione atmosferica e i modelli di precipitazione associati in tutto il mondo sono cambiati in modo drammatico e improvviso a seguito degli eventi Dansgaard-Oeschger”, afferma l’autore principale Jens Vollmeister, che era uno scienziato PIK al momento della ricerca. “Gli effetti di questi bruschi cambiamenti climatici del passato si sono fatti sentire a livello globale, in modo più grave nelle regioni monsoniche tropicali”.

Gli scienziati sono stati in grado di riprodurre questi effetti, suggeriti da più di 100 formazioni di grotte provenienti da 67 diverse grotte sparse in tutti i continenti tranne l’Antartide, utilizzando modelli climatici complessi. “Ciò dimostra che siamo sulla buona strada per migliorare i nostri modelli in modo da poter rappresentare i cambiamenti climatici improvvisi in modo più dettagliato”, aggiunge Boers. La ricerca potrebbe anche aiutare a comprendere meglio come i cosiddetti fondamentali come gli AMOC interagiranno nei futuri scenari di riscaldamento causati dall’uomo. Ad oggi, le incertezze sulla stima del comportamento di questi elementi critici rimangono enormi, nonostante l’intenso lavoro di ricerca condotto da diversi anni. I ricercatori ritengono che ciò richieda la continuazione delle indagini sistematiche sui cambiamenti climatici improvvisi del passato. “Abbiamo fatto un enorme passo avanti e aggiunto un altro pezzo del puzzle verso valutazioni più affidabili degli impatti globali dettagliati che un’inversione di una componente importante del sistema Terra come l’AMOC potrebbe avere”, conclude Boyers.

READ  Una gestione medica efficace dei LUTS può ridurre il rischio di morte

Articolo: Jens Vollmeister, Natacha Sejon, Andrea Colombo, Guido Vittoretti, Niels Witzel, Kira Rifeld, Cristina Vega-Perez, Maya Ben-Yami, Norbert Marouane, Niklas Boers (2023): La riorganizzazione globale della circolazione dell’aria durante il Dansgard-Ochre Cicli. Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS). [DOI:10.1073/pnas.2302283120]

Link all’articolo una volta pubblicato: https://doi.org/10.1073/pnas.2302283120

rilascio pubblico. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica e viene modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni o parti aziendali e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzate integralmente qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto