I batteri geneticamente modificati scompongono la plastica nell’acqua salata: NSF

I ricercatori sono riusciti a modificare geneticamente un microrganismo marino in grado di decomporre la plastica presente nell’acqua salata. L’organismo modificato può scomporre il polietilene tereftalato (PET), un fattore che contribuisce all’inquinamento da microplastiche dell’oceano e che viene utilizzato in qualsiasi cosa, dalle bottiglie d’acqua ai vestiti.

I ricercatori hanno lavorato con due tipi di batteri. Il primo, Vibrio natriegens, prospera in acqua salata e si riproduce molto rapidamente. La seconda, Ideonella sakaiensis, produce enzimi che le permettono di degradare e metabolizzare il PET.

I ricercatori hanno prelevato il DNA dell’I. sakaiensis e ne hanno incorporato la sequenza genetica in un plasmide. I plasmidi sono sequenze genetiche che possono replicarsi in una cellula, indipendentemente dal cromosoma della cellula. Inserendo un plasmide contenente i geni I. sakaiensis nei batteri V. natriegens, i ricercatori sono riusciti a far sì che V. natriegens producesse gli enzimi necessari sulla superficie delle sue cellule. I ricercatori hanno poi dimostrato che V. natriegens potrebbe degradare il PET in un ambiente di acqua salata a temperatura ambiente.

“Questa è la prima volta che qualcuno riporta il successo nel far sì che V. natriegens esprima enzimi estranei sulla superficie delle sue cellule”, afferma Nathan Crook, autore corrispondente dell’articolo sul lavoro, pubblicato sulla rivista Science. Giornale dell’AIChEun ingegnere chimico e biomolecolare in Università statale della Carolina del Nord. I lavori sono stati completati con il sostegno finanziario di Fondazione nazionale per la scienza degli Stati Uniti.

“In pratica, questo è anche il primo OGM di cui siamo a conoscenza in grado di scomporre le microplastiche nell’acqua salata”, afferma Tianyu Li della NC State, primo autore dello studio.

READ  NSW COVID-19 picco ancora da raggiungere; L'epidemia di topi potrebbe tornare | Standard della Valle del Murray

I ricercatori hanno riconosciuto di aver dovuto affrontare ulteriori ostacoli, ma, secondo Crook, “l’analisi del PET nell’acqua salata è stata la parte più impegnativa” del loro lavoro.

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzale integralmente qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto