HomeEconomyHo simulato l'industria energetica australiana e ho scoperto quanto sia strana e...

Ho simulato l’industria energetica australiana e ho scoperto quanto sia strana e contorta Nick Miller

Per un anno ho pagato il prezzo reale per l’energia solare e l’ho odiato – e l’ho adorato.

Alla fine ho dovuto smettere perché cominciavo a sentirmi un po’ più maniacale. Per un po’ è stato peggio della mia dipendenza da Candy Crush, ed è finita allo stesso modo.

Ma poi Ausgrid ha annunciato che avrebbe addebitato ai proprietari dei pannelli solari parte dell’energia in eccesso che avrebbero restituito alla rete, il che mi ha dato intensi flashback su quell’anno.

Ah, 2022. L’anno in cui ho giocato nel settore energetico e inavvertitamente ho imparato come funziona questo posto strano e contorto.

Per riavvolgere. Poco dopo aver installato un bellissimo pannello solare sul nostro tetto, ci siamo iscritti a un tipo di rivenditore di energia molto raro (in Australia). Ciò che fa è esporvi, in modo completo e impenitente, al vero prezzo all’ingrosso del potere.

Si scopre che i rivenditori che vendono energia dalla rete a casa tua non pagano un prezzo fisso per questo. Ogni 10 minuti circa, il prezzo all’ingrosso di un megawatt, o watt, viene fissato in base a quanto costa generarlo in quel momento (in realtà è più complicato di così, perché molti rivenditori firmano contratti di copertura per eliminare parte del rischio, ma il nuovo modello di rivenditore privato Il mio obiettivo era trasferire il prezzo – e il rischio – su di me.)

Questo prezzo all’ingrosso può variare violentemente. In un pomeriggio invernale nuvoloso e tranquillo, quando tutti tornano a casa dal lavoro, accendono il riscaldamento e le luci, caricano il bucato e mettono qualcosa nel forno, l’energia di massa diventa costosa. Soprattutto se uno dei vecchi, fatiscenti e sporchi generatori di carbone si rompe, cosa che sta diventando sempre più comune.

Al contrario, intorno a mezzogiorno in una giornata soleggiata e ventosa, quando i mulini a vento si avviano e i pannelli bruciano in tutto lo stato (e nel paese), c’è molta energia in giro ed è essenzialmente gratuita. Poiché il sistema ha più energia di quella di cui ha bisogno (e spesso non ha spazio per immagazzinare adeguatamente questo eccesso – ne parleremo più avanti), in realtà carica i generatori per alimentarlo.

READ  Il ministro italiano dell'Economia si dichiara pronto a sostenere la riforma del Meccanismo europeo di stabilità
L’app che Nick Miller utilizza per monitorare i prezzi dell’energia e l’alimentazione solare.

E siamo noi, sempre più. Grazie ai sussidi, ai tagli dei prezzi e alla sensazione generale che questo sia un buon modo per risparmiare sulle bollette energetiche e magari aiutare in caso di emergenza climatica, un terzo delle famiglie australiane – fino a 4 milioni – hanno pannelli solari.

Quando mi sono iscritto a questo fornitore, ho ottenuto un’app che mi diceva il prezzo corrente del potere d’acquisto e il prezzo corrente del potere di vendita, in un dato momento.

È anche predisposto per inviarmi avvisi: grazie al Met Office puoi sapere in anticipo quando ci sarà un aumento dei prezzi dell’energia, così se ricevi un avviso puoi evitare di lavare i piatti o chiamare. Aria condizionata, per evitare di essere rallentati.

Questo era anche, guarda caso, un periodo in cui le tariffe di alimentazione erano al massimo, e se avevi una batteria piena di vecchio solare ed era impostata nel modo giusto, potevi fare una motza rivendendola alla rete.

L’app mi avvisava anche quando stavo letteralmente pagando la compagnia energetica per sbarazzarmi della mia energia solare in eccesso. Dopo tutti quei soldi che abbiamo speso per mettere dentro quella dannata roba, eccola lì, ad aggiungersi alla nostra bolletta elettrica. Grazie, app.

L’idea di questo alimentatore era che se sapessi cosa stavi pagando e cosa stavi guadagnando, minuto per minuto, potresti impilare le carte a tuo favore.

Almeno questa è la teoria. Ma, e questo mi frustrava sempre più, non fu quello che accadde.

Per ottenere i vantaggi di questo sistema, è necessario essere in grado di spostare il consumo di energia. Purtroppo, si scopre che questo non è facile, e ciò che è ancora più fastidioso è che meno sei ricco, meno puoi trarne beneficio.

READ  L’Italia alza le previsioni sul deficit di bilancio in un contesto di crescenti pressioni economiche

Hai un’auto elettrica? Per tua fortuna, puoi collegarlo quando il prezzo dell’energia è basso e la tariffa feed-in è negativa per ottenere una ricarica completamente gratuita e risparmiarti una penalità. No, non possiamo comprare un’auto elettrica.

Hai una batteria domestica? Fortunatamente per te, puoi immagazzinare tutta quella meravigliosa energia solare durante il giorno, invece di pagarla, e poi usarla tu stesso di notte o rivenderla alla rete per un grande ritorno durante la mattina e la sera. unghia. No, non possiamo comprare una batteria.

Hai un sistema idrico a pompa di calore? Fortunatamente per te, puoi configurarlo per riempire la tua caldaia con acqua calda utilizzando l’energia direttamente dal pannello solare, senza bisogno di una rete. Bene, in realtà ne abbiamo uno. Fortunatamente per noi.

Il che ci lascia con lo spostamento del nostro consumo di energia. Lavoriamo entrambi, quindi se non lavoriamo a casa, non potremo fare un carico di bucato quando l’app ci dice che è meglio farlo, o cucinare la cena prima della sessione stampa serale della famiglia. Accendiamo il riscaldamento nella scarsa luce pomeridiana quando torniamo a casa, non a metà giornata.

Quando lavoravo da casa, ero felice di accendere l’asciugatrice dopo aver lavato i vestiti e sapere che non stava facendo assolutamente alcun danno né all’ambiente né ai nostri soldi.

Ma alla fine, la brutta notizia mi è stata comunicata dalle bollette dell’elettricità. Non siamo riusciti a effettuare una conversione degli ordini sufficiente per far funzionare il sistema. Alla fine abbiamo pagato la nostra energia molto di più rispetto all’anno precedente, nonostante i pannelli solari.

Quindi abbiamo cambiato i fornitori di energia con fornitori razionali secondo il vecchio modello di prezzo fisso. L’applicazione è andata allo stesso modo di Candy Crush.

READ  L’Autorità di regolamentazione australiana per l’energia riconosce che ci sono serie preoccupazioni riguardo alle tariffe in base al tempo di utilizzo

Poco dopo, il precedente rivenditore ci ha inviato una grossa somma di denaro, perché aveva la garanzia che nessun utente avrebbe pagato più dell'”offerta predefinita” dello Stato che pone un tetto alle bollette energetiche. Ma era troppo tardi, ce n’eravamo andati ed ero così esausto per aver cliccato sull’app che non potevo iscrivermi di nuovo.

Adoro ancora i nostri pannelli solari. Nel complesso ci fanno comunque risparmiare un sacco di soldi. Ho appena scoperto che non ho il tipo di famiglia giusta per trarne il massimo.

E la chiave? Batterie. Quello che ho imparato è l’estrema importanza delle batterie. Se avessi i soldi in anticipo per comprarne uno, riderei. E sono ancora dipendente da quella dannata app, la controllo più volte al giorno per vedere quanto ho risparmiato/guadagnato.

Il che mi dice una cosa abbastanza chiara. È una cattiva idea scoraggiare apertamente i pannelli solari, soprattutto in un modo che avvantaggia i ricchi a scapito degli altri. Si tratta semplicemente di eliminare i sussidi solari precedentemente invisibili e di frenare la rivoluzione delle energie rinnovabili.

Dobbiamo investire nelle batterie. Non tutte le case hanno bambini piccoli, il che è un bel lusso ma in realtà è un modo inefficace per affrontare questo problema. Abbiamo bisogno di comunità grandi, grandi.

Dopodiché, tutti i nostri pannelli solari continueranno a fruttarci soldi, perché ci saranno ancora persone che vorranno acquistare quell’energia. Non saremo esposti a sovratensioni così elevate, perché quando sarà il momento giusto e i pannelli saranno bui, le batterie torneranno da noi.

E posso ripristinare la mia applicazione.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News