Hayley Jeremiah sull’essere amato da Hollywood – dopo aver vissuto la sua vita in “opposizione” ad esso

Hayley Jeremiah Ha trascorso la sua carriera evitando avidamente Hollywood, ma in meno di 24 ore festeggerà. Sabato, il leggendario regista etiope – la forza visionaria dietro classici come Sanková e Cenere e brace—Il premio Vantage inaugurale sarà distribuito fianco a fianco Sofia Loren Alla cerimonia di apertura del tanto atteso Museo dell’Accademia.

È l’inizio del Rinascimento che il regista merita tanto. Sali alla ribalta come membro di L.A. Rebellion, una costellazione di registi neri che spingono i confini come Julie Dash e Carlo Burnett che si è laureato alla UCLA a partire dagli anni ’60. Questo mese, Geremia Sanková Sarà ripubblicato da Array, Ava DuVernay Società di distribuzione Netflix. Il dramma del 1993 racconta la storia urgente di una donna di colore che si riconnette con le sue radici dopo aver sopportato un viaggio straziante nel tempo che la manda in una piantagione del sud durante l’era degli schiavi.

Jeremiah trarrà una lezione importante anche per Array, plasmando le menti della prossima generazione di giovani registi entusiasti, territorio familiare per il regista, che è stato professore di cinema alla Howard University per vent’anni. In mezzo a tutto ciò, il 75enne era anche nelle fasi finali della post-produzione di un film sulla seconda guerra italo-etiopica del 1935, a cui ha lavorato negli ultimi due decenni.

“Ho le vertigini”, dice Jeremiah, zoomando dall’ufficio di Washington, D.C. dove ha lavorato tutto il pomeriggio. “I miei occhi sono stanchi. Ma per il resto va bene. Il cervello sta bene.”

Si anima rapidamente quando discute di questo progetto di passione. Per ora, parte della sua battaglia di post-produzione riguarda l’ottenimento dei diritti per filmare vecchi filmati di notizie dell’era della guerra da un gruppo di italiani che non vogliono ancora consegnarli. Ma Jeremiah, che ha trascorso la sua carriera combattendo il potere, lavorando al di fuori del sistema hollywoodiano e trovando modi autosufficienti per finanziare e distribuire i suoi film, non ha paura.

READ  Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura Luca di Vito - Fra Nui

“Lo pubblicherò su YouTube”, ha detto casualmente riguardo al film. “Se mi incasinano, li incasino io”.

Fu con questo spirito che Jeremiah iniziò una lunga e luminosa conversazione sulla sua carriera, sul perché non sopportava Hollywood, e sulla conseguente amicizia con la sua famosa fidanzata, Ava DuVernay.

Fiera della vanità: Riceverai il premio Vantage inaugurale. Come sei stato informato che avresti ricevuto questo premio?

Hayley Geremia: Era avanti e indietro. Non mi interessa Hollywood in generale. Ho passato la mia vita a rifiutare l’idea che Hollywood sfrutti o distorca la razza africana. Penso che ci fossero molte cose, [but] Ava è la ragione. Ha supportato incondizionatamente il mio lavoro, quindi ci proverò.

Non sei una persona terribilmente preoccupata o preoccupata per le macchinazioni dell’Accademia – la sua politica, la sua struttura. Ti sembra complicato che vengano celebrati adesso?

Penso che il museo sia una cosa. Il nuovo approccio del museo è un fattore molto importante per cui ho accettato di farne parte. Una proposta importante dovrebbe includere i registi non bianchi ed esclusi nella conservazione e nell’amplificazione del loro lavoro.

Il resto, credo, lo sai da solo. È un settore che ama se stesso. Hollywood ha oltre cento anni di esclusione e razzismo nei confronti dei nativi americani e degli africani. Siamo stati le prime vittime dei loro stereotipi e del razzismo. E per me, non ho alcun interesse a farne parte. Ho vissuto la mia vita affrontando Hollywood. In effetti, sono una vittima dell’imperialismo culturale di Hollywood.

Quando ero giovane in Etiopia, sono stato fortemente influenzato dall’industria cinematografica che era molto razzista nei confronti degli africani. Mi sono schierato molto con la supremazia bianca quando ero un ragazzino. Quando sono arrivato in America, ero il più coloniale degli umani. Una volta a Chicago, la comunità afroamericana mi ha aiutato a liberarmi. In effetti, il primo film che ho fatto all’UCLA per liberarmi si chiamava La morte di Tarzan. Ho realizzato questo film per liberare davvero la mia mente dall’essere tenuta in ostaggio da questo paradigma razzista bianco. Quando ero bambino a Gondar [Ethiopia], nel teatro che gli italiani avevano lasciato, guardavamo e stavamo accanto a Tarzan che uccideva gli africani.

READ  Ancora una volta unico: il DJ britannico vende i biglietti per lo spettacolo di Perth Langley Park

Per me, Hollywood è parte integrante dello spostamento di molte, molte persone a un punto in cui siamo ostili alla nostra eredità culturale di giovani. Non so se questo ti dà un’idea – ma, fondamentalmente, il mio paese è una lotta eterna per liberarmi dall’occupazione di Hollywood delle mie terminazioni nervose, dei miei organi sensoriali, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto