SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Guarda 7 nuove splendide foto di Giove scattate questa settimana da Juno della NASA

Immagini più belle del flusso di Giove dalla navicella spaziale Juno della NASA a 390 milioni di miglia/628 milioni di chilometri di distanza.

Appena arrivato attraverso il Deep Space Network della NASA dopo aver attraversato 34 minuti luce e rapidamente elaborato da un team di “scienziati cittadini” volontari, le ultime immagini mostrano il pianeta più grande del sistema solare che sembra stupendo mentre Giunone progredisce da un polo all’altro in meno di tre ore.

Queste foto sono del 35 Bergov (close fly) arriva pochi giorni prima del decimo anniversario del lancio, il 5 agosto 2011, della sonda a energia solare da Cape Canaveral, in Florida.

La navicella spaziale della NASA da 1,1 miliardi di dollari è stata costruita con successo da Lockheed Martin e gestita dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, in orbita su Giove il 4 luglio 2016, quasi cinque anni fa.

Durante quel periodo, il veicolo spaziale, che si trovava in un’orbita ellittica in modo da poter navigare più vicino di qualsiasi altro alla sommità delle nuvole di Giove, ha fatto alcune scoperte sorprendenti.

L’ultima scoperta è la causa di forti emissioni radio all’interno del campo magnetico del pianeta gigante, che è circa 20.000 volte più forte della Terra e può estendersi fino a 2 milioni di miglia/3,2 milioni di chilometri verso il Sole (e più di 600 milioni di miglia/965 milioni chilometri di distanza).

Lo strumento Juno Waves ha registrato le emissioni radio dal campo magnetico di Giove per trovare la loro posizione esatta ascoltando la pioggia di elettroni del pianeta dalla sua luna vulcanica Io. “La radio sarà probabilmente statica, ma Juno deve essere nel posto giusto per ascoltare”, ha detto Yasmina Martos del Goddard Space Flight Center della NASA e dell’Università del Maryland. È un po’ come il faro di un faro che brilla brevemente su una nave in mare.

Il più vicino a Giove delle sue 79 lune, è attratto dall’attrazione gravitazionale del pianeta gigante e di due delle sue altre lune, generando calore nel suo nucleo e scatenando eruzioni vulcaniche costanti sulla sua superficie.

Juno, la navicella spaziale a energia solare più lontana dalla Terra, sorvolerà due volte la luna vulcanica Io nella sua nuova missione estesa, raggiungendo una distanza di 900 miglia/1.500 km da essa il 30 dicembre 2023 e il 3 febbraio 2024.

I risultati in Io arrivano sulla scia di una recente correzione di rotta Vide Giunone in grado di scattare primi piani di un’altra luna, GanimedeIn effetti, è la luna più grande del sistema solare. Il 7 giugno 2021 ha raggiunto una distanza di 645 miglia/1.000 chilometri.

Ci sono voluti solo 25 minuti per scattare cinque esposizioni. Le foto sono appena state usate Animazione con la vista del “Capitano di una nave”.

Juno raggiungerà anche le 200 miglia/320 chilometri dall’Europa il 29 settembre 2022. Dopodiché un’altra missione potrebbe essere estesa, sebbene ciò dipenda dal fatto che il veicolo spaziale e la sua batteria rimangano intatti.

Quando Giunone viene infine colpita dall’intensa radiazione di Giove, condurrà un “tuffo mortale” nel pianeta gassoso per evitare che entri in collisione con una delle lune galileiane di Giove: Io, Europa, Ganimede e Callisto. Tutti sono visti come possibilmente contenenti semplice vita microbica.

Nonostante la sua nuova missione incentrata sulla luna, Giunone trascorrerà la maggior parte del suo tempo a fotografare e studiare Giove, il “re dei pianeti”.

Ti auguro un cielo sereno e occhi spalancati.

READ  Le più antiche spore fossili di piante terrestri fanno ripensare agli scienziati come si sono evolute le piante