Grenada cerca di rilanciare il turismo, l’economia in mezzo alla pandemia

TORONTO – Il primo ministro di Grenada ha affermato che il Paese sta ricostruendo la sua economia e sta rilanciando il turismo nel tentativo di continuare a finanziare il sostegno alla pandemia per i suoi residenti.

Il primo ministro Keith Mitchell ha dichiarato a CTV News Sunday che ha pacchetti di stimolo COVID-19 specifici per i poveri e i vulnerabili, ma teme che il paese sarà in grado di fornire tale assistenza ancora per molto.

Ha detto che la pandemia potrebbe durare “a lungo” e che il Paese ha bisogno di entrate per continuare a sostenere la sua gente.

“Stiamo fondamentalmente cercando di fare il possibile per ricostruire l’economia del paese perché è fondamentale”, ha detto Mitchell. “Quindi ripresa dell’economia, ritorno agli investimenti[to] Il Paese… e ovviamente il sostegno della comunità regionale e internazionale”.

Mitchell, che è anche a capo dell’organismo dell’Organizzazione degli Stati dei Caraibi orientali (OECS), afferma che Grenada ha fatto un buon lavoro nell’affrontare la pandemia, dato che si trova nell’estremo sud dei Caraibi e ha una popolazione di circa 112.000.

Il paese ha visto un aumento del numero di casi a settembre, ma Mitchell afferma che i tassi di ospedalizzazione e mortalità da allora sono diminuiti.

“Sì, abbiamo tanti problemi quanti sono i paesi in tutto il mondo, ma a causa degli sforzi congiunti delle persone nel paese, ora stiamo assistendo a un serio declino delle mutazioni”, ha detto Mitchell.

secondo Dati tracciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ci sono stati 5.531 casi confermati di COVID-19 a Grenada dall’inizio della pandemia, oltre a 167 decessi. Domenica, il Paese ha segnalato 47 nuovi casi nelle ultime 24 ore.

READ  Fonti: la Gran Bretagna preme per sanzioni contro i talebani durante la riunione del G7

Dopo un leggero aumento dei casi nel paese a settembre, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) Emesso avviso di viaggio a GrenadaHa consigliato agli americani di evitare di viaggiare lì. Per coloro che devono recarsi sull’isola, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano di essere completamente vaccinati prima di partire.

Public Health Canada non ha consultazioni private a Grenada, ma continua a farlo Consigliamo ai canadesi di evitare viaggi non essenziali fuori dallo stato e fai molta attenzione se devono viaggiare.

Mentre il paese è aperto ai turisti, Grenada ha alcune delle politiche di viaggio più severe in atto per garantire la sicurezza di tutti, secondo Mitchell.

Dal 31 luglio, tutti i viaggiatori che entrano a Grenada devono essere completamente vaccinati. Inoltre, devono fornire prove di un risultato negativo del test PCR COVID-19 72 ore prima di lasciare il volo. Una volta a Grenada, i viaggiatori dovranno fare un altro test PCR e mettere in quarantena fino a 48 ore in attesa dei risultati.

Una volta che il secondo test risulta negativo, Mitchell afferma che i turisti sono liberi di visitare i loro amici e familiari e di vagare per l’isola “come vogliono”.

Grenada è uno dei maggiori produttori delle spezie più comuni al mondo tra cui noce moscata, cannella, chiodi di garofano, zenzero e curcuma, tutte cose su cui Mitchell dice che i viaggiatori canadesi amano mettere le mani quando visitano.

“Diciamo loro che abbiamo molti rifornimenti qui, quindi per favore venite”, ha detto.

Mitchell ha affermato che l’aumento delle infezioni da COVID-19 a settembre ha già incoraggiato più persone del posto a farsi vaccinare e spera che la tendenza continui, nonostante il calo del numero dei casi.

READ  Fia Steak serve una bistecca secca di ispirazione italiana a Santa Monica

Grenada ha somministrato un totale di 58.985 dosi del vaccino COVID-19 al 1° ottobre. Secondo l’Organizzazione Mondiale della SanitàIl numero di Grenadiani che sono stati completamente vaccinati contro il COVID-19 è attualmente compreso tra il 31 e il 32%. Ma Mitchell dice che è ancora “troppo basso”.

“Speriamo che questa non sia solo una cosa temporanea che le persone prendono come una prova molto seria che hanno bisogno di proteggersi, che dovrebbero essere vaccinati e dovrebbero attenersi sempre al protocollo: le tue maschere, il distanziamento sociale e, naturalmente, la sterilizzazione. e lavarsi le mani regolarmente”, ha detto Mitchell.

Dice che la disinformazione sul vaccino, diffusa attraverso i social media, ha ostacolato la campagna di vaccinazione di Grenada.

“La disinformazione è enorme”, ha detto. “Proprio come in Canada, c’è molta disinformazione proveniente da feste che non ti aspetteresti”.

Nonostante ciò, afferma Mitchell, i Grenadiani che vivono all’estero sono già tornati a casa per aiutare a lanciare il vaccino nel paese. Inoltre, ha affermato che ci sono persone che vivono in altri paesi, incluso il Canada, che continuano a inviare rifornimenti per aiutare Grenada a combattere il COVID-19.

“Abbiamo visto uno sforzo collettivo da parte della gente del paese”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto