SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli Stati Uniti lanciano attacchi aerei contro le milizie sostenute dall’Iran in Iraq e Siria dopo gli attacchi dei droni

Gli Stati Uniti hanno lanciato un altro round di attacchi aerei contro le milizie sostenute dall’Iran in Iraq e Siria in risposta agli attacchi dei droni.

L’esercito americano ha dichiarato domenica in una dichiarazione di aver preso di mira strutture operative e di stoccaggio di armi in due località in Siria e una in Iraq.

Non ha detto se credeva che qualcuno fosse stato ucciso o ferito.

Il segretario stampa del Pentagono, John Kirby, ha affermato che i gruppi armati stanno utilizzando le strutture per lanciare attacchi aerei senza equipaggio contro le forze statunitensi in Iraq.

Ha descritto gli attacchi aerei come “difensivi”, affermando che sono stati lanciati in risposta alla “serie di attacchi in corso da parte di gruppi sostenuti dall’Iran che prendono di mira gli interessi statunitensi in Iraq”.

“Gli Stati Uniti hanno adottato le azioni necessarie, appropriate e deliberate per ridurre il rischio di escalation, ma anche per inviare un messaggio di deterrenza chiaro e inequivocabile”, ha affermato Kirby.

Gli attacchi sono arrivati ​​sotto la direzione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la seconda volta che ha ordinato attacchi di rappresaglia contro gruppi di miliziani sostenuti dall’Iran da quando ha preso il potere cinque mesi fa.

Biden ha ordinato per l’ultima volta attacchi limitati su un obiettivo in Siria a febbraio in risposta agli attacchi missilistici in Iraq.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono) ha affermato che le strutture mirate sono state utilizzate dalle milizie sostenute dall’Iran, tra cui Kata’ib Hezbollah e Kata’ib Sayyid al-Shuhada.

ABC / filo

READ  La maggior parte delle agenzie di intelligence statunitensi ritiene che il COVID-19 sia stato una trasmissione da animale a uomo