SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli squali sono quasi scomparsi 19 milioni di anni fa e gli scienziati non sanno perché

Un evento di estinzione precedentemente sconosciuto ha causato il collasso della popolazione di squali 19 milioni di anni fa.

GT

Quando le temperature della Terra sono aumentate e i livelli di ossigeno dell’oceano sono diminuiti circa 252 milioni di anni fa, il destino della maggior parte della vita su questo pianeta era condannato. Alcune stime suggeriscono che l’evento di estinzione, l’estinzione di massa conosciuta come la Grande Morte, abbia ucciso fino al 70% di tutte le specie terrestri, ma gli animali marini ne hanno risentito maggiormente. Fino al 96% di tutte le specie sono morte negli oceani del mondo.

Ma non gli squali. Sottile perseverante dal profondo. “Sono gli ultimi sopravvissuti”, afferma Elizabeth Seibert, paleontologa e oceanografa della Yale University. La successiva estinzione avvenne, alla fine del Triassico, né loro né l’asteroide che pose fine al regno dei dinosauri circa 66 milioni di anni fa riuscirono a sradicarli.

Il La longevità degli squali è leggendaria Ma potrebbero essere più vicini all’estinzione di quanto pensassimo, secondo un nuovo studio. Pubblicato in Scienze Giovedi. La ricerca, guidata da Seibert, mostra che un evento di estinzione precedentemente sconosciuto ha spinto gli squali sull’orlo della scogliera 19 milioni di anni fa, lasciando in vita solo uno su 10 squali in mare aperto.

“È successo qualcosa che ha portato giù il 90% di loro durante la notte”, dice Seibert. Che cos’è Qualcosa Era ancora incerto, ma era decisamente devastante. L’asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha portato all’estinzione solo del 30-35% di tutte le specie di squali, un evento 2-3 volte peggiore.

In che modo Seibert e la co-autrice Leah Rubin, una studentessa di dottorato presso la School of Environmental and Forestry Sciences della State University di New York, hanno scoperto questa misteriosa estinzione marina? È stata un po’ una sorpresa, poiché includeva del lavoro investigativo in acque profonde e una montagna di microfossili.

Tesoro sepolto

Quando un animale marino muore, i suoi resti scendono negli abissi, decomponendo un’intera creatura nelle sue parti componenti. Piccoli pezzi di latifoglie, come squame di squalo (denti dentali) e denti di pesce, cadono sul fondo dell’oceano e si accumulano nel tempo nei sedimenti.

“Il fondo dell’oceano è fondamentalmente un cimitero per tutta la vita che vive ovunque nella colonna d’acqua”, dice Seibert.

Ogni dente o dente è come una piccola lapide. Poiché sono incorporati nei sedimenti, lasciano una traccia fossilizzata di vita. Questi fossili sono conosciuti come “fossili di ghiaccio”. Nemmeno i denti seghettati vengono assorbiti dal sedimento quando muore uno squalo. “Hanno perso i denti per tutta la vita”, osserva Robin. “Questo lo rende un fossile davvero abbondante”.

L’estrazione di un nucleo cilindrico dal sedimento consente agli scienziati di analizzare i tipi di ciottoli contenuti all’interno, offrendo loro una buona alternativa a come appariva l’ecosistema oceanico nei tempi profondi. Più a fondo scavi, più puoi tornare indietro nel tempo.

I nuclei di sedimenti utilizzati nello studio provengono da due siti nell’Oceano Pacifico, uno settentrionale e uno meridionale, e coprono un intervallo temporale di 40 milioni di anni. È stato raccolto a circa 3,5 miglia sotto la superficie dalla JOIDES Resolution, una nave da ricerca in grado di perforare il fondo del mare.

siberto

Un’ampia varietà di denti è stata scoperta da sedimenti di acque profonde.

lia pettirosso

Tuttavia, non è facile analizzare la pietra di ghiaccio all’interno di ogni carota. I frammenti sono incredibilmente piccoli, a volte più piccoli della metà della larghezza di un capello umano e sono disponibili in una straordinaria e bellissima gamma di forme e dimensioni.

Seibert stava esaminando il sedimento secco al microscopio e separando i denti per questo progetto, un compito in cui è diventata esperta dopo aver individuato quasi 200.000 sporcizia oceanica nei suoi studi. Dopo aver isolato i denti, il compito di Robin è aiutare Definisci e descrivi caratteristiche per distinguerli gli uni dagli altri.

I denti brillano sotto la luce, il blu radioso e il verde e l’arancione tenui, e vengono dati nomi descrittivi come “grandi lobi” (per denti che contengono, beh, due grandi lobi) a “colpo di balena” e “avvolgimento di aquiloni”. Potete vederne una selezione nell’immagine a destra.

I denti raccontano la storia. Ci sono circa 1.300 nello studio, con 85 forme geometriche distinte. La maggior parte di essi è stata descritta da Seibert e Robin a partire da 19 milioni di anni fa, dopo quel periodo solo poche dozzine sono state trovate nei nuclei di sedimenti. I denti stanno scomparendo… Allora che fine hanno fatto gli squali?

Estinzione X

I denti mostrano un calo del numero e della diversità degli squali circa 19 milioni di anni fa, ma non c’è una ragione chiara dietro questo evento. “È davvero, davvero, un mistero in questo momento, non sappiamo cosa sia successo”, dice Seibert.

La chiave per risolvere il puzzle sarà capire che periodo di tempo assomigliavano agli squali circa Scompare. È noto come Miocene e Seibert lo descrive come un “periodo di transizione” per la Terra. Circa 15 milioni di anni prima della misteriosa estinzione degli squali, la Terra si stava lentamente trasformando in un pianeta “ghiacciaia” e una copertura di ghiaccio permanente stava crescendo sull’Antartide. Tuttavia, il pianeta era ancora molto più caldo di quanto lo sia oggi.

“Se ti mostrassi una mappa, sapresti tutto, ma nel complesso sembreresti un po’ fuori posto”, dice Seibert.

Gli oceani di allora non erano molto diversi dagli oceani di oggi, anche se non troverai cose come il tonno, il pesce spada o gli uccelli marini. Balene e delfini non si sono ancora evoluti. Sfortunatamente, non ci sono molti documenti di alta qualità di questo periodo nella storia della Terra: gli scienziati non hanno trascorso molto tempo a guardarli e sembrano anche essere scarsamente conservati nei sedimenti di acque profonde raccolti dai programmi di perforazione.

Quindi non ci sono molte prove per catturare l’assassino di squali, per così dire, ma ci sono modi per indagare. La scoperta di Estinzione X in questo periodo insignificante della storia della Terra è solo la punta dell’iceberg.

“Questo documento presenta certamente più domande che risposte”, afferma Rubin.

Potrebbe esserci una forza trainante ambientale che causa il declino dello squalo? difficile da dire. I livelli di carbonio e ossigeno non mostrano deviazioni insolite, ma gli scienziati possono utilizzare molti dati in questo momento. È successo in tutti gli oceani del mondo e in altre forme di vita marina? Sibert crede che questo sia stato un evento globale, ma abbiamo bisogno di più registrazioni.

E gli altri corpi idrici? Laghi e sedimenti costieri possono mostrare nuovamente un fenomeno diverso. Come se la passano gli animali selvatici in questo periodo? Esistono altri agenti chimici che possono dirci com’era l’ambiente per loro?

Seibert suggerisce che un agente patogeno, come un virus, potrebbe essere responsabile del calo dei numeri, anche se sarebbe molto difficile dimostrare che fosse così.

Per Seibert, l’estinzione si distingue. Dato che gli squali esistono da 400 milioni di anni o più, sopravvivendo a più estinzioni di massa, crede che sia successo qualcosa di veramente importante e che gli squali potrebbero essere una porta per comprendere i più grandi cambiamenti nel sistema Terra durante il primo Miocene. “Ci sono altri dati in attesa di essere trovati”, afferma Robin.

Uno dei principali aspetti preoccupanti è che i residenti non hanno mai avuto la possibilità di riprendersi da questo evento. Trovare questa data nei reperti fossili mette in evidenza la fragilità dell’ambiente marino e quanto sia difficile per le specie riprendersi quando spinte sull’orlo dell’estinzione.

“La biologia sta cercando di dirci qualcosa, e penso che dobbiamo ascoltare”, dice Seibert.

READ  A SpaceX è stato chiesto di sospendere i lavori sul progetto Lunar Lander della NASA fino a quando la sfida della compagnia spaziale concorrente di Jeff Bezos non sarà risolta