SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli scienziati registrano il “pulso” della Terra sul fondo dell’oceano

University College London

Un nuovo progetto guidato dall’UCL per dispiegare 50 sismometri altamente sensibili sul fondo dell’Atlantico mira a colmare una lacuna nella nostra comprensione dei forti movimenti all’interno della Terra.

I sismografi, che rilevano le vibrazioni delle onde sismiche, saranno dispiegati in un’area che comprende le Isole Canarie, l’arcipelago delle Azzorre e Madeira e registreranno continuamente i movimenti della Terra e quindi il “pulsato” del pianeta nel corso di un anno.

In particolare, il progetto – denominato UPFLOW (Uprising Mantle Flow from New Seismic Observations) – mira a comprendere meglio le “altezze estreme” del materiale che risale dal mantello terrestre, che sono poco conosciute, come possono verificarsi lontano dai confini delle placche continentali, sono inspiegabili La teoria della tettonica a zolle.

Il progetto è finanziato dal Consiglio europeo della ricerca e include collaborazioni con istituzioni in Germania, Irlanda, Spagna e Portogallo.

La professoressa Anna Ferreira, ricercatore principale, (UCLA Earth Sciences) ha dichiarato: “Questo è il primo esperimento sismico del suo genere. È la prima volta che copriamo un’area così ampia del Nord Atlantico con questi strumenti altamente sensibili. Analizzando i loro dati, speriamo di capire meglio i movimenti massicci che si verificano a centinaia di chilometri di profondità nel mantello terrestre – in particolare, i flussi verso l’alto di materiale che ancora non capiamo bene.Questi movimenti sono ciò che alla fine causa eruzioni vulcaniche e può anche portare a terremoti”.

Il progetto utilizzerà un nuovo metodo di imaging sismico – un nuovo metodo per caratterizzare la struttura al di sotto della superficie terrestre attraverso l’analisi delle onde sismiche – precedentemente utilizzato dagli astrofisici per studiare le galassie lontane.

READ  Come guardare la NASA portare a casa un pezzo di un asteroide lunedì

Il professor Ferreira ha aggiunto: “I nostri dati avranno anche un’enorme eredità, consentendo un’ampia gamma di attività di ricerca dal monitoraggio delle balene attraverso i suoni che emettono mentre passano vicino ai sismometri, al monitoraggio di terremoti e scosse vulcaniche. I dati possono anche essere utilizzati per esaminare interazioni tra l’atmosfera, gli oceani e la terra. solido”.

Il co-investigatore, il professor Jorge Miguel Alberto de Miranda, presidente di IMAS, ha dichiarato: “L’esistenza delle Isole Canarie e delle isole vulcaniche di Madeira e delle Azzorre è il risultato di massicci movimenti nelle profondità del sottosuolo. La nostra ricerca mirerà a rivelare se c’è un collegamento nel modo in cui si sono formate queste isole”.

Nelle prossime cinque settimane, il professor Ferreira guiderà una spedizione a bordo della nave da ricerca Mario Ruivo (di proprietà del partner del progetto IPMA, l’Istituto portoghese del mare e dell’atmosfera) per far cadere con cautela i sismometri sul fondo dell’oceano, dove si ancoreranno per un anno prima della loro raccolta.

Durante questa spedizione, parteciperai alle chiamate Zoom con le classi della scuola primaria nel Regno Unito, facilitate dal GeoBus Science Outreach Project presso l’UCL, e ti connetterai anche con i bambini in Germania, Portogallo, Spagna e Irlanda. Come parte di questa sensibilizzazione, vengono scelti sia le classi che i bambini di tutti i paesi partecipanti che hanno nominato alcuni sismografi: Nettuno, Tritone, Geli, Cesare e Thor.

widget youtube segnapostohttps://youtu.be/squhUch4lUE

Lei e altri membri del team registreranno anche memo vocali e suoni dalla nave come parte di una collaborazione con il compositore jazz e strumentista Liam Noble per creare musica ispirata alla spedizione.

Il progetto è stato finanziato con una sovvenzione di 2,8 milioni di euro (2,4 milioni di sterline) del Consiglio europeo della ricerca e viene attuato in collaborazione con l’Istituto Alfred Wegener, l’Università di Potsdam, l’Helmholtz Centre Potsdam (GFZ) e l’Helmholtz Center for Ricerca oceanica. Kiel (GEOMAR), il Dublin Institute for Advanced Studies (DIAS), il Real Institute for the Monitoring of the Armada (ROA), l’Instituto Dom Luiz (IDL), l’Istituto Superiore di Inglese a Lisbona (ISEL), l’Istituto Portoghese di Mar E. Da Atmosfera, IP (IPMA).

READ  Gli esperti hanno avvertito che la velocità di lancio del vaccino COVID in Australia dovrebbe raddoppiare in modo che i confini si riaprano entro un anno

/Rilascio generale. Questo materiale proviene dall’istituzione originale e può essere di natura temporale ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. vista completa Qui.