SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli immigrati scatenano polemiche demografiche nell’Europa meridionale

Matteo Salvini, il leader della Lega italiana di estrema destra, si è affrettato ad applaudire la decisione del governo socialista a guida spagnola di inviare l’esercito quando migliaia di immigrati sono entrati nel suo territorio.

“La Spagna sta difendendo i suoi confini”, ha detto Salvini delle scene di questo mese a Ceuta, un’enclave spagnola in Nord Africa dove i soldati sono stati schierati per respingere la maggior parte degli arrivi marocchini. “Adesso tocca a noi.”

Cercava un confronto con Lampedusa, avamposto italiano sull’isola che è una delle principali destinazioni per i traghetti che attraversano il Mediterraneo dal Nord Africa, con oltre 1.000 immigrati clandestini in arrivo in un periodo di 24 ore questo mese.

Mentre le condizioni a Lampedusa sono molto diverse da quelle di Ceuta, dove un accordo ispano-marocchino ha consentito il rapido ritorno della stragrande maggioranza di coloro che hanno attraversato il confine, Spagna e Italia condividono situazioni molto simili riguardo all’immigrazione.

I migranti sull’isola italiana di Lampedusa si preparano a salire a bordo di una nave diretta in Sicilia. © Alberto Pizzoli / AFP via Getty Images

Sono attualmente i due principali paesi in prima linea nell’Unione europea per i migranti che attraversano il Mediterraneo: lo scorso anno 42.000 persone sono arrivate in Spagna, secondo Organizzazione internazionale per le migrazioniQuesto rispetto a 34.000 in Italia e 15.000 in Grecia.

Sia l’Italia che la Spagna devono affrontare anche gravi sfide demografiche dovute al rapido invecchiamento della popolazione.

Infatti, solo due giorni dopo che le forze spagnole si sono mobilitate per aiutare a chiudere Ceuta agli immigrati illegali, il primo ministro Pedro Sanchez ha svelato una ricerca che ha illustrato la dipendenza della Spagna dall’immigrazione su larga scala per i decenni a venire.

la carta, Spagna 2050Ha sostenuto, il prodotto di un anno di lavoro di accademici e analisti, che anche se il paese avesse mantenuto un’emigrazione netta di 191.000 all’anno nei prossimi tre decenni – leggermente al di sotto della media storica recente – la sua popolazione in età lavorativa diminuirebbe di 3,7 dal suo livello attuale, è circa il 31 dC.

READ  Il calo del supporto per l'unica rete a banda larga italiana sta danneggiando Telecom Italia

Ha riconosciuto che un tale declino potrebbe ridurre le dimensioni dell’economia e mettere sotto pressione lo stato sociale del paese.

Un soldato spagnolo è accanto ai migranti che riposano dopo aver nuotato attraverso il confine ispano-marocchino © Jon Nazca / Reuters

Al contrario, afferma il documento, se l’immigrazione netta è maggiore, a 255.000 all’anno, la riduzione della forza lavoro disponibile sarà dimezzata, a 1,8 milioni entro il 2050.

Diego Rubio, il funzionario che ha coordinato il rapporto, ha sottolineato che non vi era contraddizione nella posizione del governo. “Combattere la migrazione irregolare alle nostre frontiere e incoraggiare l’immigrazione legale nelle nostre città è completamente compatibile”, ha affermato.

Ha continuato: “La Spagna è aperta a coloro che cercano un futuro migliore perché è un paese che ha un senso di solidarietà e sa che abbiamo bisogno di persone provenienti da fuori per combattere il declino demografico e garantire la prosperità e il benessere del paese nel mezzo e lungo termine.”

Per ricordare le questioni in questione, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha previsto giovedì che entro il 2050 la Spagna sarà il paese membro con il più alto rapporto di dipendenza per la vecchiaia – il rapporto tra le persone di età superiore a 65 anni e la popolazione in età lavorativa – dopo il Giappone e la Corea del Sud.

La Spagna è ancora meno preoccupata per l’immigrazione rispetto ad altri paesi europei. Secondo un altro Indagine EurobarometroMeno di uno spagnolo su tre ha citato l’immigrazione come una delle maggiori sfide del blocco, che è al di sotto della media dell’Unione europea del 44%.

Santiago Abascal, a destra, leader del partito di estrema destra Vox, arriva alla spiaggia di El Tarajal a Ceuta © Brais Lorenzo / EPA-EFE / Shutterstock

Tuttavia, la questione è diventata più delicata con l’emergere del partito Vox dalla linea dura, che si batte contro gli immigrati clandestini anche nelle elezioni regionali, denunciando tutta la gestione delle incursioni a Ceuta e Spagna 2050 documento. Il leader di Vox Santiago Abascal ha descritto la proposta come un “piano per sostituire”. [Spanish] Popolazione”.

READ  Il prezzo di Ethereum esplode fino a raggiungere il massimo storico di $ 3.000

Se l’ascesa di Vox ha reso più controverso il dibattito sull’immigrazione in Spagna, il dibattito che infuria in Italia, dove la Lega Salvini è in testa ai sondaggi di opinione, sarà più difficile.

In parte a causa del recente calo dei tassi di immigrazione, lo sono anche i problemi demografici dell’Italia Più severo Dalla Spagna. L’anno scorso, la popolazione del paese è diminuita di circa 400.000 persone – equivalenti a perdere l’intera popolazione di Firenze – nel più grande calo in oltre un secolo.

Ma i politici tradizionali sono stati generalmente molto riluttanti a suggerire l’aumento dell’immigrazione come soluzione.

Matteo Salvini partecipa a una manifestazione contro l’immigrazione a Milano nel 2014 © Marco Bertorello / AFP

Invece, Salvini e altri leader anti-immigrati hanno chiesto un aumento della natalità. Quando Tito Boeri, all’epoca capo dell’agenzia pensionistica italiana, suggerì tre anni fa che il Paese aveva bisogno di più immigrazione legale, Salvini, all’epoca ministro degli interni, lo accusò di “vivere su Marte”. Boeri è stato sostituito poco dopo.

Ora, poiché il clima migliore aumenta la probabilità che più barche di migranti attraversino il Mediterraneo, la questione è di nuovo nell’agenda politica.

Mario Draghi, il primo ministro italiano, ha annunciato piani per ridurre il numero di arrivi illegali lavorando a stretto contatto con i governi libico e tunisino e ridistribuire i migranti negli Stati membri dell’Unione europea.

Si è impegnato a perseguire una politica “umanitaria” per cui “nessuno sarà lasciato solo nelle acque italiane”. Tuttavia, si ritiene che 130 migranti siano annegati al largo delle coste libiche il mese scorso, una tragedia che Papa Francesco ha denunciato come un “momento di vergogna”.

Sia Salvini che Georgia Meloni, leader del partito di opposizione di destra italiana Brotherhood, hanno denunciato il recente aumento degli arrivi dalla Libia verso isole come la Sicilia e Lampedusa.

READ  Euronext riceve l'approvazione dal consorte italiano per l'acquisizione della fonte di scambio

Alcuni attivisti hanno affermato che tali politiche anti-immigrati stanno fissando l’agenda. “E ‘una questione molto importante per i politici perché tocca molto l’elettorato”, ha detto Marta Bernardini della Ong “Mediterranean Hope” che opera a Lampedusa.

“I partiti di sinistra temono il populismo e in questo momento non presentano una visione chiara della politica di immigrazione”, ha detto.

Nonostante queste tensioni, Mariona Lozano, ricercatrice del Centro di studi demografici di Barcellona, ​​ha affermato che almeno per la Spagna gli afflussi sono destinati a continuare negli ultimi anni.

“L’immigrazione risponde alle pressioni economiche”, ha detto. La stragrande maggioranza di Nato all’estero La gente in Spagna viene dalle Americhe e dall’Europa, ma la migrazione dal Nord Africa è la rotta più antica e non si fermerà “.