Gli esperti di salute avvertono che i giovani sono al centro di un’imminente crisi di salute mentale dopo il COVID

Giugno è stato un mese turbolento dopo un anno molto difficile per Bridget Moore, che era appena stata dimessa da una struttura di cura per un disturbo alimentare e l’anoressia.

“Sto cercando di tornare a una vita davvero normale”, ha detto il 22enne alle 7.30.

Bridget ha vissuto per anni con diverse malattie mentali – disturbo borderline di personalità, depressione, ansia, disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e anoressia – ma ha detto che erano per lo più sotto controllo all’inizio del 2020 prima che la pandemia capovolgesse il mondo. giù. .

“Quando è arrivato il COVID… la mia anoressia ha deciso di tornare forte”, hanno detto.

“Ho avuto una ricaduta e ho perso una quantità significativa di peso.

“Poi sono ricaduto nel farmi del male anch’io.”

Lo psichiatra e direttore esecutivo dell’Origins Facility for Youth Mental Health, il professor Patrick McGorry, afferma che l’esperienza di Bridget è un modello che ha visto emergere nell’ultimo anno.

“Abbiamo visto un aumento della domanda, un aumento del bisogno di cure”, ha detto alle 7.30.

“Ma non siamo stati in grado di realizzarlo a causa del livello di risorse che già avevamo”.

READ  Un punto di partenza per lo studio della superconduttività

Gli effetti combinati di una pandemia durata un anno, restrizioni fluttuanti e blocchi estesi hanno colpito tutti in una certa misura.

Ma per quelli con una malattia mentale esistente, l’incertezza e l’instabilità in corso hanno avuto effetti più gravi.

“La temperatura si è alzata per l’ansia, vuol dire che [a] La proporzione di persone andrà verso di essa [needing] ha detto il professor McGurry.

“La malattia mentale che vediamo è diversa: ansia, depressione, autolesionismo, disturbi alimentari, disturbo ossessivo-compulsivo e psicosi recidivante.

Vecchio in giacca nera e camicia blu.
Il professor McGorry afferma che i blocchi non sono sostenibili quando si tratta di salute mentale, ma che le epidemie di COVID saranno altrettanto dannose se non di più. (

Lettere di notizie

)

“[Lockdowns] Benessere prosciugato…la gioia della vita.

“Il morale è danneggiato… [and] C’è un impatto sul legame sociale e sulla coesione sociale”.

Il professor McGorry ha affermato che c’erano alcune prove che la salute mentale tra i vittoriani fosse stata colpita più seriamente, avendo passato più tempo in isolamento rispetto a qualsiasi altro paese.

“Non possiamo andare avanti con questi blocchi. Penso che le persone siano completamente sopra”.

Tuttavia, con i tassi di vaccinazione bassi e le epidemie che continuano in tutta l’Australia, il professor McGorry ha affermato che al momento sembrano esserci poche alternative.

“L’altro scenario dell’epidemia di coronavirus danneggerebbe la salute mentale in modo più serio. Quindi è l’opzione più bassa, peggio è”, ha detto.

I dati rivelano il bilancio del lockdown sulla salute mentale

I dati disponibili supportano l’esperienza di operatori in prima linea ed esperti come il professor McGorry.

Un sondaggio dell’Australian Psychological Association di 7,30 esclusivamente ha rilevato che l’83 per cento degli psicologi intervistati ha riportato un aumento dei livelli di ansia, depressione e angoscia nei clienti durante le chiusure dello scorso anno.

L’ente di beneficenza nazionale per i disturbi alimentari, la Butterfly Foundation, ha registrato un aumento del 116% della domanda di servizi di assistenza online nell’ultimo anno durante la pandemia.

Giovane appeso con il mento sulle braccia, sul tavolo della sala da pranzo.
I servizi di salute mentale hanno visto un forte aumento della domanda a causa del blocco e della pandemia. (

Pixel: Andrew Neal

)

Un rapporto confidenziale dell’Agenzia di informazione sanitaria del governo del Victoria ottenuto entro le 7:30 mostra anche un aumento del numero di giovani che cercano assistenza medica di emergenza negli ospedali per condizioni di salute mentale durante e dopo i blocchi dello stato.

Beyond Blue ha riportato un aumento del 39% delle chiamate solo nei primi giorni dell’ultimo blocco del Victoria a maggio.

I giovani sono “canarini nella miniera di carbone”

Il professor McGurry afferma che i giovani sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia, con alcuni casi che si sono manifestati con tassi più elevati di altri.

“Le due cose che abbiamo visto sono un aumento dell’autolesionismo intenzionale – questa è solo una manifestazione comportamentale di ansia e ansia, depressione … persone intrise di dolore emotivo – l’autolesionismo è una specie di segno di questo”.

La seconda cosa è la marea crescente di anoressia, in particolare, tra i disturbi alimentari.

Ha detto che i giovani sono “i canarini nella miniera di carbone” dell’imminente crisi di salute mentale in Australia.

“I giovani sono in viaggio per sviluppare un’identità fondamentalmente indipendente… e il mondo è stato capovolto in un momento in cui sono meravigliosamente vulnerabili”, ha detto.

“Abbiamo visto molti giovani cavarsela bene. Ma c’è sicuramente un grande sottoinsieme che ha faticato. Ed è quello che abbiamo visto nei nostri servizi”.

“Non pensavo di aver bisogno di aiuto”

Per Bridget Moore, anche ottenere il giusto aiuto durante la pandemia è stato difficile perché la loro anoressia sta peggiorando.

“Non pensavo di aver bisogno di aiuto. Ero tipo, ‘No, sto bene.’ Sto bene. “Ma ci sono stati momenti in cui non avevo scelta e dovevo andare in ospedale”.

“I miei genitori non erano sicuri di cosa fare perché [were] in chiusura.

“Il mio psichiatra non sapeva nemmeno quanto fosse comune perché, sai, vedi le persone con le spalle scoperte nelle interviste di telemedicina”.

Una donna con i capelli castani ricci guarda in lontananza.
Bridget è ora in via di guarigione. (

Lettere di notizie

)

Bridget ha affermato che la sensazione di “perdere il controllo” durante la pandemia ha esacerbato la loro situazione.

“Penso che tutti i disturbi che ho dipendano dal controllo… e con il coronavirus non sapevi cosa sarebbe successo”, hanno detto.

“La mia mente era tipo, ‘Okay, guarda, dovrai cercare di trovare il controllo in qualche modo. “

Le condizioni di Bridget si sono deteriorate durante la pandemia e i blocchi e hanno tentato il suicidio.

Con l’aiuto medico professionale continuo, i farmaci e il supporto per i propri cari, Bridget è ora sulla via della guarigione ed è ottimista per il futuro.

“Ho una famiglia molto solidale. E penso che senza di loro, probabilmente non sarei qui”.

“Sarà un viaggio in salita, ma… sono quelli che stanno in disparte che mi incoraggiano e mi dicono che posso farlo nei momenti in cui sento che non posso”.

“Nessuno è solo in ciò che sperimenta”

Bridget vuole che le persone sappiano che la malattia mentale non è un’opzione.

“Per le persone che non capiscono cosa si prova ad affrontare un disturbo alimentare, disturbo ossessivo compulsivo, disturbo borderline di personalità o depressione, immagina di provare a stare sott’acqua, con un mattone attaccato alla gamba”, hanno detto.

“Cerchi di uscire e di respirare, ma non ci riesci, e continua a tirarti su e giù. E più vai avanti, più è difficile uscire.”

Bridget vuole condividere la sua storia personale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia mentale e incoraggiare altre persone con malattie mentali a cercare aiuto.

“Non vedo l’ora di essere in un posto dove ho la pace della mente, dove non sono sempre nervoso, o ho sempre paura di ciò che accadrà dopo. Non vedo l’ora di vivere una vita e realizzare i miei sogni .”

Se tu o qualcuno che conosci hai bisogno di aiuto, chiama Lifeline al 13 11 14 o Beyond Blue al 1300224636.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto